Zuppa gallurese: guida passo passo

(Genova)ore 16:35:00 del 30/11/2018 - Tipologia: , Cucina

Zuppa gallurese: guida passo passo

La zuppa gallurese si può conservare in frigo per 1-2 giorni..

 

Panadas, malloreddus e culurgionis sono alcuni dei piatti più conosciuti della cucina sarda. Ma chi come noi ama esplorare le tradizioni antiche e contadine, andando alla ricerca di ricette dai sapori semplici e rustici, probabilmente conosce già la zuppa gallurese, un piatto ricco e saporito, che non ha tradito le nostre aspettative. Chiamata anche suppa cuata (ovvero zuppa nascosta, per indicare i vari strati di cui è composta), questa zuppa ha origini che si perdono nella notte dei tempi, probabilmente giunge a noi dal medioevo, epoca in cui con il termine “zuppa” si indicavano tutte le preparazioni che prevedevano del pane intriso in brodi saporiti. Pane, formaggio e brodo di pecora, sono questi i pochi e semplici ingredienti che esprimono l’animo umile e campestre di questa preparazione. Il suo gusto intenso, il ripieno filante e la crosticina dorata la rendono un perfetto e attuale comfort food, da gustare nelle fredde giornate invernali per concedersi una coccola saporita.

Ingredienti per una teglia 20x20 cm

Pane raffermo di semola 270 g Pecorino sardo 260 g Casizolu 325 g Brodo di carne di pecora e agnello 1 l Pepe nero q.b.

Come preparare la Zuppa gallurese

Per realizzare la zuppa gallurese per prima cosa dovrete preparare un buon brodo di carne dal gusto deciso a base di agnello e pecora. Tagliate a metà il formaggio Casizolu (1) e grattugiatelo (2), fate lo stesso anche con il pecorino (3) e raccogliete i formaggi in una ciotola.

Pepate (4), mescolate (5) e tenete da parte. Tagliate la pagnotta a fette spesse circa 1 cm (6).

Poi prendete una pirofila dal bordo alto che misuri circa 20x20 cm e adagiate sul fondo le fettine di pane, in modo da non lasciare spazi vuoti (7). Ora distribuite sopra uno strato di formaggi grattugiati (8) in modo da ricoprire interamente le fette (9).

Proseguite con un altro strato di pane (10), uno di formaggio e poi ancora pane. Dovrete realizzare 4 strati in totale. Sull’ultimo strato di pane versate il brodo di carne a filo (11), bucherellando il pane con i rebbi della forchetta così che il liquido possa essere assorbito meglio. Con il dorso di un cucchiaio pressate il pane in superficie, in modo da inumidirlo bene (12).

Aspettate un paio di minuti per far assorbire bene il brodo, poi distribuite sopra il resto del formaggio (13), coprendo interamente (14). Insaporite con un'altra spolverata di pepe e cuocete in forno già caldo a 200° per 30 minuti, o finché non si creerà in superficie una crosticina dorata. A cottura ultimata, sfornate, lasciate riposare qualche minuto e poi servite la zuppa gallurese ben calda (15).

Conservazione

La zuppa gallurese si può conservare in frigo per 1-2 giorni. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Il Casizolu è un formaggio di latte vaccino a pasta filata tipico della Sardegna, se non riuscite a reperirlo potete utilizzare in alternativa del caciocavallo o della provola.

Giallozafferano

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Genova)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Genova)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Genova)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Genova)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...

Come fare i Conchiglioni ripieni
Come fare i Conchiglioni ripieni
(Genova)
-

Un'altra variante gustosa è la versione in bianco senza sugo di pomodoro: basterà insaporire con della cremosa besciamella!
  I conchiglioni sono un formato di pasta che accende la fantasia: si prestano...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati