Vellutata al cavolo nero: guida

(Firenze)ore 16:02:00 del 01/12/2018 - Tipologia: , Cucina

Vellutata al cavolo nero: guida

Iniziate a preparare la vellutata al cavolo nero lavando le patate, pelandole e tagliandole a cubetti..

 

La stagione invernale offre delle verdure diverse dal solito, molto buone ma che spesso non sappiamo come usare, come il cavolo nero.

Molto usato nella cucina toscana (è uno degli ingredienti della famosa ribollita), il cavolo nero non richiede lunghi tempi di cottura e non ha un sapore deciso e forte come quello di altri cavoli, cappuccio o cavolfiore.

In questa ricetta, il cavolo nero viene cotto con patate a cubetti e porro tagliato finemente; il tutto viene frullato e poi passato al setaccio per ottenere una delicata e cremosa vellutata.

La vellutata al cavolo nero è un piatto corroborante e saporito, ideale per affrontare gli ultimi freddi!

Ingredienti

Cavolo nero 1,5 kg Patate 400 g Porri 2 Brodo vegetale 1,2 l Olio extravergine d'oliva q.b. Sale fino q.b. Pepe nero q.b.

Conservazione

Conservate la vellutata al cavolo nero in frigorifero in un contenitore ermeticamente chiuso per 2-3 giorni.

La vellutata si può congelare.

Consiglio

ll bello delle vellutate è che potete personalizzarle: se la volete più cremosa basta un’aggiunta di panna; se la volete più sostanziosa basta un’aggiunta di pasta corta. La preparazione è veloce e facile, ma se non doveste avere un frullatore a immersione non disperate: potete fare la stessa identica operazione con il vostro mixer!

PREPARAZIONE:

Iniziate a preparare la vellutata al cavolo nero lavando le patate, pelandole e tagliandole a cubetti. Tagliate il porro a rondelle e fatelo rosolare in padella con un filo di olio extravergine d'oliva. Dopo circa 10 minuti, aggiungete le patate. Condite con sale e pepe e cuocete per circa 15 minuti.

Nel frattempo, pulite il cavolo nero e tagliate le foglie a pezzetti. Aggiungetele alle patate e versate, poco alla volta, il brodo. Proseguite la cottura per circa 30 minuti.

Tagliate la pancetta a striscioline e rosolatela in padella per 5 minuti, finché non risulterà croccante.

Terminata la cottura della vellutata, frullatela con un frullatore a immersione e passatela in un colino. Versatela nuovamente in pentola e cuocetela per qualche minuto insieme al Certosino Santa Lucia, in modo da farla ridurre.

Versate la vellutata al cavolo nero nei piatti guarnendola con la pancetta ben cotta.

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
(Firenze)
-

Se preferite è possibile conservare la frolla in frigorifero per 2-3 giorni, oppure congelarla per circa 1 mese.
  Di crostate ne abbiamo preparate tante. Dalla più semplice con la confettura...

Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Firenze)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Firenze)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Firenze)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Firenze)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati