Triglie alla Vernaccia, guida

(Firenze)ore 12:43:00 del 10/06/2018 - Tipologia: , Cucina

Triglie alla Vernaccia, guida

Per velocizzare la preparazione potete chiedere al vostro pescivendolo di darvi delle triglie già pulite. La ricetta tradizionale prevede le triglie intere, ma se preferite si possono utilizzare anche i filetti già pronti..

La cucina sarda, caratterizzata da sapori semplici e decisi, si basa sull’utilizzo di prodotti genuini e strettamente legati al territorio: l’area di Oristano, per esempio, è famosa per la bottarga di muggine, ingrediente principe per gli intramontabili spaghetti con la bottarga o le lorighittas, un particolare formato di pasta.

Questa zona è rinomata anche per una speciale DOC: la Vernaccia di Oristano, un vino di alta qualità da gustare al calice o con cui preparare ad esempio delle profumatissime triglie alla Vernaccia.

Questo tipico secondo di mare, che conosce alcune varianti come tutti i piatti legati al territorio, viene cotto in un gustoso sughetto di pomodorini freschi insaporito con scorza di limone e prezzemolo per un risultato dal profumo tutto mediterraneo!

Le carni tenere e delicate delle triglie di scoglio, da preferire a quelle di fango in questo caso, vengono esaltate da una breve cottura e dall’aroma unico conferito dal vino.

Non fatevi trarre in inganno dalla presentazione rustica: le triglie alla Vernaccia sono come gli isolani che le hanno inventate… buone nell’animo!

Conservazione

Si consiglia di consumare le triglie alla Vernaccia appena pronte, oppure potete conservarle in frigorifero, coperte con pellicola, per massimo un giorno. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Per velocizzare la preparazione potete chiedere al vostro pescivendolo di darvi delle triglie già pulite. La ricetta tradizionale prevede le triglie intere, ma se preferite si possono utilizzare anche i filetti già pronti.

Ingredienti

•4 grosse triglie di scoglio•

•200 ml. di Vernaccia•

•1 limone non trattato•

•60 gr. di pangrattato•

•Olio extravergine d’oliva q.b.•

•1 ciuffetto di prezzemolo•

•1 spicchio d’aglio•

•Sale q.b.•

•Pepe q.b.•

Preparazione

Squamate, lavate e asciugate con cura le triglie.

Mettete una padella larga sul fuoco e fate rosolare, in circa 5 cucchiai d’olio, l’aglio e il prezzemolo dopo averli tritati finemente.

Lavate e grattugiate la scorza del limone, avendo cura di non intaccare la parte bianca.

Salate e pepate lievemente le triglie, adagiatele in padella per farle rosolare a fiamma viva da entrambi i lati (basterà girarle una sola volta per parte). Trascorsi 2 minuti, sfumate con ½ bicchiere di Vernaccia. Abbassate la fiamma e cospargete abbondantemente le triglie di pangrattato e scorza di ½ limone. Dopo qualche minuto, irrorate con il vino restante e lasciate cuocere a fiamma dolce per circa 15-20 minuti. Servite guarnendo con delle fettine di limone e qualche fogliolina di prezzemolo fresco.

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Fregola con scampi e gamberi, guida
Fregola con scampi e gamberi, guida
(Firenze)
-

Al bisogno può anche essere congelata, tenete conto che la consistenza sarà differente.
  La cucina scalda il cuore, unisce le persone e le culture... esistono...

Salmone al forno, guida
Salmone al forno, guida
(Firenze)
-

Se preferite potete congelare la preparazione da cruda e lasciarla scongelare prima di procedere con la cottura.
  Avete ospiti a cena e poco tempo per cucinare? Che si tratti dei vostri...

Porri al prosciutto, guida
Porri al prosciutto, guida
(Firenze)
-

Per una resa più golosa, aggiungete della crema di Parmigiano anche sopra i porri, così da avvolgerli completamente.
  I porri, con il loro gusto intenso ma meno pungente della cipolla, sono degli...

Come fare i Moscardini in umido
Come fare i Moscardini in umido
(Firenze)
-

Per prima cosa pulite i moscardini, quindi con l’aiuto delle forbici separate la testa dai tentacoli e tagliateli a pezzi piccoli.
  Saltati alla “busara”, accompagnati con i piselli oppure come condimento per...

Bocconcini di pollo all'uva, guida
Bocconcini di pollo all'uva, guida
(Firenze)
-

I bocconcini di pollo all’uva si conservano in frigorifero per un paio di giorni. Si sconsiglia la congelazione dopo la cottura.
  Con l’arrivo dell’autunno si apre ufficialmente la stagione dell’uva! Il suo...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati