Toto' Riina continua a non pentirsi: DARESTE IL DIRITTO ALL'AVVOCATO DIFENSORE A PERSONE COME QUESTE?

(Palermo)ore 07:49:00 del 23/07/2017 - Tipologia: , Cronaca, Denunce, Sociale

Toto' Riina continua a non pentirsi: DARESTE IL DIRITTO ALL'AVVOCATO DIFENSORE A PERSONE COME QUESTE?

Stentiamo a renderci conto che la mafia ha un suo orgoglio, un suo manifesto e persino una sua etica. Inutile fronteggiarla con tentativi di recupero sociale, educativi ecc. Non c'è che il muro contro muro.

Stentiamo a renderci conto che la mafia ha un suo orgoglio, un suo manifesto e persino una sua etica. Inutile fronteggiarla con tentativi di recupero sociale, educativi ecc. Non c'è che il muro contro muro. Voi avete le vostre idee e noi non le rispettiamo e le reprimiamo, senza tentennamenti, senza garantismi benevoli, una lotta senza quartiere con mezzi duri e misure eccezionali. Un discorso troppo duro? Forse. Ma con il buonismo, le garanzie i tre e più gradi di giudizio, le dna, le dda ecc ecc a che punto siamo? La mafia non è arretrata nemmeno di un centimetro.

Totò Riina resta detenuto al 41bis nel reparto riservato ai carcerati dell’ospedale di Parma. Il tribunale di Sorveglianza di Bolognaha rigettato la richiesta di differimento pena o di detenzione domiciliare presentata dai legali del boss mafioso per ragioni di salute.

La sua pericolosità sociale è ancora attuale e i giudici ritengono “degno di nota” un colloquio video-sorvegliato con la moglie, risalente allo scorso 27 febbraio, nel quale il capo dei capi afferma: “A me non mi piegheranno… mi posso fare anche 3000 anni”. E “altrettanto significativo”, scrivono, è un passaggio durante il quale i coniugi “giungono ad affermare che i collaboratori di giustizia vengono pagati per dire il falso”.

Sarebbe interessante, oltre che un vero atto di giustizia, applicare la pena capitale per i mafiosi. Sarebbe interessante vedere se si manterrebbero duri e inflessibili davanti alla prospettiva del patibolo. Si dice che la pena di morte non sia un deterrente, del resto nessuna pena lo è e uno/una in preda ad un raptus omicida non si ferma certo a considerare le conseguenze del suo gesto. Ma per i mafiosi è diverso: quelli sono "militari", uccidono a sangue freddo dietro ordini precisi e sapere che potrebbero pagare con la vita sono certo che avrebbe il suo peso. Soprattutto la pena capitale per i mafiosi sarebbe una formidabile arma di negoziazione: se mi dici tutto subito, se collabori subito e pienamente e ci aiuti a beccare tutti i tuoi compari ti becchi l'ergastolo al 41bis...altrimenti...Bzap! Solo per esempio eh….

Articolo di Samuele

ALTRE NOTIZIE
Corruzione: perquisita la casa di DENIS VERDINI
Corruzione: perquisita la casa di DENIS VERDINI
(Palermo)
-

E’ coinvolto anche l’ex senatore di Ala Denis Verdini nell’inchiesta che ha portato all’arresto del sindaco di Ponzano Romano, Enzo De Santis.
E’ coinvolto anche l’ex senatore di Ala Denis Verdini nell’inchiesta che ha...

'Sei italiano? Non mi servi'! Ecco a cosa servono veramente gli IMMIGRATI
'Sei italiano? Non mi servi'! Ecco a cosa servono veramente gli IMMIGRATI
(Palermo)
-

Nelle campagne della provincia bresciana è stata condotta un’inchiesta giornalistica, pubblicata dal Giornale di Brescia: c’è posto, per un italiano, come lavoratore agricolo?
Nelle campagne della provincia bresciana è stata condotta un’inchiesta...

Cosi' scappa il futuro del MERIDIONE, che si svuota in silenzio
Cosi' scappa il futuro del MERIDIONE, che si svuota in silenzio
(Palermo)
-

E chi glielo dice adesso a Salvini? Chi gli dice, mentre attende operoso al respingimento dei neri d’Africa, i nuovi invasori, che negli ultimi sedici anni circa un milione e ottocentomila italiani sono fuggiti dalle proprie case per cercare un lavoro e u
E chi glielo dice adesso a Salvini? Chi gli dice, mentre attende operoso al...

Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
(Palermo)
-

Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta correlazione che ci fu tra il partito comunista e l’estrema sinistra.
Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta...

Ceronetti: il genio italiano TROPPO SCOMODO
Ceronetti: il genio italiano TROPPO SCOMODO
(Palermo)
-

I cosiddetti “grandi italiani”, ebbe a dire l’autore televisivo Diego Cugia, sono personaggi che normalmente gli italiani neppure conoscono: la maggior parte della popolazione non sa neppure chi siano, che faccia abbiano, per quale ragione debbano essere
I cosiddetti “grandi italiani”, ebbe a dire l’autore televisivo Diego Cugia,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati