The Shapeshifting Detective: la prova

(Genova)ore 19:15:00 del 04/01/2019 - Tipologia: , Videogames

The Shapeshifting Detective: la prova

Alcuni ragazzi avevano avvisato l’ispettore che la Shaw era in pericolo, e l’avevano saputo da un particolare mazzo di tarocchi..

The Shapeshifting Detective è un noir con elementi sovrannaturali che narra le vicende legate alla sfortunata sorte della bella e conturbante Dorota Shaw, assassinata in circostanze misteriose. I principali sospettati sono tre cartomanti che attraverso la lettura dei tarocchi sono in grado, tra le altre cose, di prevedere i futuri omicidi.
La morte di Dorotha Shaw era stata prevista sul serio o si è trattato di un piano ben architettato dai complici per coprire l’assassino?

Dietro questa domanda si cela la più grande verità di The Shapeshifting Detective, tutta da scoprire nel corso delle circa cinque ore che impiegherete per arrivare ai titoli di coda. La storia, raccontata tutta in inglese, è ambientata quasi interamente all’interno di un piccolo albergo di periferia, con sortite esterne piuttosto rare che si verificano quando bisognerà interrogare gli altri personaggi che entreranno in scena nella seconda metà di gioco.
Il giocatore interpreterà un detective, incaricato dal capo della polizia, pronto a indagare sulla morte di Dorotha Shaw. È un personaggio che non vedrete mai, dai contorni sfumati, che non appare nella foto in basso a sinistra come tutti gli altri e che è volutamente spersonalizzato per tentare di farvi immedesimare il più possibile.

Ciò, in realtà, non succede mai, perché di fatto The Shapeshifting Detective è molto limitato; è un titolo da approcciare in maniera quasi del tutto passiva, una sorta di librogame moderno con una struttura eccessivamente rigida. In The Shapeshifting Detective non potrete muovervi; potrete solo selezionare a chi rivolgervi, dare input, scegliere delle domande, decidere a chi farle, tirare le somme e andare al capitolo successivo. In realtà D’Avekki Studio ha previsto una sorta di sistema randomico di assassini, pertanto le partite successive, a seconda dei bivi intrapresi, possono cambiare le carte in tavola. Non aspettatevi tuttavia chissà quali stravolgimenti, perché l’ossatura di gioco (e tutti i difetti che si porta dietro) rimane la medesima, con sommo disappunto di chi si ritrova catapultato d’improvviso nell’ultimo ventennio videoludico del ‘900.

Una storia semplice

La caratteristica più interessante di The Shapeshifting Detective (in verità anche l’unica che risolleva un minimo la produzione), è la possibilità di passare da un personaggio all’altro e scoprire così quali sono le reali intenzioni dei protagonisti. Se a un certo punto le domande finiscono, o se i personaggi faranno finta che davanti a loro non ci sia nessuno, allora potrete osservare i fatti ed elaborarli da un’altra prospettiva. Per farlo, dovrete tutte le volte entrare nella vostra stanza d’albergo, in un andirivieni che risulta essere fastidioso e tedioso.

The Shapeshifting Detective è diviso in capitoli e alla fine di ogni capitolo si potrà scegliere se passare al prossimo o se restare in quello corrente per verificare qualche dialogo tralasciato. 
Da esplorare non c’è nulla e ci limiteremo a interagire con i nove protagonisti. La particolarità, rispetto al solito selezionare una delle frasi proposte, è che potremo scartarne alcune. Suona noioso? Non lo è, perché “shapeshifting” sta per “mutaforma” e siamo noi il mutaforma! Potremo infatti impersonare uno dei protagonisti e tornare dagli altri per ottenere quella risposta o quella reazione che non avremmo mai avuto di persona. 
Manca un riassunto scritto, per conoscere i nostri progressi bisogna andare dall’ispettore e chiedere a lui il punto della situazione.

Longevità

La voglia di girarsi tutti i personaggi renderà abbastanza lunga la nostra prima corsa (circa 4 ore). Per le successive, gli sviluppatori hanno dato ascolto ai giocatori inserendo il tasto “skip”. C’è però il problema di non sapere di preciso cosa abbiamo saltato, perché i sottotitoli precedenti non restano impressi. Inoltre le location non vengono grigiate quando, di fatto, non è possibile interagire. Quindi ci troveremo il filmato della stanza vuota o del soggetto in questione e dovremo tornare indietro, perdendo tempo. 
Gli assassini potenziali sono tre e quello vero è casuale. 

Noi lo abbiamo giocato 3 volte e, pur avendo apprezzato le piccole sfumature che 1600 video FHD sanno offrire, abbiamo beccato sempre lo stesso assassino. Inoltre eravamo, e siamo rimasti, curiosi di conoscere la nostra storia, perché è proprio il protagonista a essere il più misterioso di tutti.

Conclusioni

The Shapeshifting Detective costa 10,99 su Steam e intorno ai 7 su G2A. Rispetto ad altri FMV è più film che gioco, però questo non lo rende qualcosa di passivo perché le scelte hanno un’influenza palpabile e si è fortissimamente spinti a fare almeno una seconda corsa. Per farne di più, probabilmente, sarebbero servite più opzioni di dialogo e qualche svolta. Durante i nostri gameplay il gioco è andato in crash 4 volte (senza conseguenze, salva di continuo)

Articolo di Carmine

ALTRE NOTIZIE
PlayStation 5: data di uscita ufficiale e anteprima
PlayStation 5: data di uscita ufficiale e anteprima
(Genova)
-

DATA USCITA UFFICIALE PS5 - Sony ha confermato ufficialmente oggi che la sua prossima console si chiamerà PlayStation 5 (fino a oggi veniva indicata genericamente come «la nostra console next-gen», ndr) e che arriverà sul mercato a Natale 2020.
DATA USCITA UFFICIALE PS5 - Sony ha confermato ufficialmente oggi che la sua...

Magic The Gathering Arena: cosa sapere
Magic The Gathering Arena: cosa sapere
(Genova)
-

RECENSIONE MAGIC THE GATHERING ARENA - Magic: The Gathering basa il suo formato Standard, quello su cui si concentra Arena, sul Set Base attuale più i due blocchi di espansioni più recenti, ognuno dei quali composto da tre espansioni diverse.
  RECENSIONE MAGIC THE GATHERING ARENA - Dopo 25 anni dall’uscita del gioco da...

Call of Duty Mobile: cosa sapere
Call of Duty Mobile: cosa sapere
(Genova)
-

I match classificati rappresentano insomma una scelta obbligata per chi desidera una sfida consistente, e infatti si rivelano fin da subito in grado di offrire situazioni più sfaccettate e impegnative, con rapidi capovolgimenti di fronte e attacchi a sorp
  RECENSIONE CALL OF DUTY MOBILE - Avviata l’app di Call of Duty Mobile, un...

Mario Kart Tour: cosa conoscere
Mario Kart Tour: cosa conoscere
(Genova)
-

RECENSIONE MARIO KART TOUR - La struttura di Mario Kart Tour poggia le sue fondamenta sulla struttura delle controparti casalinghe. 
  RECENSIONE MARIO KART TOUR - Prima di addentrarci nei vari aspetti...

Destiny 2 Ombre dal Profondo: provato
Destiny 2 Ombre dal Profondo: provato
(Genova)
-

Perché sì, niente più perk, solo mod, ottenibili dai giocatori semplicemente giocando, tra drop casuali e ricompense e sbloccabili in maniera permanente.
  RECENSIONE DESTINY 2 OMBRE DAL PROFONDO - Tornare sulla Torre dopo una lunga...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati