Tanti italiani si sentono dei falliti: un baratro psicologico

(Milano)ore 22:31:00 del 21/08/2019 - Tipologia: , Denunce, Lavoro, Sociale

Tanti italiani si sentono dei falliti: un baratro psicologico

PERCHE' TI SENTI UN FALLITO? Parliamo di una sensazione associata al non essere riusciti a raggiungere gli obiettivi sperati a lungo o a breve termine.

PERCHE' TI SENTI UN FALLITO? Parliamo di una sensazione associata al non essere riusciti a raggiungere gli obiettivi sperati a lungo o a breve termine. Viene accompagnata da un’esperienza amara, sgradevole e frustrante. Abbiamo dovuto affrontare tutti un’esperienza simile. Fa parte della vita, è il rovescio della medaglia, l’altro volto del successo?

In questo senso, fa bene distinguere tra la sensazione di fallimento dinnanzi a un errore o a un contrattempo effettivo e quella sensazione che sopraggiunge senza motivo. Nel primo caso, la sensazione deriva dall’esperienza di aver fallito, laddove è importante puntualizzare alcuni aspetti: l’intensità, la coerenza con il fatto che l’ha scatenata e il modo in cui si reagisce.

D’altra parte, nella maggior parte dei casi accade che la persona, una volta passati i primi momenti, inizia a ragionare sui motivi del suo fallimento. Fatto questo, riuscirà a superarlo e a evitare che si ripresenti la situazione. Anomale è, invece, una reazione troppo intensa, che dura troppo a lungo o che non porta a nulla.

Scardinare la trappola mentale del “ho perso, quindi sono fallito e perderò sempre” è la vittoria verso la riuscita.

Ancora una volta, leggiamo la realtà.

SUPERARE UN FALLIMENTO - Cosa sappiamo? Non abbiamo raggiunto la meta, ma, presumibilmente, abbiamo ottenuto delle informazioni su come non va affrontata la situazione in esame. Abbiamo ottenuto qualcosa, abbiamo arricchito il nostro sapere, possiamo aggiustare il tiro per percorrere un nuovo tentativo o, se necessario cambiare strada.

L’errore comune è la generalizzazione degli eventi: la modalità con la quale affrontiamo il singolo caso non rappresenta completamente noi stessi ma solo un singolo momento che ci troviamo a gestire.

E’ proprio questo errore a dirigere il nostro modo di pensare. “Collezionare” insuccessi fa parte della mente di colui che si lascia trascinare dagli avvenimenti, colui che non osserva, colui che spera di cambiare le cose continuando a praticare lo stesso schema.

Si persevera nello stesso tentativo, sempre allo stesso modo, fino a che si smette di tentare e si scappa dal mettersi in gioco perché fallire non è solo sconfitta ma è anche vergogna di non sentirsi capaci.

Ne consegue un limite alle nostre aspirazioni, smettiamo di ambire, di sperare. E la fuga è un insuccesso ancora più certo della probabilità di provarci.

Si sceglie di non fare per paura della delusione o, per eccesso di perfezionismo, di non essere all’altezza delle aspettative che abbiamo di noi stessi.

La psicologia afferma che queste personalità hanno sperimentato, fin dall’infanzia, critiche verso la non riuscita, giudizi negativi sul proprio modo di fare, facendo proprio, anche da adulti, un modo di essere negativo che non rispecchia il nostro effettivo valore.

Attivando il circolo vizioso della perdita, auto-sabotiamo le nostre iniziative, non proviamo, rimaniamo inermi a contemplare i nostri pensieri che diventano macigni e scavano nel profondo, confermando la valutazione negativa che ci portiamo dietro.

E allora? Siamo destinati ad essere falliti?

Riuscire a gestire il dolore del fallimento è sicuramente una grande sfida, perché induce a mettersi in discussione, ci porta necessariamente a reinventarci, è un lavoro su noi stessi carico di energie.

Sperimentare la non riuscita è un atto di forza, presuppone maturità, e soprattutto voglia di conoscersi.

Sarà sicuramente plausibile che non siamo onniscienti o capaci di tutto ma è davvero raro che una persona non abbia alcuna attitudine.

Necessariamente dobbiamo dare a noi stessi la possibilità di riuscire dove possiamo, e per farlo dobbiamo essere obiettivi verso il nostro essere. Accettiamo di essere arrabbiati e delusi, analizziamo le nostre emozioni, modificandole in input per un nuovo inizio. Prendiamo tempo per risollevarci dalla sconfitta: se siamo stanchi, saremo negativi e incapaci di riflettere, e metabolizzare l’insuccesso vuol dire prendersi cura di sé. Ripartiamo sulla base delle nuove conoscenze acquisite: reinventare un’idea mette in moto ed aumenta il nostro senso di autoefficacia.

Imparare a conoscersi è il primo successo che siamo destinati a perseguire.

Non siamo falliti, al massimo possiamo fallire e fallisce solo chi non si accontenta.

Articolo di Luca

ALTRE NOTIZIE
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Milano)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
(Milano)
-

Oltre il 97% delle persone ricerca informazioni sanitarie online. Ma spesso i risultati sono inaffidabili e portatori d’ansia
SEMPRE PIU' PERSONE ANSIOSE PER RICERCHE MALATTIE SU GOOGLE - 2 americani su 5...

Torino: 25centesimi al KM se vai a lavoro in bici
Torino: 25centesimi al KM se vai a lavoro in bici
(Milano)
-

Un nuovo progetto a favore dell’ecosostenibilità è stato lanciato nella zona ovest di Torino: più pedali e più guadagni.
PAGATI PER ANDARE A LAVORO IN BICI - Bogia in piemontese vuol dire “muoviti” e...

Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Milano)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...

Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi 7 novembre
Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi 7 novembre
(Milano)
-

Chi non si doterà di questi dispositivi incorrerà in una sanzione amministrativa da 81 a 326 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente
SEGGIOLINI ANTIABBANDONO OBBLIGATORI - Da domani 7 novembre scatta l'obbligo per...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati