Tannenberg: cosa conoscere

(Firenze)ore 20:42:00 del 16/03/2019 - Tipologia: , Videogames

Tannenberg: cosa conoscere

Divisi ai due lati opposti dello scontro si trovano i vari plotoni e le divisioni che hanno tristemente combattuto nelle battaglie del fronte orientale, come appunto a Tannenberg, ai laghi Masuri o, ancora, a Łódź: ci sono le truppe austro-ungar.

 

RECENSIONE TANNENBERG - Lontano dai clamori di Apex Legends, dai balletti di Fortnite e dalle tute luccicanti di Anthem, Tannenberg ricuce il filo nostalgico con gli FPS tattici di una volta riportando il giocatore, come suggerisce lo stesso nome, lungo il fronte orientale della prima guerra mondiale. Dopo la positiva esperienza di Verdun, M2H Game Studio e Blackmill Games mantengono intatta la natura esclusivamente multiplayer della loro creatura, ma spostano il focus dell’attenzione e passano dalle lunghe trincee che hanno solcato il confine franco-tedesco agli scontri che hanno coinvolto l’Asse e l’Intesa dalla Prussia Settentrionale fino ai campi della Galizia.

RECENSIONE TANNENBERG - Come il suo predecessore, anche Tannenberg si pone in completa antitesi rispetto ai frenetici shooter moderni, anche se paragonato con il “contemporaneo” Battlefield 1, e propone uno stile di gioco molto più lento e ragionato, che premia il gioco di squadra e punisce ogni tentativo di eroica gloria personale. Il team di sviluppo ha cercato di dare un’esperienza di gioco verosimile – ovviamente nei limiti dovuti – partendo da una ricostruzione storica fedele degli scenari di guerra, sia nella realizzazione delle mappe sia nelle uniformi e nelle dotazioni degli schieramenti.

RECENSIONE TANNENBERG - Scordatevi dunque mirini olografici, colpi a ripetizioni, armature e via dicendo, perché le circa cinquanta armi presenti nel titolo sono l’esatta riproposizione digitale di quelle viste nel ‘14-’18: si va dalle carabine ai Winchester M1915, passando per il Gewehr in dotazione all’esercito tedesco e il Mosin-Nagant russo. Anche le animazioni sono state studiate nel dettaglio e contribuiscono a generare un’atmosfera tanto affascinante quanto terribile, con i lunghi e articolati tempi di ricarica che spesso sono sinonimo di morte durante uno scontro a fuoco.

Divisi ai due lati opposti dello scontro si trovano i vari plotoni e le divisioni che hanno tristemente combattuto nelle battaglie del fronte orientale, come appunto a Tannenberg, ai laghi Masuri o, ancora, a Łódź: ci sono le truppe austro-ungariche, la fanteria tedesca, quella russa e anche unità meno celebri, come quelle romene o bulgare. Ciascuna fazione è stata studiata nel minimo dettaglio ed è impreziosita dai dettagli delle uniformi e dai gridi di battaglia nelle varie lingue originali che riecheggiano in mezzo alle pallottole

Per i ragazzi di Black Mill e MH2 il realismo e l’accuratezza storica rimangono comunque gli aspetti più importanti. Per Tannenberg la situazione non cambia, ma ci sono stati degli accorgimenti nel gameplay per render ancor più differente l’offensiva sul Fronte Orientale rispetto a Verdun.

In primis abbiamo l’introduzione dei Plotoni, la classica meccanica della squad ripresa da Battlefieldma che qui in Tannenberg sarà unica e differenziata a seconda della fazione scelta. Ogni fazione ha tre Plotoni tra cui scegliere, e non solo ciascun Plotone ha uniformi o provenienza geografica diversa, ma anche armi ed abilità differenziate.

Ogni Classe di ogni Plotone avrà vari loadout di equipaggiamenti da poter sbloccare, ma le armiquesta volta, sembrano un pelo meno varie rispetto a Verdun, con l’assenza di mitragliatrici leggere, fucili a pompa ed altre tipologie di bocche da fuoco.

È stata introdotta anche la meccanica delle armi otturate, che s’incepperanno casualmente quando andremo a premere il grilletto. Sarà spesso una fonte di gioia infinita quando capiterà al nemico che ci tiene sotto tiro, ed una frustrazione immensa quando invece sentiremo il nostro otturatore bloccarsi durante uno scontro a fuoco.

Nonostante la scarsa varietà di armi, il gun-play del titolo resta solido ed ancorato alle sue radici di realismo: la gravità influenzerà pesantemente il proiettile, e senza fucili di precisione adeguati dovremo stare molto attenti a calcolare la balistica del proiettile per colpire i nemici più distanti.

Un proiettile, però, basterà a risolvere i nostri problemi. In Tannenberg infatti si muore spesso e quasi subito, e gli scontri a fuoco 1v1 diventano una battaglia di riflessi e fortuna, mentre attraversare il campo di battaglia scattando come gazzelle ci condurrà ad una morte molto rapida e prevedibile.

Nonostante ciò, la difficoltà e l’impatto del realismo sono mitigati da un tempo di respawn decisamente minore rispetto a Verdun, che ci permette di tornare subito in battaglia.

Ammirate il campo di battaglia, ma occhio alla testa

Visivamente parlando e considerando le origini indie del titolo, Tannenberg rimane un gioco basato sul motore Unity particolarmente impressionante: come già detto in precedenza, il dettaglio dei modelli poligonali di armi e uniformi è magistrale.

Perfino le texture dei terreni e delle mappe riescono a non stonare troppo col resto del gioco. Degni di nota sono gli effetti particellari e i lens flare.

Altra nota di merito è sicuramente il sistema di ragdoll che simula parecchio bene la caduta dei corpi colpiti da un proiettile mortale, o meglio ancora gli smembramenti dovuti all’esplosione di un mortaio o di una granata.

Infine c’è l’incredibile comparto audio, con una campionatura incredibilmente realistica di armi ed effetti sonori, accompagnata da un doppiaggio variegato e nella lingua originale di ogni schieramento.

 

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Fortnite, patch 8.40: cosa sapere
Fortnite, patch 8.40: cosa sapere
(Firenze)
-

È arrivata finalmente la patch 8.40 di Fortnite che, come ogni volta, introduce novità e sorprese speciali per tutti gli utenti.
È arrivata finalmente la patch 8.40 di Fortnite che, come ogni volta, introduce...

A Plague Tale Innocence: guida passo passo
A Plague Tale Innocence: guida passo passo
(Firenze)
-

Ben presto però la situazione si complicherà, lasciando spazio all’orrore e alla disperazione di un crescendo drammatico che porterà la giovane quattordicenne a dover fuggire da proprio villaggio, lasciando alle spalle i suoi amici e parenti più cari.
  In occasione del What’s Next tenutosi a Parigi pochi giorni fa, Focus Home...

Heavens Vault: cosa conoscere
Heavens Vault: cosa conoscere
(Firenze)
-

Rispetto ai precedenti giochi realizzati dal team inglese, Heaven's Vault si distingue in maniera netta anche per lo stile grafico utilizzato, che unisce ambienti completamente 3D a personaggi illustrati.
  Quando lo studio inkle pubblica un nuovo gioco, è bene stare attenti: di...

Anno 1800: cosa sapere
Anno 1800: cosa sapere
(Firenze)
-

Il 1800 fu infatti un’era di progresso scientifico, uno spartiacque tra una società ancora ad impronta principalmente agricola e le città sempre più industrializzate, dove i fumi delle ciminiere facevano da sfondo a movimenti politici e sindacali, mentre
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

Weedcraft Inc: cosa sapere
Weedcraft Inc: cosa sapere
(Firenze)
-

Si renderà necessaria una certa pazienza prima di veder decollare la propria attività, e con essa le interessanti occasioni che si creeranno dopo aver acquisito una certa dimestichezza con l'intero impianto di gioco.
  Sono passati oltre ottanta anni dall’emanazione del Marijuana Tax Act da...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati