Sterminio ebraico: ecco chi lo nega ancora oggi

BIELLA ore 23:33:00 del 16/02/2015 - Tipologia: Cultura, Curiosità, Sociale

Sterminio ebraico: ecco chi lo nega ancora oggi

Sterminio ebraico: ecco chi lo nega ancora oggi. Ecco chi sono coloro che negano la Shoah.

Negazionismo: questa parola sta prendendo sempre più significati ma la sua radice risulta essere oggi marcia perché dietro a questa parola si nascondono mille ideologie. Principalmente si parla di negazionismo quando viene negato lo sterminio degli ebrei durante la Seconda guerra mondiale. Purtroppo esistono anche persone che nonostante testimonianze dirette, fotografie, filmati, scritti, dichiarazioni e soprattutto cimiteri e fosse comuni con oltre 6 milioni di ebrei morti in quel disgraziato periodo, negano che quegli eventi si siano mai verificati. Molte volte si definiscono negazionisti proprio i neofascisti e i neonazisti, il che ci fa pensare…

Lo sterminio degli ebrei e di tutti gli altri che la gente si dimentica (zingari e omosessuali, perlopiù) c'è stato. Questo è innegabile, ci sono i corpi, ci sono prove concrete, ci sono modus operandi descritti e soprattutto c'è un'ideologia documentata che prevedeva l'inferiorità delle razze non ariane, che prevedeva una GerMania solo tedesca. La cosa più terrificante del genocidio però è il fatto che storicamente non è stato nulla di eccezionale. Ci sono stati numerosi genocidi simili sia prima che dopo l'Olocausto, sia per numeri che per atrocità compiute.

Il rischio insito nella celebrazione della memoria dell'Olocausto è che questa si trasformi nella dimenticanza degli altri genocidi. Per questo i negazionisti non amano molto il ritrarre il nazismo come male assoluto e l'Olocausto come la più grande tragedia della storia: troviamo molto più interessante considerare Hitler come un uomo, il nazismo come un'idea nata da uomini, che ogni giorno potrebbe riaffacciarsi sulla storia. Questo ai nostri occhi lo rende mille volte più terribili.

Sinceramente all’umanità non serve sapere se tutti quei bambini innocenti dietro le reti dei campi di concentramento sono stati uccisi con il gas, con la fame, con le malattie e il freddo, o con la brutalità di una pallottola: sono stati uccisi e basta! Non ci serve sapere che qualcuno ci dica ho ucciso tanti innocenti perchè mi era stato ordinato: ha ucciso! A noi non serve avere sei milioni di vittime per credere all'esistenza di un genocidio: sono sei milioni di morti e sei milioni di morti sono un genocidio!

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Caso Attali: credito, per finanziare i viaggi dei migranti
Caso Attali: credito, per finanziare i viaggi dei migranti

-

Conosciuto come l’eminenza grigia della politica francese dai tempi di Mitterand e noto per il suo ultraeuropeismo, Jacques Attali è l’uomo che ha scoperto Macron, presentandolo al presidente Hollande del quale è diventato consigliere.
Conosciuto come l’eminenza grigia della politica francese dai tempi di Mitterand...

Dove sono finiti i soldi destinati agli aiuti all'Africa?
Dove sono finiti i soldi destinati agli aiuti all'Africa?

-

Dove sono finiti i miliardi di dollari degli aiuti all’Africa? – di Ilaria Bifarini
Ingenti prestiti da parte delle organizzazioni finanziari internazionali,...

Estate: migliorare il sesso? Puntate sulla VITAMINA D!
Estate: migliorare il sesso? Puntate sulla VITAMINA D!

-

Non servono pasticche blu o un bicchierino in più. Per migliorare il sesso, secondo la scienza, c’è una soluzione molto più semplice.
ESTATE, MOLLATE IL VIAGRA - PER MIGLIORARE IL SESSO PUNTATE SULLA VITAMINA D -...

10 attacchi con armi chimiche dei PACIFISTI AMERICANI!
10 attacchi con armi chimiche dei PACIFISTI AMERICANI!

-

Ecco una lista di 10 attacchi con armi chimiche effettuati dal governo degli Stati Uniti o dai suoi alleati contro i civili…
1. L’esercito americano lanciò 20 milioni di galloni di sostanze chimiche sul...

Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!
Il segreto del Pane della Nonna che durava 10 GIORNI!

-

Il Pane della Nonna, forse qualcuno lo ricorda, durava dieci giorni… e allora cos’è questa porcheria che ci fanno mangiare oggi?
Una volta il pane delle nonne durava, nella media, dieci giorni; ora dopo tre...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati