Sesso: gli italiani ne parlano spesso, ma ne fanno poco!

(Napoli)ore 17:26:00 del 02/04/2019 - Tipologia: , Sesso

Sesso: gli italiani ne parlano spesso, ma ne fanno poco!

Negli ultimi 15 anni la frequenza dei rapporti, nelle coppie italiane, è scesa del 10%.

Negli ultimi 15 anni la frequenza dei rapporti, nelle coppie italiane, è scesa del 10%. Ogni anno nascono 12mila bambini in meno, ma scendono anche le vendite di contraccettivi: -6% il preservativo, -3,7% la pillola. Colpa della pornografia? Della routine? Della sfiducia nel futuro? O forse abbiamo trovato un nuovo modo di pensare al sesso?

LO SPOT DURA UN MINUTO. Il protagonista è un uomo sui 40, atletico. Guida fino a una scogliera, da cui si tuffa; fino a una discoteca, in cui tira l’alba; fino a una sagra, dove fa bisboccia. Mi aspetto che arrivi la consueta femmina mozzafiato, sedotta dall’automobile oggetto dello spot. Non arriva. Il filmato finisce con pacche sulle spalle, risate, un’ultima birra. Tutto qui? Tutto qui. «Il sesso, agli spettatori, non interessa più», mi spiega Riccardo Cioni, che a Milano organizza una rassegna annuale di spot (La notte dei pubblivori, dal 5 al 7 aprile). «Lo schema uomo/donna non è più rappresentativo di tutta la società. Ma soprattutto la seduzione è sovraesposta, ha un po’ stufato». Dei 200 spot scelti per la rassegna, giusto una decina collegano un prodotto alla promessa del sesso. Ora, nessuno protesterà per il tramonto della donna-oggetto dei vecchi spot. Ma è bizzarro che dall’idea convenzionale di felicità, che la pubblicità sarebbe programmata per intercettare, il sesso sembri scomparso.

È COSÌ ANCHE NELLE NOSTRE VITE? Dai sondaggi – che della pubblicità sono l’ispirazione – pare che il sesso, più che una gioia, sia spesso un problema. Almeno nei rapporti uomo-donna. Qualche dato (dal Rapporto Coop 2017): negli ultimi 15 anni la frequenza dei rapporti sessuali, in media, è diminuita del 10%. Il 9% degli italiani in età sessualmente attiva non pratica da più di sei mesi. L’acquisto di profilattici, dal 2016, è sceso del 6%. Quello della pillola del 3,7%. Nascono, ogni anno, 12mila bambini meno dell’anno prima. Nel recente libro di Federico Fubini, La maestra e la camorrista (Mondadori, 144 pagine, € 17,50), il contemporaneo calo della natalità e della vendita di contraccettivi è preso a esempio estremo della nostra perdita di fiducia nel futuro. Gli italiani sembrano disamorati persino del sesso solitario: la ricerca di parole pornografiche su Google è crollata del 40% dal 2012. È single il 13% della popolazione, e non per forza chi sta in coppia fa più sesso. Tra i 35 e i 40 anni, solo 3 coppie su 10 hanno più di un rapporto a settimana. E nel 20-25% dei matrimoni il sesso non si fa mai.

QUEST’ULTIMA STIMA LA SUGGERISCE la ginecologa milanese Stefania Piloni. Dal suo ambulatorio, specializzato in problemi della fertilità, ha un osservatorio privilegiato sulle difficoltà di chi cerca un figlio. «Noi ginecologi ci accorgiamo più di un tempo delle coppie “bianche”. Sono quelle che vorrebbero accedere alla procreazione assistita per avere un bambino, sì, ma aggirando il problema». Il “problema” è il sesso. «A giudicare dalle lettere che ricevo, le relazioni “bianche” mi sembrano anche di più», mi suggerisce Greta Sclaunich, che nella sua rubrica sul Corriere raccoglie i problemi di cuore, e di letto, dei lettori. «Il 90 per cento di chi mi scrive ha una relazione ufficiale casta o quasi, e una clandestina in cui il sesso è stupendo». Ma attenzione, spiega la ginecologa: «Le coppie “bianche” non sono relazioni di comodo, o di facciata. Molto spesso sono affiatatissime. Solo che l’eros, che si nutre anche di distanze, è sparito. Se ne parla poco, ma succede a tanti». Succedeva anche in passato, ma oggi c’è più franchezza. «La mia impressione è che invece, oggi, a staccarsi dal sesso in modo inedito siano gli adolescenti», continua la ginecologa. Che racconta di ansie e paure nuove, queste sì, invece, legate all’epoca. «Varie ragazzine, ad esempio, mi chiedono una labioplastica. Cioè di adattare le loro piccole labbra alle vulve che vedono su internet. Rifiutano di mostrarsi nude al fidanzato perché si trovano brutte e strane». Piloni conduce laboratori di educazione sentimentale e sessuale nelle scuole superiori. «Ci si mette insieme senza baciarsi, con un messaggino: la fisicità terrorizza. E poi c’è un confronto continuo con la pornografia: a scuola dovremmo offrire dei laboratori di “lettura del porno”, per aiutare i ragazzini a decodificare la valanga di video erotici che abbiamo messo loro a disposizione. E che spesso sono l’unico “manuale di sesso” che hanno».

LA PORNOGRAFIA GRATUITA, accessibile, ubiqua è sul banco degli imputati di quasi ogni inchiesta sui problemi sessuali contemporanei. Le accuse: satura l’immaginario, impone modelli irrealistici, rende i corpi degli attori simili a oggetti, porta facilmente all’isolamento, rende difficile sviluppare fantasie proprie. E così via. Eppure la sensazione, conducendo questa inchiesta, è che la pornografia stia cessando di essere una novità per studiosi e addetti ai lavori – due dei portali più trafficati, YouPorn e PornHub, sono nati nel 2006 e nel 2007 – e non sia più considerata una minaccia a una sana sessualità negli adulti. Nel complicato, affascinante saggio Eccitazione – la logica segreta delle fantasie sessuali (appena uscito per Raffaello Cortina, 276 pagine, € 24), lo psicoanalista americano Michael Bader definisce le fantasie «un pronto soccorso psichico per sentimenti di colpa, vergogna, preoccupazione, rifiuto». Nella definizione di “fantasia” include il ricorso alla pornografia: «È un supporto visivo», spiega, «che semplicemente rispecchia le preferenze e le fantasie che abbiamo già. Non le influenza. Semmai le amplifica: una donna che immagini, poniamo, di essere presa da due uomini trova online video che rappresentano la sua fantasia, ma anche la stessa cosa con quattro uomini, con otto, e così via». Modelli irrealistici, però. «Ma la maggior parte delle persone sono abbastanza radicate nella realtà da saperli valutare come tali».

È L’USO COMPULSIVO DELLA PORNOGRAFIA, invece, a causare un ritiro dal sesso: per molti uomini, e da poco qualche donna, può diventare una dipendenza. La dipendenza dal porno risolve vicariamente, spiega Bader, sentimenti di solitudine e disconnessione dal partner. Ma diventa anche un freno ad affrontare questi sentimenti in modo positivo: semplificando, se l’uomo che si sente rifiutato dalla compagna pensasse che può parlargliene, anziché isolarsi, si potrebbe forse risolvere il problema. Ma quand’è che si è dipendenti? «Per alcuni ricercatori», prosegue Bader, «lo si diventa quando si passano più di 10 ore a settimana online coinvolti in attività di natura sessuale. Non ci sono limiti chiari, ma questi tentativi di dare definizioni ci fanno capire che la disponibilità del sesso sul web ha creato problemi a molti». L’Associazione italiana di ricerca sulla sessuologia stima che il 10% degli italiani abbia una forma più o meno lieve di dipendenza dal sesso online. Ma fuori da questo disturbo, conclude l’analista, «non esistono studi che mostrino che la pornografia sia in grado di influenzare la sessualità nella vita vera».

«SEMMAI IL PORNO FA CREDERE di essere grandi esperti. È come se uno si presentasse alla Nasa dicendo: ho visto Star Wars, assumetemi». La battuta è di S., romano, 34 anni. Da tre è in terapia con la sua compagna: «Conviviamo dal 2013, dopo qualche mese non facevamo più sesso. Per un po’ abbiamo fatto finta che fosse normale, poi siamo andati da uno specialista. Una flessione è fisiologica. E pensare che tutti gli altri lo facciano tantissimo, uno dei messaggi più presenti nella società, dà ansia e inibisce. Io ho le corna e pure lei. Ma ci stiamo riprendendo. Ecco, pensa alla fatica che uno deve fare per rinunciare ai preconcetti e trovare un equilibrio, e capirai che la sessualità di coppia è un lavoro. In tanti non lo sanno fare».

Da: QUI

Articolo di Carmine

ALTRE NOTIZIE
Il Trono di Spade? Puo' favorire il sesso!
Il Trono di Spade? Puo' favorire il sesso!
(Napoli)
-

La Sessuologa Rosamaria Spina è intervenuta nel corso del programma “Genetica Oggi” condotto da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus.
La Sessuologa Rosamaria Spina è intervenuta nel corso del programma “Genetica...

In amore vince chi fugge: sara' vero?
In amore vince chi fugge: sara' vero?
(Napoli)
-

Si dice che in amore vince chi fugge e che questa sia una regola d'oro della seduzione, scopri perché non è solo un detto.
In amore vince chi fugge. Sacrosanta verità che si capisce solamente dopo una...

I gemiti femminili? Non sempre sono reali!
I gemiti femminili? Non sempre sono reali!
(Napoli)
-

Chi non ricorda i gemiti femminili di Meg Ryan in una scena cult di “Harry ti presento Sally”?
Chi non ricorda i gemiti femminili di Meg Ryan in una scena cult di “Harry ti...

Frigidita' femminile e difficolta' a raggiungere orgasmo: i rimedi naturali
Frigidita' femminile e difficolta' a raggiungere orgasmo: i rimedi naturali
(Napoli)
-

Quando si vive il momento sessuale con il partner si vorrebbe provare a raggiungere il massimo del piacere, ovvero l’orgasmo.
Quando si vive il momento sessuale con il partner si vorrebbe provare a...

Posizioni sessuali? Ecco la piu' pericolosa secondo la scienza
Posizioni sessuali? Ecco la piu' pericolosa secondo la scienza
(Napoli)
-

Chi non si è mai fatto almeno un po’ di male durante il sesso alzi la mano!
Se siete degli sperimentatori, sicuramente una mossa un po’ azzardata, una presa...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati