Sequestro beni da Equitalia? Ecco come evitarlo legalmente

(Milano)ore 11:10:00 del 19/06/2018 - Tipologia: , Economia, Guide

Sequestro beni da Equitalia? Ecco come evitarlo legalmente

Basta poco per essere letteralmente “perseguitati” da Equitalia, come per esempio non pagare il canone Tv e dopo una serie di solleciti pagamenti ecco arrivare la cartella da parte di Equitalia. .

Il peggiore incubo degli italiani, oggi come oggi è diventato Equitalia, ovvero la società a partecipazione pubblica italiana, incaricata per la riscossione dei tributi su tutto il territorio italiano tranne che in Sicilia.

Basta poco per essere letteralmente “perseguitati” da Equitalia, come per esempio non pagare il canone Tv e dopo una serie di solleciti pagamenti ecco arrivare la cartella da parte di Equitalia.

Il governo ha però negli ultimi periodi cambiato alcune disposizioni riguardo le riscossioni da parte di Equitalia che permettono ai cittadini di poter trovare delle soluzioni per non pagare le somme dovute. Certo, il modo più semplice per non trovarsi in queste spiacevoli situazioni è quello di pagare regolarmente le tasse, ma trovandoci in un periodo di pura e profonda crisi come questo, e soprattutto senza lavoro, non è sempre facile restarne fuori e quindi non è così difficile non trovarsi ad avere qualche tassa, bolletta o multa non pagata.

Ma come vi abbiamo anticipato, esisterebbero dei metodi legali per non pagare i debiti ad Equitalia, ovvero: – per quanto riguarda la vostra casa, state tranquilli perchè il pignoramento potrà avvenire soltanto qualora abbiate dei debiti superiori a 120 mila euro, mentre prima il pignoramento veniva effettuato anche per debiti molto inferiori – l’ipoteca verrà applicata soltanto per debiti superiori ai 20 mila euro – inoltre, non si potrà procedere al pignoramento qualora il debitore risulti anche il proprietario e residente dell’abitazione in questione – ed ancora, il pignoramento non potrà mai avvenire se quella è l’unica casa a nome del debitore – Equitalia potrebbe effettuare il fermo amministrativo del parco macchine per la riscossione del debito, ma anche questo potrebbe non avvenire se il mezzo è l’unico a disposizione oppure se il mezzo utilizzato per lavorare – altra misura di riscossione coercitiva potrebbe essere quello del sequestro di parte dello stipendio, in vari modi e percentuali, cosa che assolutamente non può avvenire se si risulta disoccupati.

Da: QUI

Articolo di Sasha

ALTRE NOTIZIE
La Tav non conviene: ma sara' VERO?
La Tav non conviene: ma sara' VERO?
(Milano)
-

La strana analisi costi-benefici promossa dal ministero delle Infrastrutture
Sarà vero che i costi della Tav superano di sette, addirittura otto miliardi di...

Quanto ti spetta per il reddito di cittadinanza? Ecco il CALCOLO
Quanto ti spetta per il reddito di cittadinanza? Ecco il CALCOLO
(Milano)
-

Quanto prenderò per il reddito di cittadinanza esattamente (ammesso che ne abbia diritto)? Ecco come calcolarlo.
Come posso calcolare quanto mi spetta per il reddito di cittadinanza? Facciamo...

Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
(Milano)
-

Il Sud è stato raccontato come il territorio dei nullafacenti che aspirano al sussidio. Converrà rovesciare il punto di vista. È il luogo dove si fanno 800 chilometri per conquistarsi un contratto.
La politica che si interroga sui motivi della rivolta elettorale del Sud...

Bollo Auto 2019: tutte le agevolazioni con la Legge 104
Bollo Auto 2019: tutte le agevolazioni con la Legge 104
(Milano)
-

Bollo auto 2019, per agevolazioni fiscali auto: il verbale deve contenere le esatte informazioni e deve essere aggiornato, analizziamo quando e come.
Bollo auto 2019, le nuove disposizioni per l’esenzione con legge 104,...

Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
(Milano)
-

Muffa tossica nelle casette e caporalato nei cantieri post-sisma.
Prima Amatrice, poi Accumoli, infine Arquata del Tronto. Era l’11 giugno...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati