Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

(Firenze)ore 22:43:00 del 28/06/2018 - Tipologia: , Curiosità, Lavoro, Tecnologia

Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico. .

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.
 
Questa invenzione innovativa permetterà al lavoratore in forte carenza di forze fisiche e mentali di "sospendere" le proprie mansioni e concedersi un riposino a "norma di legge".
 
Visti i recenti e drammatici incidenti sul lavoro spesso propri causati dai ritmi snervanti e massacranti, dalla scarsa sicurezza del luogo di lavoro o dalla condizioni generali poco idonee, alcuni studenti hanno dedicato mesi alla ricerca  di una soluzione efficace e ci sono riusciti con l'Affaticometro che ben presto potrebbe diventare uno strumento obbligatorio all'interno di aziende, fabbriche ed uffici.
Qual'è lo scopo di questo oggetto?
 
Lo scopo principale è migliorare la salute del lavoratore che fino a ieri doveva correre dal medico per certificare il suo stato di salute, domani tutto sarà più semplice perché quando ci ci sentirà stanchi e spossati basterà misurare davanti ad un incaricato (capo reparto, infermiere, datore di lavoro o qualsiasi persona a cui verrà assegnato questo compito) il livello energetico presente nel corpo e se questo sarà al di sotto del limite stabilito, si potrà concedersi un riposo di minimo 20 minuti, fino ad ottenere il permesso autorizzato di uscita anticipata dal lavoro nei casi più gravi.
 
I ricercatori sono fiduciosi e soddisfatti della propria invenzione, pensano che grazie all'Affaticometro nessuno in futuro sarà più costretto a lavorare in condizione non idonee, pensano inoltre che preverremmo così molti esaurimenti nervosi e di conseguenza ci sarà minor bisogno di ricorrere ad antidepressivi.

Basta più mal di testa allucinanti, errori di distrazione ed ore passate a lavorare in agonia a causa della stanchezza tra uno sbadiglio e l'altro, basta occhi che bruciano e che si chiudono da soli, lavorare è un diritto, ma anche la nostra salute lo è.

Prevenire è meglio che curare e allora preveniamo.

Da: QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Sblocca Cantieri approvato: come funziona
Sblocca Cantieri approvato: come funziona
(Firenze)
-

Dopo quasi un mese dalla prima approvazione salvo intese, il decreto legge sblocca cantieri è stato nuovamente approvato dal Consiglio dei ministri, convocato per l'occasione a Reggio Calabria.
Dopo quasi un mese dalla prima approvazione salvo intese, il decreto legge...

Tasse del lavoro sempre piu' alte in Italia, stipendi piu' bassi d'Europa
Tasse del lavoro sempre piu' alte in Italia, stipendi piu' bassi d'Europa
(Firenze)
-

Le tasse sul lavoro che aumentano anche se nessun politico lo ha deciso
Tasse del lavoro sempre più alte in Italia? Questo sembra dire il rapporto...

Prime card REDDITO DI CITTADINANZA: cosa si puo' acquistare?
Prime card REDDITO DI CITTADINANZA: cosa si puo' acquistare?
(Firenze)
-

Sono scattati oggi i primi semafori verdi per l’accesso al reddito di cittadinanza. Circa 488mila i beneficiari scelti per ora dall’Inps sulla base di specifici requisiti
Sono scattati oggi i primi semafori verdi per l’accesso al reddito di...

Edge e Chrome: tutte le differenze!
Edge e Chrome: tutte le differenze!
(Firenze)
-

Sono in molti a temere che Edge non sarà altro che una versione di Chrome con una interfaccia rivisitata da Microsoft.
Sono in molti a temere che Edge non sarà altro che una versione di Chrome con...

Canapa e Cannabis: 10 cose che NON SAI
Canapa e Cannabis: 10 cose che NON SAI
(Firenze)
-

10 cose che non sai su Marijuana, Canapa o Cannabis (sono la stessa pianta) e che assolutamente dovresti sapere…
1) Marijuana, Canapa o Cannabis sono la stessa pianta. Oggi vengono comunemente...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati