Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

(Firenze)ore 22:43:00 del 28/06/2018 - Tipologia: , Curiosità, Lavoro, Tecnologia

Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico. .

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.
 
Questa invenzione innovativa permetterà al lavoratore in forte carenza di forze fisiche e mentali di "sospendere" le proprie mansioni e concedersi un riposino a "norma di legge".
 
Visti i recenti e drammatici incidenti sul lavoro spesso propri causati dai ritmi snervanti e massacranti, dalla scarsa sicurezza del luogo di lavoro o dalla condizioni generali poco idonee, alcuni studenti hanno dedicato mesi alla ricerca  di una soluzione efficace e ci sono riusciti con l'Affaticometro che ben presto potrebbe diventare uno strumento obbligatorio all'interno di aziende, fabbriche ed uffici.
Qual'è lo scopo di questo oggetto?
 
Lo scopo principale è migliorare la salute del lavoratore che fino a ieri doveva correre dal medico per certificare il suo stato di salute, domani tutto sarà più semplice perché quando ci ci sentirà stanchi e spossati basterà misurare davanti ad un incaricato (capo reparto, infermiere, datore di lavoro o qualsiasi persona a cui verrà assegnato questo compito) il livello energetico presente nel corpo e se questo sarà al di sotto del limite stabilito, si potrà concedersi un riposo di minimo 20 minuti, fino ad ottenere il permesso autorizzato di uscita anticipata dal lavoro nei casi più gravi.
 
I ricercatori sono fiduciosi e soddisfatti della propria invenzione, pensano che grazie all'Affaticometro nessuno in futuro sarà più costretto a lavorare in condizione non idonee, pensano inoltre che preverremmo così molti esaurimenti nervosi e di conseguenza ci sarà minor bisogno di ricorrere ad antidepressivi.

Basta più mal di testa allucinanti, errori di distrazione ed ore passate a lavorare in agonia a causa della stanchezza tra uno sbadiglio e l'altro, basta occhi che bruciano e che si chiudono da soli, lavorare è un diritto, ma anche la nostra salute lo è.

Prevenire è meglio che curare e allora preveniamo.

Da: QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Quanto ti spetta per il reddito di cittadinanza? Ecco il CALCOLO
Quanto ti spetta per il reddito di cittadinanza? Ecco il CALCOLO
(Firenze)
-

Quanto prenderò per il reddito di cittadinanza esattamente (ammesso che ne abbia diritto)? Ecco come calcolarlo.
Come posso calcolare quanto mi spetta per il reddito di cittadinanza? Facciamo...

ART, il futuristico tram elettrico cinese senza rotaie e a guida autonoma
ART, il futuristico tram elettrico cinese senza rotaie e a guida autonoma
(Firenze)
-

Alimentato con una batteria al litio, il mezzo di trasporto utilizza sensori per rilevare gli ostacoli e determinare la direzione da seguire
Il tram senza rotaie e senza pilota È lungo 32 metri, può ospitare fino a...

Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
(Firenze)
-

Il Sud è stato raccontato come il territorio dei nullafacenti che aspirano al sussidio. Converrà rovesciare il punto di vista. È il luogo dove si fanno 800 chilometri per conquistarsi un contratto.
La politica che si interroga sui motivi della rivolta elettorale del Sud...

Update WhatsApp: vogliono invitarvi in un gruppo? Dovranno chiedervi il permesso!
Update WhatsApp: vogliono invitarvi in un gruppo? Dovranno chiedervi il permesso!
(Firenze)
-

La piattaforma di messaggistica starebbe lavorando a una modifica della privacy che permetterà agli utenti di scegliere chi può inserirli in un gruppo automaticamente
Stanchi di essere aggiunti senza permesso ai gruppi di WhatsApp? Sappiate che...

Breaking Bad: ecco il sequel, un film per Netflix!
Breaking Bad: ecco il sequel, un film per Netflix!
(Firenze)
-

Secondo l'Hollywood Reporter Vince Gilligan sarà, oltre che sceneggiatore, anche regista
Dopo sei anni dall’ultimo episodio, Breaking Bad tornerà con un film,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati