Sanità pubblica e nuova stangata del governo Renzi

ROMA ore 17:10:00 del 22/04/2016 - Tipologia: Denunce, Economia, Politica, Salute - Tagli sanità

Sanità pubblica e nuova stangata del governo Renzi

Il ministro Padoan sul nodo della flessibilità dell'uscita dal lavoro: "Ci sono margini per ragionare su strumenti e incentivi per migliorare le opportunità per chi vuole andare in pensione".

Assurdo!Le tasse si pagano già proporzionalmente al reddito. Quante volte dobbiamo pagarli i servizi? Rubare e sprecare di meno, cara corte dei conti, questa e' la ricetta! A proposito, quanto ci costa la corte dei conti?

Il presidente Raffaele Squitieri, in audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, ha chiesto al governo di correre ai ripari per garantire la copertura dei costi e la disponibilità di risorse per gli investimenti. Il ministro Padoan sul nodo della flessibilità dell'uscita dal lavoro: "Ci sono margini per ragionare su strumenti e incentivi per migliorare le opportunità per chi vuole andare in pensione"

Corte dei Conti: “Prezzi dei servizi troppo bassi” – “Iprezzi di molti servizi offerti in Italia sono inferiori alle maggiori economie europee”, ha spiegato il presidente dei magistrati contabili. “La tendenza all’aumento, per coprire i costi e garantire flussi di investimenti significativi, appare quindi un’opzione da considerare in una fase storica di difficoltà per le finanze pubbliche, anche adottando politiche di selezione delle condizioni di accesso per evitare effetti regressivi indesiderati”. Squitieri, che ha sottolineato come le previsioni sulla crescita dell’economia “non siano esenti da rischi di ulteriore revisione al ribasso, ha aggiunto che “la prospettiva di una riduzione dellapressione fiscale su famiglie e imprese (più alta che negli anni pre crisi, come ha rilevato Bankitalia, ndr) ripropone la necessità di una revisione strutturale dell’intero sistema tributario”. Tre le direzioni in cui muoversi: “Un ampliamento della base imponibile; una revisione degli obiettivi redistributiviassegnati al sistema di prelievo; la ricerca di un effettivo coordinamento della leva fiscale fra livelli di governo“.

La corte dei conti e' per caso quel gruppo di vecchi (come la corte costituzionale)ancorati ai propri privilegi,agli stipendi che doppiano quelli del presidente degli usa,alle pensioni d'oro piu' delle cozze allo scoglio?

Quando parlano di ripresa, in realtà si riferiscono alla ripresa del debito pubblico, non dell'economia che resta saldamente almeno per l'80% in mano al governo, che gestisce o meglio sperpera, ruba e gestisce male come in Mafia Capitale da generazioni, il paese è insalvabile, fuggire è l'unica alternativa possibile. Gli squali di governo e della burocrazia si mangeranno tutto e tutti...

Invece di pensare ad aumentare i costi per i cittadini a livelli europei vedete un po di adeguare i servizi a livelli europei e cercate di rubare a livelli europei e di acquistare i beni e servizi a livelli europei e dimettetevi come fanno negli altri paesi europei (quando presi con le fare 11 miliardi di  nel sacco) e adeguate gli stipendi dei politici a livelli europei ecc ecc. , e magicamente resterebbero i soldi per costruire ospedali come alberghi assumere dottori come grey's anatomy e infermiere come le modelle di armani.

Rendere più “mirato” l’accesso alle prestazioni sanitarie per evitare che a pagare di più finisca per essere chi ha meno risorse. Ma anche aumentare tout court i prezzi di alcuni servizi, che “sono inferiori alle maggiori economie europee”. In parallelo, rivedere dalle fondamenta il sistema tributario per poter ridurre lapressione fiscale su famiglie e imprese. La Corte dei Conti, in audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sulDocumento di economia e finanza varato dal governo l’8 aprile, torna a chiedere al governo di correre ai ripari per garantire la copertura dei costi e la disponibilità di risorse per gliinvestimenti nei servizi pubblici. E, , suggerisce di “rendere piùappropriato e mirato l’accesso alle prestazioni” del Sistema sanitario pubblico, “che offre in media servizi di alta qualità” ma presenta “distorsioni evidenti”. “Non se ne può prescindere”, ha detto il presidente Raffaele Squitieri. Tradotto: bisogna ripensare i ticket differenziando maggiormente gli esborsi a seconda della condizione economica del paziente.

ECCO LA NOTIZIA DA IL FATTO QUOTIDIANO

Come fai a discriminare per reddito quando i nullatenenti portano i soldi a Panama,Svizzera, Lussemburgo o Montecarlo e il governo non fa nulla per fermarli?

Il titolare del Tesoro: “Consideriamo possibilità di digital tax”. Ma nel Def non c’è - Padoan ha anche detto che il governo “sta considerando” la possibilità di varare una “digital tax” sulle l’esecutivo, come emerge dal Def, si appresta a ridurre  del web, “una tassa complicata ma sicuramente stiamo considerando questo aspetto. E’ nell’interesse del governo”. L’ipotesi di tassare GoogleAppleFacebook e gli altri big, di cui si è discusso nel settembre 2015 quando Palazzo Chigi aveva anche preparato una bozza di decreto ad hoc e annunciato che sarebbe entrata in vigore “nel 2017″, pareva tramontata dopo le polemiche e la richiesta della Commissione Ue di attendere per non “aggravare la frammentazione del mercato digitale europeo”. Nel Def non ce n’è traccia

Padoan: “Margini per ragionare su incentivi per chi vuole andare in pensione” - Il consiglio arriva mentre l’esecutivo, come emerge dal Def, si appresta a ridurre deduzioni edetrazioni fiscali per recuperare risorse. Il ministro Pier Carlo Padoan, sempre in audizione in Parlamento, ha ribadito la cauta apertura presente nel documento sul tema della flessibilità dell’uscita dal lavoro. Il documento cita “la fattibilità di interventi volti a favorire una maggiore flessibilità nelle scelte individuali”, ma “salvaguardando la sostenibilità finanziaria“. Il titolare del Tesoro ha riconosciuto che “il Def non si addentra”, ma “ribadisce il concetto che il sistema pensionistico è uno dei pilastri della sostenibilità del sistema italiano” e “sicuramente ci sono margini per ragionare su strumenti eincentivi per migliorare le opportunità per chi vuole andare in pensione e per chi entra nel mercato del lavoro”. In particolare “sono aperto a fonti di finanziamento complementare che si possono studiare. Il Def non esclude queste cose, le rinvia al dibattito dei prossimi mesi. Le misure andranno viste nel loro insieme con la prossima legge di stabilità”. I margini però sono decisamente stretti, dato che la prossima manovra dovrà disinnescare clausole di salvaguardia per oltre 15 miliardi. Soldi da trovare prima ancora di pensare a qualsiasi altra misura. Non per niente il governo chiede la Ue di poter fare 11 miliardi di deficit aggiuntivo rispetto alle previsioni.

I componenti della corte dei conti guadagnano dai 250 a oltre 300 mila euro l'anno quindi è giusto che con i loro parametri cosiderino "basse" le spese che i cittadini comuni pagano per la sanità!

Articolo di Alberto

ALTRE NOTIZIE
Il MARE? Il miglior farmaco GRATUITO. Ecco quali patologie CURA
Il MARE? Il miglior farmaco GRATUITO. Ecco quali patologie CURA

-

Il corpo ne trae molti benefici. Il massaggio dell’acqua attiva la circolazione, la salsedine libera le vie respiratorie e riduce le forme allergiche.
I mesi estivi sono quelli che permettono a ognuno di noi di recuperare le...

La Boschi era PRESENTE al vertice con ETRURIA: dimissioni? MAI
La Boschi era PRESENTE al vertice con ETRURIA: dimissioni? MAI

-

Se qualcuno aveva ancora dei dubbi, l’incontro a casa Boschi tra i vertici di Etruria e Veneto Banca ci fu
Una persona che arriva a capo di un ministero o comunque un sottosegretario di...

Il lato OSCURO di MONDO CONVENIENZA
Il lato OSCURO di MONDO CONVENIENZA

-

Straordinari obbligatori, perdita dei benefici di anzianità di servizio, mai un riposo nei giorni festivi e stipendi ridotti. Le testimonianze dei lavoratori dell'azienda di arredament
I primi che hanno fatto concessioni alla grande distribuzione sono stati proprio...

17 giorni per perdere 9 kg. Ecco la dieta
17 giorni per perdere 9 kg. Ecco la dieta

-

La dieta dei 17 giorni nasce in America nel 2010, anno in cui il dott. Mike Moreno ha pubblicato per la prima volta il suo libro The 17 Day Diet e milioni di persone hanno perso peso usando il suo piano veloce, sicuro ed efficace.
La dieta dei 17 giorni nasce in America nel 2010, anno in cui il dott. Mike...

Abbuffate natalizie? Ecco i rimedi e le diete
Abbuffate natalizie? Ecco i rimedi e le diete

-

I dietologi rassicurano che i chili e i centimetri accumulati nel periodo natalizio vanno via non appena si torna al regime alimentare quotidiano, ma spesso l’ansia di dover riacquistare la propria linea si fa sentire.
I dietologi rassicurano che i chili e i centimetri accumulati nel periodo...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati