Salario minimo a 9 euro: chi ci guadagna di piu'

(Perugia)ore 21:03:00 del 18/03/2019 - Tipologia: , Economia, Lavoro

Salario minimo a 9 euro: chi ci guadagna di piu'

Il settore dell'artigianato è quello che beneficerebbe maggiormente dell'introduzione del salario minimo fissato a 9 euro lordi all'ora. .

Continua a tenere banco la proposta del Movimento 5 Stelle sul salario minimo a 9 euro (lordi) all’ora. Di recente, l’Inps ha sottolineato che il 22 per cento dei lavoratori occupati nel privato percepisce un salario minore, escludendo le categorie dei lavoratori agricoli e domestici, per i quali la situazione è ancora peggiore. Negli ultimi giorni il governo ha incontrato i sindacati, preoccupati per un eventuale fuga dal Ccnl (contratto colletivo nazionale di lavoro).

Sulla questione è intervenuto anche Luigi Di Maio, che su Facebook ha sottolineato come sono previsti ulteriori incontri con i sindacati. Non mancano infine le critiche e le perplessità.

I lavoratori che guadagnano meno di 9 euro lordi all’ora

Il settore dell’artigianato è quello che beneficerebbe maggiormente dell’introduzione del salario minimo fissato a 9 euro lordi all’ora. Lo chiariscono le tabelle Inps presentate in riferimento alla proposta di legge del Movimento 5 Stelle: il 57 per cento dei lavoratori occupati nel settore dell’artigianato percepisce uno stipendio inferiore ai 9 euro all’ora. Anche il terziario fatica, alla luce del 34 per cento indicato nella tabella dell’istituto nazionale della previdenza sociale. Se si prendono in considerazione le regioni italiane, la percentuale maggiore di lavoratori con uno stipendio inferiore ai 9 euro lordi all’ora si registra nel sud e nelle isole, con una percentuale del 31 per cento. Va invece meglio nel settore dell’industria, dove appena un lavoratore su dieci ha uno stipendio inferiore ai 9 euro lordi ogni 60 minuti.

Le difficoltà del settore agricolo

Secondo gli ultimi dati presentati dall’Inps, il settore agricolo è tra quelli più in difficoltà. Su quasi 870 mila lavoratori regolari, il 38 per cento (4 lavoratori su 10) ha un salario orario minore di 9 euro lordi in un mese.

Beneficio annuo

Qualora la proposta di legge del Movimento 5 Stelle sull’aumento del salario minimo andasse in porto, i lavoratori che oggi hanno uno stipendio orario inferiore riceverebbero in media un beneficio di 1.073 euro in un anno, poco meno di 90 euro in più al mese.

Le preoccupazioni dei sindacati

Confindustria e i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno manifestato le proprie perplessità rispetto al salario orario minimo affermando che esiste un rischio qualora la proposta di legge del Movimento 5 Stelle preveda una nuova misura diversa rispetto al contratto collettivo nazionale del lavoro.

Di Maio intanto guarda avanti, sottolineando come il salario minimo “non è un ricatto o una prova di forza ma un diritto che in Italia ancora (e colpevolmente) manca”.

Da: QUI

Articolo di Luca

ALTRE NOTIZIE
32 anni dalla fine del nucleare e ancora non sappiamo dove mettere i RIFIUTI RADIOATTIVI
32 anni dalla fine del nucleare e ancora non sappiamo dove mettere i RIFIUTI RADIOATTIVI
(Perugia)
-

Si chiama Sogin e pochi la conoscono: è la società creata ad hoc per gestire la denuclearizzazione in Italia, dopo il referendum del 1987 e lo spegnimento delle centrali
Se pensavate di aver chiuso con il nucleare più di 30 anni fa, vi siete...

FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
(Perugia)
-

State sereni, il suo obiettivo lo ha raggiunto: far mangiare tutti gli sciacalli che ci giravano intorno!
Mose, con le tangenti di Galan appartamenti di lusso a Dubai. Sequestrati 12,3...

I 12 miliardi di Debito di Roma? LI PAGHERANNO GLI ITALIANI.
I 12 miliardi di Debito di Roma? LI PAGHERANNO GLI ITALIANI.
(Perugia)
-

L’annuncite acuta del M5S non è una novità nel panorama politico, basti pensare al contratto con gli italiani di Berlusconi, alle promesse di Renzi o al retaggio della Prima Repubblica
L’annuncite acuta del M5S non è una novità nel panorama politico, basti pensare...

I bilanci della ONG DEI CENTRI SOCIALI
I bilanci della ONG DEI CENTRI SOCIALI
(Perugia)
-

La ong aperta da Luca Casarini e altri esponenti dei centri sociali e dell'associazionismo rosso per mettere in mare la nave Mare Jonio, svelano sì i soldi che fino a oggi gli sono arrivati nel portafogli, ma non pubblicano alcun nome se non quelli che gi
Non è tanto quello che dice, quanto piuttosto quello che no dice. Perché i...

Dati Istat: i nati dopo il 1970? I nuovi proletari italiani
Dati Istat: i nati dopo il 1970? I nuovi proletari italiani
(Perugia)
-

I nuovi proletari? Sono i giovani. Perché a decidere chi sale e chi scende nella scala sociale è, sempre di più, l’appartenenza a una generazione.
I nuovi proletari? Sono i giovani. Perché a decidere chi sale e chi scende nella...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati