Rifiuti, per POLITICI e CRIMINALI i nostri BAMBINI possono anche morire

(Napoli)ore 20:48:00 del 18/12/2017 - Tipologia: , Ambiente, Cronaca, Denunce, Sociale

Rifiuti, per POLITICI e CRIMINALI i nostri BAMBINI possono anche morire

Come si può affidare ai privati lo smaltimento di rifiuti pericolosi?? Non si sa che, per il massimo guadagno, cercheranno di smaltirli col minimo costo?.

Il reato di attentato alla salute pubblica dovrebbe essere perseguito con pene esemplari, altro che domiciliari, dovrebbero scontare la pena nella loro stessa azienda rinchiusi per due anni in un capannone stracolmo di rifiuti speciali.

Si mette alla gogna mediatica e si espone al pubblico disprezzo una maestra d'asilo che dà due scappellotti a un bambino , mentre chi i bambini li avvelena e li fa morire di cancro intasca lauti profitti e se gli va proprio male passa qualche mese ai domiciliari; per di più chi organizza e lucra su questo osceno commercio viene nascosto e difeso dai politici votati e rivotati per decenni dagli stessi avvelenati, che vendono la salute dei propri figli per favori e sussidi; poi non si lamentino, sono peggio dei delinquenti.

Capite che in questo paese abbiamo bestie umane che se ne fregano della salute dei bambini?! E a questi affidiamo la gestione di attività così sensibili e delicate! E non rischiano nulla! BASTA! Qui si è superato ogni limite!

Dai piazzali delle ditte specializzate passava di tutto, dice l’inchiesta condotta dai carabinieri forestali: stracci imbevuti di sostanzetossichefiltri olio motore, toner di stampanti. In altri casi i rifiuti speciali – pericolosi e nocivi – venivano miscelati con altri, “mascherati” per abbattere i costi di smaltimento. Sono circa 200mila le tonnellate che secondo gli inquirenti sono state smaltite abusivamente in due discariche della provincia di Livorno tra il 2015 e il 2016. In questo modo l’ipotesi è che siano stati realizzati profitti illeciti per 26 milioni di euro, quindi con il mancato versamento di 4,3 milioni di euro di ecotasse alla Regione Toscana. Almeno tre tir ogni settimana di sostanze tossiche pericolose arrivavano nelle discariche del Livornese da una ditta di Prato, la Fbn, specializzata nel trattamento dei rifiuti. In alcuni casi, come testimoniato da alcune telecamere nascoste piazzate dagli investigatori, gli indagati si limitavano a far transitare i tir carichi di rifiuti speciali pericolosi nei cortili delle ditte specializzate nello smaltimento, da dove uscivano subito dopo senza che fosse stato eseguito alcun trattamento. I rifiuti, entrati come pericolosi, ne uscivano declassificati a ordinari e poi venivano stoccati nelle discariche.

Articolo di Luca

ALTRE NOTIZIE
Batteria liquida: la rivoluzionaria invenzione ITALIANA dal 2019
Batteria liquida: la rivoluzionaria invenzione ITALIANA dal 2019
(Napoli)
-

La ricerca di fonti rinnovabili è in forte sviluppo ed è fondamentale investire in queste tecnologie per la competitività di un Paese
La ricerca di fonti rinnovabili è in forte sviluppo ed è fondamentale investire...

Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG
Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG
(Napoli)
-

Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge sul copyright.
Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge...

New York sposa il Gender: ecco il sesso X
New York sposa il Gender: ecco il sesso X
(Napoli)
-

Il genere indefinito diventa legge. Esultano le comunità Lgbt. I critici: “Rischio abusi”
Il genere indefinito diventa legge. Esultano le comunità Lgbt. I critici:...

Sindacalisti in PENSIONE con 1 MESE di contributi: VIDEO
Sindacalisti in PENSIONE con 1 MESE di contributi: VIDEO
(Napoli)
-

Lo sai che esiste una legge che permette ai sindacalisti di andare in pensione con un solo mese di contributi?Molti ne approfittano mentre noi paghiamo!
Lo sai che esiste una legge che permette ai sindacalisti di andare in pensione...

Ponte Morandi: lo strano scambio di mail nella notte tra il 14 e il 15
Ponte Morandi: lo strano scambio di mail nella notte tra il 14 e il 15
(Napoli)
-

A poche ore dal crollo, Autostrade scrive a Cesi che risponde dimenticando il report allarmante di due anni prima e quindi assolvendo Autostrade
Partiamo dal principio. Nel 2015, Autostrade incaricò l’Ismes, del gruppo Cesi,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati