Religione cattolica a scuola: ecco un'analisi

SAVONA ore 11:39:00 del 12/01/2015 - Tipologia: Cultura, Curiosità, Denunce, Editoria, Sociale

Religione cattolica a scuola: ecco un'analisi

Religione cattolica a scuola: ecco un'analisi | L’analisi di Italiano Sveglia.

Un’ora a settimana di studio religioni in generale come materia sarebbe molto interessante, soprattutto se si studiassero le religioni del mondo, e non ci si limitasse alla religione cattolica. Avrebbe senso se guardiamo al fatto che, effettivamente, la religione è alla base della nostra cultura ed è degna di essere studiata. Non ha senso usare l'ora di religione per non fare niente (come succede troppo spesso), ma non ha neanche senso usarla come materia scolastica se la religione cattolica puoi impararla anche a catechismo. Il punto fondamentale è che bisogna fare un insegnamento laico non un indottrinamento cattolico, per quello, ribadiamo, c’è il catechismo. In sostanza non bisognerebbe cercare di convertire ma cercare di spiegare quelle che sono le credenze a fondamento di una data religione, infatti nell'ora di religione non si studia solo il cattolicesimo ma anche altre religioni, almeno in alcune scuole. Starebbe poi all'alunno approfondire quale religione gli interessa. La scuola dovrebbe fornire solo una base per poter scegliere.

Ora come ora si insegna religione cattolica, in una casa della cultura come è la scuola, il che è una profonda contraddizione. Non sarebbe meglio fare storia delle religioni, e la loro incidenza nella società, ma da un punto di vista oggettivo e generico, senza favorire una religione ad un’altra, che è molto ingiusto?

Storia delle religioni potrebbe essere la via per mettere d’accordo un po’ tutti, intesa come impatto della spiritualità non solo cristiana sulla storia e sulla società. Insegnare ai ragazzi qualche fondamento sui culti praticati nel mondo (e non ci riferiamo solo ai monoteismi) senza in alcun modo addentrarsi nella devozione, nei misticismi o nella pratica, potrebbe essere un utile espansione della filosofia e un modo migliore di rapportarsi con altre culture.

La religione cattolica dovrebbe restare appannaggio del catechismo e materia per gli istituti privati. Vorremmo anche precisare che il nostro paese non è cattolico (nè islamico, nè ebraico, nè animista, nè wiccan......), come dice chiaramente la costituzione, quindi l'insegnamento della religione cattolica nella scuola pubblica non costituisce il rispetto di una tradizione ma un abuso sulla laicità dello stato.

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?

-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...

Luigi Di Maio proporra' di allearsi con le liste civiche
Luigi Di Maio proporra' di allearsi con le liste civiche

-

Luigi Di Maio annuncia una rivoluzione interna al Movimento 5 Stelle per quanto riguarda le elezioni locali.
Il Movimento 5 Stelle si appresta a dar vita a una nuova rivoluzione interna,...

Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI
Il Sud e' un posto dove si lavora TROPPO per TROPPO POCO: ALTRO CHE NULLAFACENTI

-

Il Sud è stato raccontato come il territorio dei nullafacenti che aspirano al sussidio. Converrà rovesciare il punto di vista. È il luogo dove si fanno 800 chilometri per conquistarsi un contratto.
La politica che si interroga sui motivi della rivolta elettorale del Sud...

Donna di 106 anni ammette: 'il segreto per vivere cosi'? ESSERE SINGLE'!
Donna di 106 anni ammette: 'il segreto per vivere cosi'? ESSERE SINGLE'!

-

L’ultracentenaria inglese si è sempre tenuta lontana dallo stress delle relazioni sentimentali. Al pub ci è andata solo una volta: preferisce fare maglia e giardinaggio. E ha sempre percorso chilometri a piedi
Quando le chiedono se è stata sposata e come era suo marito, lei risponde: «Non...

Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?
Terremoto nel Centro Italia, la ricostruzione e' un DISASTRO: CHE FINE HANNO FATTO LE PROMESSE?

-

Muffa tossica nelle casette e caporalato nei cantieri post-sisma.
Prima Amatrice, poi Accumoli, infine Arquata del Tronto. Era l’11 giugno...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati