Posti da non perdere Tbilisi

(Napoli)ore 21:47:00 del 17/02/2018 - Tipologia: , Luoghi da visitare

Posti da non perdere Tbilisi

Passeggiando le incontrerete tutte. Potete partire percorrendo Rustaveli col naso all'insù, vi faranno compagnia sontuose costruzioni, il palazzo del viceré russo, il teatro dell’ Opera e la sede del Parlamento..

COSA VEDERE TBILISI - Tbilisi è la capitale della Georgia, un ex repubblica dell'Unione Sovietica, che ha aquistato l'indipendenza al termine del comunismo.

Tbilisi presenta più di un milione di abitanti è stata fondata nel V secolo. Ha una storia lunga e ricca di eventi. La sua collocazione, ne fa un punto d'incrocio tra Europa ed Asia, con un misto di culture, a causa delle varie influenze etniche che ha subito. Tutto questo la rende una città molto affascinante, che merita di essere visitata. Oggi Tbilisi, così come tutta la Georgia, sta attraversando una fase di crescita economica, nonostante varie difficoltà, ed il turismo è uno dei punti di forza

COSA VEDERE TBILISI -Passeggiando le incontrerete tutte. Potete partire percorrendo Rustaveli col naso all'insù, vi faranno compagnia sontuose costruzioni, il palazzo del viceré russo, il teatro dell’ Opera e la sede del Parlamento.

COSA VEDERE TBILISI -Scendendo poi da Pushkini si inizia a incontrare l'anima turca della città, con le costruzioni di legno dai balconi finemente decorati che vi accompagneranno fino al cuore della movida tradizionale in Shavteli dove si trovano anche l'edificio più bizzarro che vi capiterà di incontrare, una Torre dell'orologio moderna costruita in puro stile fiabesco, proprio di fronte al grande Teatro delle Marionette e vicino alla più antica chiesa della città, la Basilica di Anchiskhati. Non trascurate la città vecchia, i suoi vicoli possono non essere invitanti a prima vista, i segni dell'ultimo terremoto sono ancora visibili nelle scale sgangherate e nelle facciate scrostate, ma addentrandovi sempre più nei vicoli sconnessi vi imbatterete in vere e proprie chicche liberty e art déco, un po' malmesse certo, ma decisamente affascinanti nella loro decadenza.

--> A Tbilisi spesso si arriva di notte, soprattutto se in aereo, e si viene accolti dall'imponente statua della Madre Georgia, illuminata, che guarda la città dall'alto della fortezza Nariqala. La capitale di questo piccolo stato dell'ex Unione Sovietica è un miscuglio di architetture, religioni e culture in continuo fermento. Incastonata tra la Turchia, l'Armenia, l'Azerbaijan e la Russia la Georgia è un po' Europa e un po' Asia, e porta i segni del passaggio di popoli e dominazioni. Molto più ottomana che sovietica Tbilisi ha tante anime: c'è quella del centro storico appena rimesso a nuovo, che si arrampica sul crinale di una collina scavata da una sorgente termale, quella decadente e diroccata dei quartieri colpiti dal terremoto, segnati dal tempo e dalle scosse, quella super cool dei nuovi locali, che sembrano trapiantati qui dall'east village, quella sfarzosa dei palazzi dei regnanti russi e quella dei casermoni di stampo sovietico.

Senza contare quella griffata da archistar italiani come Massimiliano Fuksas e Michele De Lucchi.  Passeggiando le incontrerete tutte. Potete partire percorrendo Rustaveli col naso all'insù, vi faranno compagnia sontuose costruzioni, il palazzo del viceré russo, il teatro dell’ Opera e la sede del Parlamento. Scendendo poi da Pushkini si inizia a incontrare l'anima turca della città, con le costruzioni di legno dai balconi finemente decorati che vi accompagneranno fino al cuore della movida tradizionale in Shavteli dove si trovano anche l'edificio più bizzarro che vi capiterà di incontrare, una Torre dell'orologio moderna costruita in puro stile fiabesco, proprio di fronte al grande Teatro delle Marionette e vicino alla più antica chiesa della città, la Basilica di Anchiskhati. Non trascurate la città vecchia, i suoi vicoli possono non essere invitanti a prima vista, i segni dell'ultimo terremoto sono ancora visibili nelle scale sgangherate e nelle facciate scrostate, ma addentrandovi sempre più nei vicoli sconnessi vi imbatterete in vere e proprie chicche liberty e art déco, un po' malmesse certo, ma decisamente affascinanti nella loro decadenza.

A Tbilisi convivono pacificamente cristiani ortodossi, ebrei e musulmani,potete quindi immaginarvi la quantità di edifici di culto che la città possa ospitare. Sono tutti ricchi di storia e fascino, e vale la pena ritagliarsi un po' di tempo per visitarli (ricordatevi di coprire le gambe e portare con voi un foulard, nelle chiese ortodosse le donne devono sempre indossarlo). Nelle vicinanze della imponente cattedrali di Sioni, poi, si srotolano una serie di stradine puntellate di gallerie d'arte, caffè, e negozi molto attraenti.  I contrasti, sono la cosa che più affascina di Tbilisi. Nel giro di poche centinaia di metri convivono facciate scrostate, gallerie d'arte e boutique all'avanguardia. Sono concentrate nei pressi di Bambis Rigi e Shardeni e se siete in vena di shopping non c'è che l'imbarazzo della scelta, dai gioielli cloisonné all'abbigliamento firmato da stilisti georgiani emergenti, a pezzi d'arte (gli indirizzi nella gallery a fianco).  In città non si sono solo sbizzarriti architetti di tutte le culture, ma anche la natura ha avuto il suo bel daffare. Prendetevi un po' di tempo per costeggiare il fiume Mtkvari, lungo i suoi argini altissimi potrete ammirare la chiesa Metekhi e dimore storiche costruite proprio a picco sul fiume. E se un corso fluviale non basta risalite Abano, arriverete alla sorgente termale che dà il nome alla città. La leggenda vuole che il fondatore, il re Georgiano Vakhtang Gorgasali, scoprì la sorgente sulfurea grazie al suo falco durante una battuta di caccia e decise di sfruttarne le proprietà costruendovi un borgo. Il nome Tbilisi deriva infatti dal georgiano Tpili, che significa caldo. La sorgente costeggia una deliziosa zona recentemente restaurata e ospita ancora i bagni termali, gli Abanotubani, da provare assolutamente.

Articolo di Alberto

ALTRE NOTIZIE
Turismo Cordoba
Turismo Cordoba
(Napoli)
-

Il vecchio mercato e la Cattedrale, edificata tra il 1574 e il 1582 e sormontata da una splendida cupola romana, il Cabildo, la Iglesia de la Campania e le case Cobos, Tristan, Allende e Sobremonte, che ospita il Museo Historico Provincial Marques de Sobr
  Cordoba è una graziosa città dell'Argentina centrale caratterizzata da...

Posti da visitare Buenos Aires
Posti da visitare Buenos Aires
(Napoli)
-

Anche a piedi sarà possibile raggiungere Plaza de Mayo, cuore pulsante e finanziario della città, nonché fulcro di tutta l'attività politica di Buenos Aires.
  Buenos Aires è la capitale dell’Argentina ed è una metropoli da oltre due...

Belo Horizonte: posti da visitare
Belo Horizonte: posti da visitare
(Napoli)
-

Speciali, e molto calorici, sono il pane al formaggio, (pão de queijo) e tutu, purè di fagioli e cipolla servito con cotiche di maiale.
  Grandi viali, edifici moderni ubicati in quartieri simmetrici e un grande...

Guida turistica Fortaleza
Guida turistica Fortaleza
(Napoli)
-

Le spiagge di Fortaleza sono frequentatissime soprattutto per le occasioni di divertimento notturno.
  COSA VEDERE FORTALEZA - Con i suoi 25 km di spiagge urbane, Fortaleza sprizza...

Luoghi da visitare Rio de Janeiro
Luoghi da visitare Rio de Janeiro
(Napoli)
-

Una volta visitate le principali attrazioni di Rio de Janeiro, tornerete con dei bei ricordi, emozioni intense e tante belle fotografie.
Rio de Janerio, se osservata dal Corcovado o dal Pan di  Zucchero, è sicuramente...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati