Plastica monouso? Il 70 per cento dei rifiuti in mare. STOP IMMEDIATO!

(Torino)ore 18:10:00 del 12/04/2019 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Nuove Leggi

Plastica monouso? Il 70 per cento dei rifiuti in mare. STOP IMMEDIATO!

Plastica monouso vietata in tutta Europa in via definitiva entro il 2021 .

Sulla spinta pressante di un ambiente che non resiste più alla quantità di rifiuti che ogni giorno l’uomo produce ed elimina, l’Europa sembra pronta a fare la propria parte.

Per capire le dimensioni del fenomeno, basti pensare che i prodotti in plastica monouso costituiscono il 70 per cento dei rifiuti in mare. Spazzatura che, come abbiamo visto in tante occasioni, finisce nei pesci e quindi nella catena alimentare, tornando all’uomo. Perché nulla si crea e nulla si distrugge.

Scopriamo insieme di più sullo storico voto dell’europarlamento.

Il Parlamento europeo dice stop alla plastica monouso definitivamente

La proposta è arrivata da Frédérique Ries, eurodeputata belga di Alde. Ed è stata approvata in via definitiva con 560 voti favorevoli, 35 contrari e 28 astensioni.

La legge definitiva rafforza il principio del “chi inquina paga” volto anche alla responsabilità dei produttori. Questo particolare porterà a far in modo che i produttori sostengano i costi della raccolta, come per i filtri delle sigarette perse per l’ambiente o gli attrezzi da pesca persi in mare.

Ma cosa prevede in concreto la nuova norma sulla plastica monouso?

In sintesi, gli Stati membri dovranno vietare la vendita e il consumo di prodotti come:

  • Posate
  • Cotton fioc (bastoncini cotonati)
  • Piatti
  • Cannucce
  • Miscelatori per bevande
  • Bastoncini per palloncini
  • Sacchetti e imballaggi in plastica “oxo degradabile” (plastiche con additivi che ne accelerano lo spezzettamento, ma che non si sono dimostrate davvero biodegradabili)
  • Contenitori per fast-food in polistirolo espanso

Fanno eccezione i sacchetti di plastica in materiale ultraleggero, ma che sono utilizzati per una funzione igienica.

Nella norma è previsto un periodo di adeguamento di tre anni. A partire dal 2021, dunque, gli Stati membri dovranno vietare la vendita di tali prodotti.

Una timeline per la riduzione della plastica

Nella legge approvata da Strasburgo, sono state inserite ulteriori scadenze per gli Stati membri.

Nello specifico, le nazioni europee dovranno adeguarsi sul consumo dei prodotti in plastica per cui non esistono ancora alternative. Un esempio sono le scatole in plastica monouso per gli alimenti: dalla frutta ai dessert, fino ai panini.

Questo tipo di contenitori dovranno essere tagliati del 25% entro il 2025.

Altre materie plastiche – come ad esempio le bottiglie per le bevande – dovranno essere raccolte in maniera separata dagli altri materiali e raggiungere una percentuale di riciclo del 90%, sempre entro il 2025.

Nella direttiva, anche una nuova soglia per il contenuto minimo di materiale riciclato nelle bottiglie di plastica in produzione: dovrà arrivare almeno al 35% entro il 2025.

Gli Stati si impegnano inoltre a raccogliere almeno la metà degli attrezzi da pesca abbandonati in mare, riciclandone almeno il 15%. Tutto entro il 2030. Il punto è particolarmente importante perché le lenze, per esempio, restano in mare fino a 600 anni prima di degradarsi completamente.

Vengono proposti, infine, alcuni obiettivi per la riduzione dei filtri in plastica delle sigarette:

  • Meno 50% entro il 2025
  • Meno 80% entro il 2030

Plastica monouso vietata: la soddisfazione delle associazioni

Dopo il voto, soddisfatte le associazioni ambientaliste. Che ora chiedono uno sforzo da parte dei singoli Stati europei affinché la direttiva non resti lettera morta.

Stefano Ciafani, di Legambiente, chiede alle nazioni di “dimostrare altrettanta determinazione per raggiungere un accordo ambizioso tra Consiglio e Parlamento. A partire dall’Italia”.

L’associazione Marevivo, per bocca della presidente Rosalba Giugni, invita l’Italia ad agire rapidamente:

«Rimandare le azioni utili a ridurre l’inquinamento non aiuterà il Pianeta. La società civile si sta già mobilitando a dimostrazione che i singoli avvertono di più questa emergenza. Tantissimi comuni, università e uffici pubblici hanno deciso di abolire la plastica usa e getta. Contiamo su di loro ma continueremo a fare pressione al nostro Governo per ottenere sin da subito una legge che metta al bando il monouso».

Da: QUI

Articolo di Carmine

ALTRE NOTIZIE
Quanto costa avere un tumore oggi in Italia?
Quanto costa avere un tumore oggi in Italia?
(Torino)
-

Avere un tumore oggi costa al malato oltre 40mila euro all’anno
QUANTO COSTA UN TUMORE OGGI IN ITALIA - Per quali ragioni un paziente affetto...

Dazi Usa: la lista nera americana sui prodotti italiani
Dazi Usa: la lista nera americana sui prodotti italiani
(Torino)
-

I dazi americani costano alle esportazioni italiane 500 milioni di euro e potrebbero determinare un calo delle vendite del 20%.
DAZI USA AL VIA - Un risarcimento che gli Usa hanno ottenuto dalla Wto per gli...

Partite IVA sotto attacco dal governo M5S PD. Quando smetteranno di tassare gli imprenditori?
Partite IVA sotto attacco dal governo M5S PD. Quando smetteranno di tassare gli imprenditori?
(Torino)
-

Il Governo ha definitivamente abbandonato l’estensione della flat tax con aliquota agevolata per le partite Iva con ricavi da 65 mila a 100 mila euro, che sarebbe dovuta entrare in vigore all’inizio del prossimo anno in base alla legge di bilancio 2019 ta
PARTITE IVA ANCORA TARTASSATE DAL GOVERNO - Cattive notizie in arrivo per il...

Flixtrain: i treni low cost si diffondono in Europa, tranne che in Italia
Flixtrain: i treni low cost si diffondono in Europa, tranne che in Italia
(Torino)
-

FLIXTRAIN SI DIFFONDONO IN EUROPA TRANNE CHE IN ITALIA - Flixtrain, il treno low cost di Flixbus, amplia i suoi collegamenti uscendo dalla Germania, dove aveva inaugurato le sue tratte lo scorso anno.
FLIXTRAIN SI DIFFONDONO IN EUROPA TRANNE CHE IN ITALIA - Flixtrain, il treno low...

Giovani italiani dipendenti dalle scommesse sul web. Popolo di perdenti che non sogna piu'
Giovani italiani dipendenti dalle scommesse sul web. Popolo di perdenti che non sogna piu'
(Torino)
-

Secondo i dati di un rapporto ufficiale, nel Regno Unito sempre più adolescenti sono coinvolti nelle scommesse online. Il numero di giocatori tra gli 11 e i 16 anni è quadruplicato in due anni
ITALIANI DIPENDENTI DALLE SCOMMESSE ONLINE - Molte persone afflitte dalla...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati