Perche' il cell non prende?

(Mantova)ore 15:39:00 del 16/11/2017 - Tipologia: , Internet, Tecnologia

Perche' il cell non prende?

Capire la qualità della ricezione del nostro telefono non è facile. Un attimo prima possiamo avere una buona ricezione e un secondo dopo, basta aver fatto qualche passo, non avremo campo. .

Capire la qualità della ricezione del nostro telefono non è facile. Un attimo prima possiamo avere una buona ricezione e un secondo dopo, basta aver fatto qualche passo, non avremo campo. Ma perché il nostro smartphone alle volte non prende?

La ricezione del telefono dipende soprattutto dalla nostra distanza dalla torre di trasmissione più vicina. In parole semplici più siamo vicini a un trasmettitore e meglio lo smartphone prende. Secondo le stime dei fornitori, un cellulare è in grado di avere un buon segnale se si trova a massimo 70 chilometri dalla torre di trasmissione più vicina. Ma in alcune condizioni, meteo o geografiche, il limite minimo per avere campo sul telefono si può abbassare fino a 35 chilometri. In città è difficile avere di questi problemi, mentre nelle campagne o in montagna è molto semplice trovare un punto non coperto dalla nostra Rete.

Impedimenti al segnale

Le onde radio viaggiano in linea retta dal telefono cellulare al trasmettitore. Questo significa che se c’è una montagna o un qualsiasi altro impedimento non avremo segnale sullo smartphone. Anche in questo caso si tratta di problemi di Rete che influenzano più le zone rurali che le città. Anche se non va dimenticato che i grandi edifici possono influenzare la qualità del segnale.

Materiali che bloccano il segnale

Abbiamo detto che gli edifici, specie quelli di grosse dimensioni, possono complicare la nostra ricezione, perché? Semplice, alcuni materiali, come calcestruzzo o acciaio, bloccano le onde radio del segnale. Per questo motivo se abitiamo in un seminterrato è molto probabile che la ricezione non sia ottimale oppure che proprio non ci sia.

Il meteo

Anche le condizioni climatiche possono influenzare la qualità del segnale del nostro telefono. La nebbia o i temporali per esempio ridurranno lo spazio necessario tra noi e la torre di trasmissione per avere tutte le “tacche” sullo smartphone.

Sovraccarico

Le torri di trasmissione sono progettate solo per gestire un certo numero di connessioni contemporaneamente. Se nello stesso momento troppi utenti sono connessi alla stessa torre è probabile che il segnale abbia diversi disservizi. È questo che avviene quando siamo allo stadio e tutte le persone usano il telefono e noi non riusciamo a chiamare o a entrare su Internet. Oppure è per questo che i messaggi di Capodanno e di Natale arrivano sempre in ritardo.

Da: QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
City car, elettrica, italiana: perche' darla ai cinesi?
(Mantova)
-

Ecco l’auto elettrica (90km/h – 200 km di autonomia – costo 10.000 € – consumi praticamente 0) che l’Italia non vuole e la Cina Si… Potenza delle lobby del petrolio!
La Askoll di Vicenza da tre anni non trova sostegno e finanziamenti per un...

Genitori insopportabili sui Social: smettetela!
Genitori insopportabili sui Social: smettetela!
(Mantova)
-

I genitori su Facebook possono essere tanto amabili quanto insopportabili: foto pubblicate a raffica, pareri non richiesti, commenti fuori luogo e condivisione di bufale.
Genitori e Facebook: quando queste due grandi forze si incontrano, i risultati a...

ART, il futuristico tram elettrico cinese senza rotaie e a guida autonoma
ART, il futuristico tram elettrico cinese senza rotaie e a guida autonoma
(Mantova)
-

Alimentato con una batteria al litio, il mezzo di trasporto utilizza sensori per rilevare gli ostacoli e determinare la direzione da seguire
Il tram senza rotaie e senza pilota È lungo 32 metri, può ospitare fino a...

Update WhatsApp: vogliono invitarvi in un gruppo? Dovranno chiedervi il permesso!
Update WhatsApp: vogliono invitarvi in un gruppo? Dovranno chiedervi il permesso!
(Mantova)
-

La piattaforma di messaggistica starebbe lavorando a una modifica della privacy che permetterà agli utenti di scegliere chi può inserirli in un gruppo automaticamente
Stanchi di essere aggiunti senza permesso ai gruppi di WhatsApp? Sappiate che...

Breaking Bad: ecco il sequel, un film per Netflix!
Breaking Bad: ecco il sequel, un film per Netflix!
(Mantova)
-

Secondo l'Hollywood Reporter Vince Gilligan sarà, oltre che sceneggiatore, anche regista
Dopo sei anni dall’ultimo episodio, Breaking Bad tornerà con un film,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati