Perche' i poteri forti vogliono prima di tutto l'Italia invasa dai migranti

(Milano)ore 12:07:00 del 16/12/2018 - Tipologia: , Cronaca, Denunce, Sociale

Perche' i poteri forti vogliono prima di tutto l'Italia invasa dai migranti

Una protesta per il crollo del benessere della classe media e soprattutto da parte di tutti coloro che non sono estremamente ricchi..

www.mittdolcino.com – Ho recentemente contribuito ad un libro, che verrà pubblicato entro fine anno – questa volta con il nome nei miei interventi, diversamente da come successo nel recente passato, … -. Tale libro, un insieme di contributi incentrati sul sovranismo, tratta i motivi più che la radice del fenomeno, argomenti per altro presentati pubblicamente in una manifestazione nei pressi Roma tenutasi un paio di mesi fa. Sono 20 paginette buttate giù di getto, in quanto il meccanismo è chiaro, quanto meno a chi scrive.

Ossia, chiaramente – quanto meno secondo lo scrivente – il sovranismo non ha radice, essendo mera protesta. Si, una protesta per il crollo del benessere della classe media e soprattutto da parte di tutti coloro che non sono estremamente ricchi.

Ossia, sono finiti i tempi in cui destra e sinistra alimentavano vicendevolmente l’invidia per il piccolo benessere del vicino di casa: oggi il vicino di casa può arrivare più o meno facilmente a fine mese, può avere l’Audi o la Golf o la Tipo ma sempre fa fatica a far quadrare i bilanci famigliari, tranne rare eccezioni. Ed anche quando ci riesce vive in un ambiente di derelitti, stanchi, offesi, gente che sa di non avere futuro. Chi invece “sta bene” lo sta davvero: ossia stiamo passando da un benessere diffuso ad un benessere concentrato, novella forma di feudalesimo: un contesto duro, che appare ingiusto soprattutto perchè cancella le opportunità per i figli di “chi non ha“. Appunto, i delta, i figli di quelli che una volta erano la classe media, spesso sono costretti ad emigrare per sperare di fare qualcosa di buono nella vita, per avere l’ “opportunità”. L’ascensore sociale si è fermato, chi è ricco resta ricco, chi è povero resta povero, con buona pace della sinistra che invece di occuparsi di centri commerciali in Toscana o di far assumere il proprio figlio nelle cooperative rosse emiliane avrebbe prima di tutto dovuto preservare tale bene iniziatico dell’Italia benestante, l’opportunità per tutti. Unite a tali elementi una tassazione fuori di testa, concentrata soprattutto sulle PMI che non possono delocalizzare ed avrete un mix esplosivo in cui, solo questione di tempo, verranno incendiate le città. Ora ci è arrivata la Francia che socialmente è molto avanzata rispetto a tutti gli altri paesi EU ma a, come nel ’68 che esplose a Parigi e dintorni, anche questa volta l’incendio dilagherà, lasciate che le economie vadano in recessione e mi direte (tempo un paio di anni al massimo, basta che il dollaro crolli sotto le spinte di una FED finalmente in mano a Trump a l’EUropa intera avrà seri problemi). …

Per continuare a leggere seguire il LINK.

Da: QUI

Articolo di Sasha

ALTRE NOTIZIE
Fragole italiane garantite e di qualita' messe da parte per far spazio ALLE CINESI
Fragole italiane garantite e di qualita' messe da parte per far spazio ALLE CINESI
(Milano)
-

Importazioni di fragole fuori controllo: la testimonianza di un produttore italiano
Per i fragolicoltori meridionali sono settimane dure a causa dell’invasione...

Smartphone: le notifiche? Danno DIPENDENZA come l'oppio
Smartphone: le notifiche? Danno DIPENDENZA come l'oppio
(Milano)
-

Gli smartphone? Una droga. «Le notifiche danno dipendenza come l'oppio»
Ci permettono di rimanere sempre connessi e informati ma siamo sempre più...


(Milano)
-


  Di Notre-Dame è salva la struttura muraria, insieme a un terzo del tetto. Il...

Business del dimagrimento: come non abboccare ai trucchi che ti propongono!
Business del dimagrimento: come non abboccare ai trucchi che ti propongono!
(Milano)
-

Conosci la differenza tra perdere peso e dimagrire?
Conosci la differenza tra perdere peso e dimagrire?  Oggi voglio farti...

32 anni dalla fine del nucleare e ancora non sappiamo dove mettere i RIFIUTI RADIOATTIVI
32 anni dalla fine del nucleare e ancora non sappiamo dove mettere i RIFIUTI RADIOATTIVI
(Milano)
-

Si chiama Sogin e pochi la conoscono: è la società creata ad hoc per gestire la denuclearizzazione in Italia, dopo il referendum del 1987 e lo spegnimento delle centrali
Se pensavate di aver chiuso con il nucleare più di 30 anni fa, vi siete...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati