Pensi di sapere TUTTO sulla pasta alle vongole? LEGGI!

(Milano)ore 17:20:00 del 10/08/2018 - Tipologia: , Cucina

Pensi di sapere TUTTO sulla pasta alle vongole? LEGGI!

Quanti errori si possono commettere nel preparare una pasta? Almeno 7 se il condimento in questione è alle vongole. .

Quanti errori si possono commettere nel preparare una pasta? Almeno 7 se il condimento in questione è alle vongole.

Non è una ricetta particolarmente complessa, la si può preparare in una ventina di minuti (molluschi già puliti), ma, come per ogni piatto italiano, le versioni sono tante e alcune volte fuorvianti.

Prezzemolo o timo? Spaghetti o penne? Rossa o bianca? Ecco le risposte ai vostri dubbi e tutti gli errori da non fare per prepararle (bene) a casa.

Trascurare il lavaggio

Come per il risotto ai frutti di mare, anche in questo caso va posta molta attenzione alla pulizia delle vongole. Dopo averle spazzolate e passate sotto acqua corrente, lasciatele spurgare in per un paio d’ore in acqua salata cambiando il liquido ripetutamente.

Dimenticare il vino 

Non è per fare i soliti «gastro-fighetti», ma sfumare con vino dà al piatto una marcia in più. Il mezzo bicchiere di bianco subito dopo aver buttato le vongole in padella esalta il sapore di mare, dimenticarlo è un peccato.

Ripiegare su penne o mezze maniche 

Se in dispensa avete finito l’ultimo pacco di pasta lunga, la risposta questa volta non sarà «Tranquilli, potete usare penne o mezze maniche». Sul formato (almeno) non sono ammesse concessioni o rimedi dell’ultimo minuto. Si accettano solo spaghetti porosi e linguine che con un giro di forchetta intrappolano sugo e mollusco.

Buttare il liquido di cottura  

Se siete stati attenti nella preparazione (vino bianco incluso) il sugo di cottura è assolutamente da portare in tavola. Se troppo abbondante fatelo ridurre per qualche minuto in padella senza vongole (che non vanno stracotte) e in ultimo unitelo alla pasta.

Eliminare la conchiglia 

Estrarre il mollusco dalla conchiglia farà sicuramente piacere al commensale, soprattutto a quello più pigro. Ma l’occhio vuole la sua parte: assicuratevi di lasciarne almeno un terzo con guscio.

Il prezzemolo al momento sbagliato 

Il prezzemolo è l’erba aromatica da scegliere per questo piatto, ma attenzione a metterlo al momento giusto. Se cotto dà alla pasta un retrogusto amarognolo. Aggiungetelo quindi solo dopo aver spento il fuoco e appena prima di servire.

Con pomodoro o in bianco?

La passata o i pelati sono da evitare. La cottura lenta nella polpa di pomodoro non rende giustizia alle vongole. Qualche punta di rosso qua e là è ammessa solo se si tratta di peperoncino (poco) e ciliegini fresche appena scottati.

Da: QUI

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Pancotto del Gargano: come fare
Pancotto del Gargano: come fare
(Milano)
-

Bastano questi pochi ingredienti infatti per dar vita a una pietanza autenticamente genuina e nutriente, capace di scaldare il cuore delle generazioni passate e future… per questo vi invitiamo a gustare il pancotto del Gargano con un buon bicchiere di vin
  La cucina contadina viene spesso definita povera perché realizzata con...

Ciambella abbraccio: guida passo passo
Ciambella abbraccio: guida passo passo
(Milano)
-

Per preparare la ciambella abbraccio innanzitutto lasciate a temperatura ambiente sia le uova che la panna, poi sciogliete il burro in un pentolino e lasciatelo intiepidire.
  Diciamoci la verità, cosa c'è di meglio di un abbraccio? Quello caldo della...

Sandwich di pollo: guida
Sandwich di pollo: guida
(Milano)
-

Tenete da parte le verdure e occupatevi del pollo arrosto: eliminate la pelle e le ossa e sfilacciatelo, raccogliendolo in una ciotola capiente (4): vi occorrono circa 300 g di pollo.
  Quanto volte vi sarà capitato di avanzare del pollo arrosto fatto in casa...

Crocchette di riso giallo con stracchino: guida passo passo
Crocchette di riso giallo con stracchino: guida passo passo
(Milano)
-

Le crocchette di riso giallo e stracchino possono essere formate e conservate fino a 12 ore in frigorifero prima di passarle in uovo e pangrattate e poi cuocerle.
  Amanti del risotto alla milanese oggi vogliamo farvi strabuzzare gli occhi...

Frittata di cavolfiore: guida
Frittata di cavolfiore: guida
(Milano)
-

Per preparare la frittata di cavolfiore come prima occupatevi di quest'ultimo. Staccate le cimette (in modo da ottenerne 400 g), lavatele e poi sbollentatele in acqua bollente e salata per una decina di minuti (2-3).
  La frittata è una delle ricette più classiche, semplice da preparare e amata...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati