Pancotto con le cozze: guida

(Cosenza)ore 14:26:00 del 13/10/2018 - Tipologia: , Cucina

Pancotto con le cozze: guida

Se questo non dovesse bastare per ammorbidire il pane, unite del fumetto di pesce o del brodo vegetale..

 

Il pancotto è una preparazione molto antica, fatta con ingredienti poveri e utilizzata nelle case contadine per riciclare il pane raffermo. Il pancotto viene preparato un po’ in tutte le regioni italiane e sovente cambia il nome in base alla località dove viene preparato: in Liguria, ad esempio, viene servito in bianco e si chiama “pancotto” mentre in Toscana si usa servirlo con pomodoro e si trasforma nella famosa “pappa al pomodoro”. Nell nostra versione abbiamo utilizzato delle cozze insaporite con il prezzemolo distribuite su del buon pane tostato per preparare un piatto sfizioso e nutriente: provate il pancotto con le cozze e sentirete un vero e proprio trionfo di sapori!

Conservazione

Si consiglia di consumare il pancotto con le cozze appena pronto; se lo desiderate potete conservarlo in frigorifero, chiuso in un contenitore ermetico, per 1 giorno al massimo.

Consiglio

Il pane migliore per questa preparazione è quello di grano duro, ma in alternativa potete usare il toscano, che si adatta bene perché valorizza il sapore delizioso del liquido di cottura delle cozze. Se questo non dovesse bastare per ammorbidire il pane, unite del fumetto di pesce o del brodo vegetale. Per avere ancora più varietà di sapori, utilizzate vongole e lupini oltre alle cozze!

INGREDIENTI

1 chilo di cozze

1 chilo di vongole

3 etti di gamberi sgusciati

1 cipollina

2 spicchi d’aglio

2 pezzetti di peperoncino

un rametto di rosmarino

una cima di basilico

mezzo chilo di pane posato (del giorno prima)

olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

Mettete il pane ad ammollare per mezz’ora in acqua fredda.

Servendovi di un tegame capace, fate soffriggere uno spicchio di aglio e un pezzetto di peperoncino in olio bollente e mettetevi il misto di conchiglie. Quando saranno aperte aggiungete tre bicchieri d’acqua e lasciate bollire, a tegame coperto, per una decina di minuti.

Prelevate le vongole e le cozze dal liquido, che va tenuto da parte per poi essere filtrato. Lasciatele freddare e sgusciatele.

In un’altra pentola fate soffriggere, tritati, il resto dell’aglio e del peperoncino, la cipollina e il rosmarino. Versate il liquido filtrato di cozze e vongole, che andrà fatto ritirare per cinque-sette minuti.

Nel frattempo strizzate per bene la mollica del pane e unitela all’acqua ristretta, assieme ai gamberi e ai molluschi. Cospargete sul tutto il basilico spezzettato. Servite la pietanza, che avrà la consistenza di un pancotto o di una pappa al pomodoro, in piatti fondi individuali.

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
(Cosenza)
-

Se preferite è possibile conservare la frolla in frigorifero per 2-3 giorni, oppure congelarla per circa 1 mese.
  Di crostate ne abbiamo preparate tante. Dalla più semplice con la confettura...

Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Cosenza)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Cosenza)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Cosenza)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Cosenza)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati