Pace fiscale: oggi 31 luglio ultima chiamata per rottamazione e stralcio cartelle

(Firenze)ore 13:36:00 del 04/08/2019 - Tipologia: , Economia, Lavoro

Pace fiscale: oggi 31 luglio ultima chiamata per rottamazione e stralcio cartelle

Come ricorda il sito dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, domani, mercoledì 31 luglio, c’è una doppia scadenza importante.

PACE FISCALE 31 LUGLIO 2019 - Stanno per scadere i termini per aderire alla pace fiscale.Oggi mercoledì 31 luglio è l’ultimo giorno utile per presentare la domanda di rottamazione delle cartelle o di saldo e stralcio, i due provvedimenti che consentono di pagare l’importo delle somme dovute in forma agevolata. La riapertura dei termini fino alla fine di questo mese, prevista dal Decreto Crescita, – fa sapere l’Agenzia delle Entrate – riguarda tutti i debiti che non sono già stati ricompresi nelle istanze trasmesse entro la precedente scadenza del 30 aprile 2019. Le richieste stimate sono circa 2 milioni, mentre quelle della precedente scadenza sono state 1,7 milioni.

PACE FISCALE 31 LUGLIO 2019 - Per agevolare la procedura, sul portale http://www.agenziaentrateriscossione.gov.it si può presentare direttamente online la domanda di adesione senza necessità di andare allo sportello, una strada scelta da circa il 60% dei contribuenti interessati.

PACE FISCALE 31 LUGLIO 2019 - Secondo quanto prevede la Legge di Bilancio 201, il “saldo e stralcio” è riservato alle persone fisiche in situazione di grave e comprovata difficoltà economica (con Isee non superiore a 20 mila euro o con in corso una procedura di liquidazione prevista dalla cosiddetta legge sul sovraindebitamento) e consente di pagare in forma ridotta i debiti affidati alla riscossione dal 2000 al 2017, derivanti esclusivamente dall’omesso versamento delle imposte dovute in autoliquidazione in base alle dichiarazioni annuali e dei contributi previdenziali spettanti alle casse professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi Inps.

PROROGA SCADENZA ROTTAMAZIONE-TER E “SALDO E STRALCIO”? NO, SOLO TOLLERANZA DI 5 GIORNI…

Le stesse indicazioni valgono anche per il “saldo e stralcio” delle cartelle. Sia per sapere quali sono i debiti che rientrano nell’ambito applicativo del “saldo e stralcio” che nella “Definizione agevolata 2018”, si può richiedere il Prospetto informativo, che contiene anche l’importo dovuto, direttamente nella propria area riservata del sito agenziaentrateriscossione.gov.it fino alle ore 23.59 del 31 luglio 2019. Dopo tale termine il servizio non sarà più disponibile. Come ricorda Il Sole 24 Ore, “per i pagamenti, è prevista una tolleranza di cinque giorni, rispetto alle scadenze ordinarie. Nei casi di tardivo versamento non superiore a cinque giorni, non scatta la decadenza dai benefici e non sono dovuti interessi”. Trascorsi questi cinque giorni, se non si sarà provveduto al pagamento, si perderà la definizione agevolata delle cartelle che consente uno sconto su sanzioni e interessi. 

Articolo di Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
(Firenze)
-

Lo studio del Senato: fino ai 28 mila euro gli aumenti di stipendi rischiano di finire divorati dal mix di aliquote e mancati bonus e detrazioni
MENO GUADAGNI, MENO PAGHI - Un primo spunto di riflessione viene dalle tasse...

Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
(Firenze)
-

MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri conferma la completa sterilizzazione degli aumenti dell’IVA previsti dalle clausole di salvaguardia ma non esclude possibili rimodulazioni dell’aliquota per un sistem
MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto...

250mila giovani via in 10 anni dall'Italia: quanto ci costa?
250mila giovani via in 10 anni dall'Italia: quanto ci costa?
(Firenze)
-

Presentato a Palazzo Chigi il nono Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione: quasi un quinto di queste persone viene dalla Lombardia (18,3%)
250 MILA GIOVANI EMIGRATI IN 10 ANNI - Duecentocinquantamila giovani sono andati...

Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
(Firenze)
-

Entro il 2021 lo stato sarà chiamato a uscire dal capitale di Monte dei Paschi di Siena (MPS)
DEBITI MPS PAGATI DAGLI ITALIANI - Con un quota in possesso del Tesoro del...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Firenze)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati