Offerta di lavoro rifiutata? Cosa succede alla tua card del Reddito di Cittadinanza

(Trento)ore 11:27:00 del 04/10/2019 - Tipologia: , Lavoro

Offerta di lavoro rifiutata? Cosa succede alla tua card del Reddito di Cittadinanza

REDDITO DI CITTADINANZA COSA ACCADE SE RIFIUTI IL LAVORO - Il reddito di cittadinanza spetta anche a chi rifiuta il lavoro?.

REDDITO DI CITTADINANZA COSA ACCADE SE RIFIUTI IL LAVORO - Il reddito di cittadinanza spetta anche a chi rifiuta il lavoro? In base a quanto emerge dal decreto su reddito di cittadinanza e pensioni, per perdere il sussidio bisognerà rifiutare due offerte di lavoro, o un’offerta sola, in caso di rinnovo della prestazione. Tuttavia, è necessario che l’offerta di lavoro rifiutata sia congrua.

REDDITO DI CITTADINANZA COSA ACCADE SE RIFIUTI IL LAVORO - Che cosa si intende per offerta di lavoro congrua? I parametri che rendono congrua un’offerta lavorativa sono molto simili agli attuali requisiti che definiscono un’offerta di lavoro congrua ai fini della Naspi (ad oggi chi rifiuta un impiego congruo perde l’indennità di disoccupazione), ma risultano più elastici.

La congruità dell’offerta, ai fini della conservazione dello stato di disoccupazione, è commisurata su condizioni diverse, a seconda della durata del periodo di disoccupazione dell’interessato: ci si basa, comunque, sulla distanza del luogo di lavoro dall’abitazione, sullo stipendio e, per chi non è disoccupato da molto, sul settore di attività.

REDDITO DI CITTADINANZA COSA ACCADE SE RIFIUTI IL LAVORO - Statisticamente oggi meno di un beneficiario su tre risulta obbligato a cercare lavoro. Secondo la normativa attuale, peraltro, occorre disertare per tre volte senza giustificato motivo le iniziative per l’inserimento lavorativo per la disattivazione definitiva della card. La sanzione intermedia per le prime due assenze è al sospensione temporanea.

Regole più dure per i titolare del Reddito che rifiutano il primo lavoro

Anche su questo profilo si potrebbero muovere gli interventi del Conte Bis volti a rendere più rigido il riconoscimento del sussidio.

Il Pd ha anche proposto di inasprire le sanzioni per chi lavora in nero e percepisce il reddito di cittadinanza. Nel frattempo si aprono dubbi anche sui controlli a monte, quelli dei requisiti Inps per il riconoscimento del sussidio. Ad insospettire sono i dati regionali: in Campania  sono state rifiutate  56 mila su 251 mila domande, ossia circa 1 su 5, mentre in Lombardia le istanze respinte arrivano a 49 mila su un totale di 143 mila, che a conti fatti corrispondono a circa un terzo. Il timore che emerge dalla lettura di questi dati è che al Sud i controlli Inps a monte siano meno severi.

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
I giovani rifiutano il posto fisso. Noioso e antiquato
I giovani rifiutano il posto fisso. Noioso e antiquato
(Trento)
-

Il posto fisso? Un residuo del passato. A sognarlo restano i genitori: ai figli, decisamente più pragmatici, basta uno stipendio alto per rinunciare senza troppi pensieri al tempo indeterminato
POSTO FISSO ROBA DA VECCHI PER I GIOVANI DI OGGI - I giovani della Generazione...

Concorsi universita': assunzioni per 2.400 docenti
Concorsi universita': assunzioni per 2.400 docenti
(Trento)
-

Lo sblocco delle assunzioni nelle università si avvicina.
UNIVERSITA', ASSUNZIONI 2400 DOCENTI - Dopo lo stop decretato dalla Legge di...

Dai migranti in Italia il 9% del PIL
Dai migranti in Italia il 9% del PIL
(Trento)
-

Sono questi alcuni degli elementi che emergono dal nono Rapporto annuale sull’economia dell’Immigrazione, a cura della Fondazione Leone Moressa, presentato oggi (8 ottobre) a Roma.
QUANTO LAVORANI GLI IMMIGRATI IN ITALIA - Negli ultimi anni l’Italia sta...

Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
(Trento)
-

Lo studio del Senato: fino ai 28 mila euro gli aumenti di stipendi rischiano di finire divorati dal mix di aliquote e mancati bonus e detrazioni
MENO GUADAGNI, MENO PAGHI - Un primo spunto di riflessione viene dalle tasse...

Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
(Trento)
-

MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri conferma la completa sterilizzazione degli aumenti dell’IVA previsti dalle clausole di salvaguardia ma non esclude possibili rimodulazioni dell’aliquota per un sistem
MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati