NUOVA BEFFA Alternanza Scuola lavoro: giovani costretti a PAGARE per essere SFRUTTATI

(Roma)ore 15:01:00 del 20/11/2017 - Tipologia: , Denunce, Lavoro

NUOVA BEFFA Alternanza Scuola lavoro: giovani costretti a PAGARE per essere SFRUTTATI

Non bastavano i casi di sfruttamento: ora c'è anche chi fa business. E per chi non può permetterselo spuntano altri casi vergogna: spalare letame, raccogliere mozziconi dalla spiaggia, gestire bambini senza averne le competenze .

Basta digitare il numero dell'azienda, dall'altro capo del telefono arrivano programmi e la gentile richiesta di coinvolgere tutta la classe. Una decina di secondi e giunge la mail con il preventivo. Una brochure che elenca quanto una famiglia deve spendere per acquistare da un minimo di 20 a un massimo di 54 ore.

Il pacchetto, appositamente ideato, offre un tour della città ospitante, in questo caso Padova, e un giro della fondazione, in questo caso la “Fenice - Green Energy Park”, nonché corsi interattivi di robotica e non solo. «Non voglio entrare nel merito - afferma Andreas Spatharos, direttore della fondazione - ma voglio dire che offriamo il meglio dell'innovazione e della didattica del domani». Ed effettivamente la “Fenice - Green Energy Park” nel suo grande centro offre il meglio che si possa avere, peccato che sia a pagamento e non tutti possano permetterselo. «Forse il sistema dovrebbe essere perfezionato ed effettivamente pone delle domande sul principio egualitario del diritto allo studio ma rimango dell'idea che gli studenti devono confrontarsi con un futuro che sta cambiando, perché il mondo del lavoro sta completamente cambiando».

La ricerca sul web è semplice. Bisogna scrivere sul motore di ricerca “alternanza scuola lavoro a pagamento”. Escamotage perfetto per presidi che non sono riusciti a far partire la convenzione con un'impresa. I più quotati sono i viaggi all'estero. Basta spendere da un minimo di 500 euro a un massimo 3.000 euro e l'alternanza prende le forme di un lussuoso college londinese.

Sul progetto che dovrebbe rivoluzionare l'educazione scolastica sono coinvolti un milione e cinquecento studenti. Blasonata, pubblicizzata, difesa. L'alternanza scuola lavoro è stata introdotta con la Buona Scuola di Matteo Renzi. L'obbligo è di svolgere quattrocento ore per gli istituti tecnici e duecento per i licei da diluire in tre anni.

Per capire lo scopo dell'alternanza e mettere in discussione il “fenomeno a pagamento” basta andare sul sito online, appositamente aperto dal Miur. Gli obiettivi sono: “arricchire la formazione”; “sviluppare la capacità di scelta”; “offrire l'opportunità di crescita personale”; “promuovere il senso di responsabilità”. Infine: “Accrescere l'autostima”. Ma anche: “Il percorso di alternanza scuola-lavoro offre agli studenti l’opportunità di inserirsi in contesti lavorativi adatti a stimolare la propria creatività”. E ancora: “Lo studente in alternanza non è mai un lavoratore, ma apprende competenze coerenti con il percorso di studi scelto in realtà operative”.

[foto2

Da Nord a Sud, tra sfruttamento e incompetenza

Pisa, città della Scuola Normale Superiore, dove hanno studiato, solo per citarne alcuni, Carducci, Ciampi e Fermi, ma l'elenco potrebbe continuare per numerose righe, un gruppo di studenti del liceo classico e dell'Istituto tecnico ha passato il ponte dell'Immacolata vestito da elfo, scorrazzando per i vagoni di un treno. I ragazzi del liceo classico, in virtù delle loro doti letterarie, si sono occupati della stesura delle lettere da inviare direttamente a Babbo Natale. I meno fortunati si sono dovuti cimentare in spettacoli comici nel tentativo, a volte anche mal riuscito, di far divertire bambini e genitori.

Sicilia. Agrigento, comune di Ravanusa. Il sole è cocente. La spiaggia ancora vuota. La stagione balneare inizierà tra un mese. In mezzo alla sabbia, un ragazzino di 16 anni, iscritto al liceo Scientifico della zona, raccoglie bottiglie, infila dentro un sacchetto i mozziconi di sigarette. La spiaggia attende i turisti. Il suo unico pensiero è quella promessa fatta dalla scuola: partecipare ai lavori del museo marittimo. Sogno che non vedrà mai l'alba. La sua alternanza si ridurrà alla sola pulizia della spiaggia.

Veneto. Istituto alberghiero Sartor di Castelfranco. Ogni giorno la stessa richiesta: «Pulire a terra e spalare il letame». Doveva essere un'esperienza legata al percorsi di studi, si è tramutata in un lavoro estivo non retribuito. Caterina (nome di fantasia) del liceo della Scienze Umane Duca D'Aosta di Padova. A lei è stato affidato un bambino problematico senza avere alcuna competenza per svolgere un lavoro che richiede una laurea. La tutor che doveva seguirla si assenta per malattia, affidandole anche un'altra bambina. Chiede aiuto, ma nessuno l'ascolta. L'epilogo ha del grottesco: i bambini come biglietto di addio le hanno regalato un foglio con disegnata una tomba e scritte le uniche parolacce di loro conoscenza. Percorsi sbagliati e mal gestiti, ma che in alcuni casi possono creare un danno a bambini inconsapevoli.

Liceo Scientifico Newton di Roma. Si sono filmati. Hanno denunciato. Lavoravano in un call center. L'obiettivo era procacciare liberi professionisti per un nuovo portale web di proprietà al 49 per cento del loro insegnante. La preside, ben consapevole di dove stava mandando i suoi ragazzi, dopo il caos scatenato, ha deciso di ritirare la convenzione con l'azienda in questione. Liceo Artistico Modigliani di Padova, sempre secondo le testimonianze raccolte, la scuola si occupa di trovare l'alternanza a chi ha la media sopra l'8, chi è sotto deve cercarsela da solo.

Le storie si ammucchiano in un unico racconto che appare la fotografia di qualcosa di ben più malsano. I corsi sulla sicurezza delle aziende ospitanti, a volte, rimangono solo una promessa scritta, se non nei colossi industriali. Scarpe antinfortunistiche o caschetti, non è chiaro se siano a carico degli studenti o meno. E c'è chi, come un'intera classe di un liceo scientifico di Roma, è rimasto a prendere misure in un edificio pericolante con il rischio di farsi male, come invece è successo a La Spezia, dove un giovane, cadendo da un muletto si è fratturato tibia e perone. Ma l'alternanza scuola e lavoro agli studenti delle scuole superiori italiane è un'idea che piace, perché in questo marasma sconfinato di denunce ci sono preside che hanno saputo sfruttare l'occasione, offrendo ai loro alunni un'alternanza in musei, laboratori di ricerca e aziende specializzate.

Da: QUI

Articolo di Sasha

ALTRE NOTIZIE
Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
(Roma)
-

Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande azienda culturale del Paese è rimasta nel parcheggio, invischiata nelle clientele e nelle inefficenze di sempre.
Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande...

L'OROSCOPO? Una colossale BUFALA SCIENTIFICA! VIDEO
L'OROSCOPO? Una colossale BUFALA SCIENTIFICA! VIDEO
(Roma)
-

Lo sapevate che il segno dello Scorpione ''dura'' appena 6 giorni, mentre quello della Vergine ben 45? E che i segni zodiacali sono ''sfasati'' rispetto a 2000 anni fa?
Il calcolo elettronico, i satelliti, le esplorazioni spaziali, la medicina...

Lega e Movimento 5 Stelle si preparano a spartirsi le poltrone?
Lega e Movimento 5 Stelle si preparano a spartirsi le poltrone?
(Roma)
-

Ma anche Cassa depositi e prestiti, Finmeccanica e poi decine di altri posti chiave. I partiti di governo sono pronti a occupare le posizioni più importanti. E a ridisegnare i rapporti di potere nello Stato. Vi raccontiamo cosa sta succedendo
«Il potere logora chi non ce l’ha», soleva ripetere il Divo Giulio Andreotti,...

Entro 15 anni sparira' 1 mestiere su 2
Entro 15 anni sparira' 1 mestiere su 2
(Roma)
-

Il lavoro di oggi? Sparirà. E quello di domani sarà diverso, gestito in tandem con le macchine. Sta cambiando tutto alla velocità della luce, ma nessuno ce lo sta dicendo: né la politica, né i media, né tantomeno la scuola.
Il lavoro di oggi? Sparirà. E quello di domani sarà diverso, gestito in tandem...

Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
(Roma)
-

Un’operazione da 340 milioni e manca ancora la commissione per Mendes. I costi sono già aumentati con gli ultimi acquisti, la gestione si è un po’ stressata
La domanda è sempre la stessa: come farà la Juventus a consentirsi l’acquisto e...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati