Meta' degli immigrati rimane qui: RICOLLOCAMENTO OBBLIGATORIO FLOP

(Genova)ore 07:40:00 del 20/01/2019 - Tipologia: , Denunce, Sociale

Meta' degli immigrati rimane qui: RICOLLOCAMENTO OBBLIGATORIO FLOP

La redistribuzione obbligatoria ha mestamente fallito. A distanza di più di tre anni dalla decisione di ricollocare l’alto numero dei migranti arrivato in Europa tra il 2014 ed il 2015, si può ben dire che l’esperimento non ha funzionato. .

La redistribuzione obbligatoria ha mestamente fallito. A distanza di più di tre anni dalla decisione di ricollocare l’alto numero dei migranti arrivato in Europa tra il 2014 ed il 2015, si può ben dire che l’esperimento non ha funzionato.

I numeri parlano chiaro: su 120mila migranti presenti sul suolo europeo per i quali si è decisa la ricollocazione, meno della metà è stato effettivamente ricollocato. Tutto il resto si trova ancora nei paesi di primo approdo, Italia in testa. 

Cosa prevede l’accordo del 2015

È il 22 settembre 2015, l’Europa deve fronteggiare una grave crisi migratoria aperta su due fronti: quello mediterraneo e quello del cosiddetto “corridoio balcanico“. Da sud e da est arrivano migliaia di migranti, che da subito generano clamore in seno all’opinione pubblica del vecchio continente, specialmente dei Paesi settentrionali ed orientali. Questi ultimi non sono abituati a vedere passare all’interno del proprio territorio così tanti migranti, sul fronte della sicurezza e dell’ordine pubblico le preoccupazioni non sono state poche. Ma sono soprattutto due i paesi in prima linea nella gestione dell’emergenza immigrazione: Italia e Grecia. Il nostro Paese accoglie numerosi migranti che arrivano da sud, soprattutto quelli che partono da una Libia già parecchio destabilizzata e senza governo da quattro anni. La Grecia invece assorbe gran parte dei migranti che arrivano dalla Turchia. Con la chiusura della rotta balcanica, migliaia di migranti rimangono nel paese ellenico sia sulle isole che presso la terraferma. E così in Europa, nel consiglio tenuto a Bruxelles per l’appunto il 22 settembre 2015, si propende per l’obbligo della distribuzione dei migranti. Su 28 paesi, 23 sottoscrivono l’accordo che prevede la ricollocazione complessiva di 120mila migranti, che sulla carta serve a dare maggiore solidarietà nella gestione dell’emergenza e contribuire quindi a dare respiro ad Italia e Grecia. Da allora, come detto, sono passati più di tre anni. Pochi i Paesi che risultano aver rispettato il patto, l’obbligatorietà non ha funzionato e l’accordo è da considerare fallito. Ad esempio, dei 28.346 migranti presenti in Italia che sulla carta devono essere redistribuiti, soltanto 13.989 risultano effettivamente ricollocati. Meno della metà, il 44% per la precisione. Eppure il principio previsto dal consiglio europeo appare piuttosto semplice: ogni tre mesi gli Stati firmatari di quel documento indicano il numero di migranti in grado di ricollocare. Successivamente, nel giro di due mesi, le procedure di ricollocazione devono essere completate rispettando le quote stabilite. Il tutto, è bene ribadirlo, ha carattere vincolante: le ricollocazioni devono cioè avvenire obbligatoriamente e non su base volontaria come si stabilisce invece nell’ultima fase dell’emergenza immigrazione. 

I Paesi che hanno rispettato il patto e quelli inadempienti

Tre Paesi all’epoca decidono di non aderire: si tratta di Irlanda, Gran Bretagna e Danimarca. Considerando che Italia e Grecia sono i paesi che ospitano il maggior numero di migranti e che dunque chiedono la redistribuzione, sono quindi complessivamente 23 gli Stati membri che decidono di accettare l’accordo vincolante. A ciascuno di essi viene assegnata una determinata quota. In pochi l’hanno rispettata, anzi la gran parte degli Stati ha numeri di gran lunga ridotti di migranti accolti rispetto a quanto stabilito. Tra i paesi che rispettano l’accordo, bisogna annoverare Finlandia e Svezia, mentre Norvegia e Svizzera hanno sì preso carico di una determinata quota ma da membri esterni all’Ue. Malta figura tra gli Stati che rispetta il patto, avendo accolto 67 migranti sbarcati in Italia a fronte dei 31 previsti, con La Valletta che va dunque oltre le aspettative. Ma degli altri paesi nessuno risulta adempiente. 

La Germania ne accoglie 5.446 su 7.317 sbarcati in Italia, arrivando dunque al 75%. I Paesi Bassiarrivano invece al 61%, il Portogallo al 50%. Appare molto bassa la percentuale dei vicini mediterranei del nostro paese: la Spagna adempie soltanto per il 7%, la Francia per l’11%. Il blocco Visegrad non ne accoglie nemmeno uno tra Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia. La Bulgaria adempie per il 3% e via via tutti gli altri con basse percentuali. In definitiva, l’accordo del 2015 dimostra il fallimento nonostante il carattere obbligatorio della norma. Ma già all’epoca, quando si sottolineava l’inopportunità di suddividere i gruppi di migranti in mere “quote” e numeri da redistribuire, erano emerse perplessità. Oggi, con questi dati, emerge come in Europa la dinamica dell’immigrazione va affrontata prima delle frontiere e che, nonostante i proclami, in realtà nessun governo è in grado di garantire (e giustificare all’opinione pubblica) l’ingresso di migranti sbarcati nei paesi di primo approdo

Da: QUI

 

Articolo di Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Quanto costa avere un tumore oggi in Italia?
Quanto costa avere un tumore oggi in Italia?
(Genova)
-

Avere un tumore oggi costa al malato oltre 40mila euro all’anno
QUANTO COSTA UN TUMORE OGGI IN ITALIA - Per quali ragioni un paziente affetto...

Dazi Usa: la lista nera americana sui prodotti italiani
Dazi Usa: la lista nera americana sui prodotti italiani
(Genova)
-

I dazi americani costano alle esportazioni italiane 500 milioni di euro e potrebbero determinare un calo delle vendite del 20%.
DAZI USA AL VIA - Un risarcimento che gli Usa hanno ottenuto dalla Wto per gli...

Partite IVA sotto attacco dal governo M5S PD. Quando smetteranno di tassare gli imprenditori?
Partite IVA sotto attacco dal governo M5S PD. Quando smetteranno di tassare gli imprenditori?
(Genova)
-

Il Governo ha definitivamente abbandonato l’estensione della flat tax con aliquota agevolata per le partite Iva con ricavi da 65 mila a 100 mila euro, che sarebbe dovuta entrare in vigore all’inizio del prossimo anno in base alla legge di bilancio 2019 ta
PARTITE IVA ANCORA TARTASSATE DAL GOVERNO - Cattive notizie in arrivo per il...

Flixtrain: i treni low cost si diffondono in Europa, tranne che in Italia
Flixtrain: i treni low cost si diffondono in Europa, tranne che in Italia
(Genova)
-

FLIXTRAIN SI DIFFONDONO IN EUROPA TRANNE CHE IN ITALIA - Flixtrain, il treno low cost di Flixbus, amplia i suoi collegamenti uscendo dalla Germania, dove aveva inaugurato le sue tratte lo scorso anno.
FLIXTRAIN SI DIFFONDONO IN EUROPA TRANNE CHE IN ITALIA - Flixtrain, il treno low...

Giovani italiani dipendenti dalle scommesse sul web. Popolo di perdenti che non sogna piu'
Giovani italiani dipendenti dalle scommesse sul web. Popolo di perdenti che non sogna piu'
(Genova)
-

Secondo i dati di un rapporto ufficiale, nel Regno Unito sempre più adolescenti sono coinvolti nelle scommesse online. Il numero di giocatori tra gli 11 e i 16 anni è quadruplicato in due anni
ITALIANI DIPENDENTI DALLE SCOMMESSE ONLINE - Molte persone afflitte dalla...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati