Lavorare 4 giorni a settimana migliora l'efficienza dei dipendenti

(Genova)ore 07:19:00 del 08/01/2019 - Tipologia: , Lavoro

Lavorare 4 giorni a settimana migliora l'efficienza dei dipendenti

Meglio lavorare quattro giorni, sodo, bene, e poi dedicare il resto del proprio tempo a divertirsi, rilassarsi, certo, ma anche, ovviamente, alla famiglia e anche, perché no, ad aggiornarsi rispetto alle nuove tecnologie, in modo tale da poterle dominare,.

Se un cliente della Planio, società di software per la gestione di progetti, chiama il venerdì mattina in ufficio risponde la segreteria telefonica, un messaggio spiegherà che per lavorare meglio la Planio ha deciso di lavorare meno. Non è una scelta così rivoluzionaria come si potrebbe pensare, quella del fondatore Jan Schulz-Hofen, in realtà è esattamente in quella direzione che si sta muovendo il mondo del lavoro a livello mondiale. “È molto più sano e facciamo un lavoro migliore”, dice Schulz-Hofen. E non è una scelta arrivata da un giorno all’altro, anzi, tutt’altro. 

Il primo a testare la settimana cortissima è stato proprio lui e i risultati gli sono balzati immediatamente agli occhi. “Non ho fatto meno lavoro in quattro giorni che in cinque perché in cinque giorni pensi di avere più tempo, impieghi più tempo per sbrigare le pratiche, ti permetti di avere più interruzioni, il caffè è un po' più lungo, così come una chiacchiera con i colleghi. Mentre lavoravo invece, ho realizzato che avendo a disposizione solo quattro giorni, dovevo essere più veloce, più concentrato, se poi volevo avere il mio venerdì libero”.

Allora via al dialogo con i suoi dipendenti, con i quali si è giunti a conclusione che non sarebbe cambiato nulla lavorare cinque giorni ma meno ore, e nemmeno concedere più flessibilità agli orari, che avrebbe creato inutili seccature amministrative. Meglio lavorare quattro giorni, sodo, bene, e poi dedicare il resto del proprio tempo a divertirsi, rilassarsi, certo, ma anche, ovviamente, alla famiglia e anche, perché no, ad aggiornarsi rispetto alle nuove tecnologie, in modo tale da poterle dominare, e non il contrario.

Esperimenti in corso

In Nuova Zelanda la compagnia assicurativa Perpetual Guardian sta testando la settimana di 32 ore da circa un anno e i risultati sono stupefacenti: personale molto meno stressato e molto più efficiente. In Giappone si sta provando invece a concedere il lunedì mattina libero ai lavoratori ma a quanto pare non sortisce nei dipendenti lo stesso effetto.

Scrive Reuters: “Il Trades Union Congress (TUC) della Gran Bretagna sta spingendo affinché l'intero paese passi a una settimana di quattro giorni entro la fine del secolo, una spinta sostenuta dal partito laburista dell'opposizione”. “Le aziende che lo hanno già provato affermano che è meglio per la produttività e il benessere del personale ", ha dichiarato Kate Bell, responsabile economico della TUC. Lucie Greene, esperta di tendenze presso la società di consulenza J. Walter Thompson, le fa eco: “Le persone stanno iniziando a rendersi conto che i problemi di salute mentale sono costantemente connessi al lavoro”.

Un processo che sarà lungo, è evidente, se si considera che ancora oggi, secondo un recente sondaggio indetto dalla società di sviluppo esecutivo Future Workplace, su 3000 intervistati in molti sono costretti agli straordinari; ma tutti sono convintissimi di poter svolgere il proprio lavoro con un giorno in meno a disposizione. “Hai sempre la tecnologia a portata di mano, lavori sempre - ha detto Dan Schawbel, direttore di Future Workplace - la gente si sta bruciando”.

Nel 2013, come ricorda Panorama, fu stilata dall’Ocse una classifica del rapporto tra orario di lavoro e retribuzione e medaglia d’oro risultò essere l’Olanda, che già da tempo ha adottato la settimana cortissima: 29 ore alla settimana e uno stipendio alto, attorno ai 35 mila euro annui, seguita da Danimarca e Norvegia. L’Italia in quella classifica occupava il decimo posto, non male, considerato che, a differenza degli altri paesi, i lavoratori italiani godono di una settimana in più di ferie. Più che altro da noi il tema della settimana cortissima si è affrontato per quanto riguarda due categorie in particolare: gli studenti, chiedendosi se non fosse salutare, come accade in altre parti del mondo, tipo in Francia, poter concedere loro meno ore tra i banchi. E i politici, che, come ricorda Il Fatto Quotidiano, già da tempo il giovedì pomeriggio concludono i lavori.

Da: QUI

Articolo di Samuele

ALTRE NOTIZIE
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
(Genova)
-

Lo studio del Senato: fino ai 28 mila euro gli aumenti di stipendi rischiano di finire divorati dal mix di aliquote e mancati bonus e detrazioni
MENO GUADAGNI, MENO PAGHI - Un primo spunto di riflessione viene dalle tasse...

Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
(Genova)
-

MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri conferma la completa sterilizzazione degli aumenti dell’IVA previsti dalle clausole di salvaguardia ma non esclude possibili rimodulazioni dell’aliquota per un sistem
MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto...

250mila giovani via in 10 anni dall'Italia: quanto ci costa?
250mila giovani via in 10 anni dall'Italia: quanto ci costa?
(Genova)
-

Presentato a Palazzo Chigi il nono Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione: quasi un quinto di queste persone viene dalla Lombardia (18,3%)
250 MILA GIOVANI EMIGRATI IN 10 ANNI - Duecentocinquantamila giovani sono andati...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Genova)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Fisco: le grandi imprese evadono 16 volte di piu' rispetto alle piccole, ma nessuno lo dice!
Fisco: le grandi imprese evadono 16 volte di piu' rispetto alle piccole, ma nessuno lo dice!
(Genova)
-

LA GRANDE EVASIONE DELLE GRANDI AZIENDE - A seguito dell’attività di accertamento svolta lo scorso anno sulle attività economiche, emerge come la maggiore imposta media accertata dall’Agenzia delle Entrate per ogni singola grande azienda sia pari a poco p
LA GRANDE EVASIONE DELLE GRANDI AZIENDE - A seguito dell’attività di...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati