La prova di No Man’s Sky Next

(Bari)ore 13:09:00 del 31/07/2018 - Tipologia: , Videogames

La prova di No Man’s Sky Next

Ugualmente, in termini di coinvolgimento, questa modalità consente di vivere più appieno le atmosfere adesso popolate di NPC di ogni tipo e dai comportamenti sempre più sfaccettati introdotti con l’ultimo update..

L’introduzione della terza persona è un passaggio ovviamente del tutto opzionale ma chi si aspettava qualcosa di molto blando ne resterà piacevolmente colpito. Non appena "usciti dal proprio corpo" e addivenuti ad una visuale dietro le spalle del protagonista, si nota fin da subito che i movimenti vengono gestiti in una maniera studiata ad hoc per la modalità e che non siamo di fronte a qualcosa in stile The Elder Scrolls o Fallout, in cui la terza persona è un semplice orpello, posto più come corollario alla reale esperienza di gioco (quella in prima) che in qualità di alternativa seria e godibile sempre. La nuova visuale si applica a tutto quanto possibile nel gioco e arriva contestualmente con l’aggiunta dell’esplorazione subacquea, un’altra novità che aumentala superficie esplorabile di ciascun pianeta sebbene non sia consigliabile soggiornarvi troppo a lungo, specie in presenza di location abbastanza esotiche le cui acque siano minate da qualche tipo di contaminazione o troppo fredde (la maggior parte, a dire il vero). 
È così possibile godersi la nuova prospettiva sia in volo che sulla terraferma, con risultati alterni al di là della buona qualità delle animazioni e qualche peccato di gioventù. Nelle fasi di volo ed esplorazione, non soltanto è possibile avere davanti a sé in maniera più totalizzante e coinvolgente l’affascinante ambientazione galattica di No Man’s Sky, prima un po’ costretta negli abitacoli dalle dimensioni assai ridotte, ma risulta persino più facile confrontarsi con altre astronavi in scontri più accesi che mai. Spesso e volentieri ci si ritrova a combattere con avversari più veloci e potenti, ed è per questo che avere un quadro completo dello spostamento da fare e soprattutto poterlo prevedere diventa importante. Con Next, abbiamo vinto più battaglie spaziali di quanto non avessimo fatto con tutti gli aggiornamenti precedenti, e a ben vedere il merito sembra essere proprio della nuova visuale. 
Sulla terraferma, la situazione si articola invece in maniera più complessa, e in pro e contro. Come abbiamo osservato poc’anzi, Hello Games ha implementato una terza persona arricchita di animazioni e movimenti di buona fattura, non l’ha buttata lì solo per aggiungere una freccia al proprio arco, e questo si traduce ad esempio in fiammate che fuoriescono dal jetpack così come in movimenti coerenti con la direzione assunta dal busto del personaggio. Ugualmente, in termini di coinvolgimento, questa modalità consente di vivere più appieno le atmosfere adesso popolate di NPC di ogni tipo e dai comportamenti sempre più sfaccettati introdotti con l’ultimo update. Anche in questo caso, insomma, l’impressione è che l’implementazione della nuova inquadratura sia arrivata come parte di un progetto più grande e non soltanto come vezzo tecnico.
Il fulcro dell'esperienza è rimasto un mesmerizzante viaggio in solitaria tra sinfonie visive e musicali, lontano dalla complessità simulativa di altri titoli del genere e lontano dall'online. Questo almeno fino all'update Path Finder che ha introdotto i veicoli planetari, la possibilità di disputare gare a tempo su circuiti realizzati dai giocatori e la condivisione online delle basi, primo assaggio di un qualcosa di strutturato sul versante multigiocatore. Ma quello che abbiamo apprezzato di più, fedeli come Murray all'idea del viaggio intimista attraverso l'universo sono state la suddivisione delle navi in classi, la differenziazione tra le armi e i prodromi di una vera economia funzionale all'update più importante di tutti: Ascesa dell'Atlante. Con l'aggiornamento pubblicato in occasione del primo anniversario di No Man's Sky ci siamo finalmente trovati circondati da un vero universo strutturato in base a economie, equilibri tra razze e missioni procedurali utili per ottenere risorse e aumentare la nostra fama nei confronti delle fazioni. Tutto condito da nuovi materiali, da trenta ore di contenuti legati alla storia, dalla manipolazione del terreno, dai miglioramenti al volo atmosferico e da un assaggio di multigiocatore con la condivisione dell'esplorazione.
Articolo di Carmine

ALTRE NOTIZIE
Red Dead Redemption 2 versione PC: recensione
Red Dead Redemption 2 versione PC: recensione
(Bari)
-

RED DEAD REDEMPTION 2 PC RECENSIONE - È senza dubbio il più bel gioco del 2018.
RED DEAD REDEMPTION 2 PC RECENSIONE - È senza dubbio il più bel gioco del 2018....

Planet Zoo: cosa sapere
Planet Zoo: cosa sapere
(Bari)
-

La partita sandbox è il luogo ideale per sbizzarrirsi nella realizzazione di parchi senza preoccuparsi troppo delle restrizioni economiche, perfetta per le sessioni più rilassanti; la carriera è pensata per i giocatori alla ricerca di un’esperienza più st
RECENSIONE PLANET ZOO - Planet Zoo è a tutti gli effetti un gestionale di stampo...

Death Stranding recensione
Death Stranding recensione
(Bari)
-

RECENSIONE DEATH STRANDING - Non è stato un compito facile lavorare alla recensione di Death Stranding, anzi, posso dire tranquillamente che è stato il prodotto più controverso con il quale abbia mai avuto a che fare.
RECENSIONE DEATH STRANDING - Non è stato un compito facile lavorare alla...

Nvidia Shield TV: come cambia la gamma per gamers con modelli PRO
Nvidia Shield TV: come cambia la gamma per gamers con modelli PRO
(Bari)
-

NVIDIA SHILED TV COSA CAMBIA - Nuovo chip Tegra X1+, doppia versione e telecomando rinnovato.
NVIDIA SHILED TV COSA CAMBIA - Nuovo chip Tegra X1+, doppia versione e...


(Bari)
-


LE CONDIZIONI DI LAVORO DEGLI SVILUPPATORI DI VIDEOGAMES - "No pain, no gain"...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati