La grande foresta pluviale spazzata via da Nestle' e Unilever

(Palermo)ore 23:06:00 del 25/05/2018 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Esteri

La grande foresta pluviale spazzata via da Nestle' e Unilever

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti..

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una deforestazione senza precedenti.

Oltre alle altre foreste pluviali, l’Amazzonia è pericolosamente vicina al punto di “non ritorno” se la deforestazione supera il 20% della sua area originaria, secondo due rinomati biologi della Fondazione delle Nazioni Unite.

Il fatto che stiamo deforestando il nostro pianeta a un ritmo allarmante non è nuovo.

La deforestazione della Foresta Amazzonica

In un articolo di Phys.org, vediamo che la deforestazione dell’ Amazzonia è vicino al punto di svolta. Secondo gli esperti, la deforestazione che si sta verificando in alcune parti dell’Amazzonia sta per raggiungere un punto senza ritorno, una soglia oltre la quale la foresta pluviale tropicale potrebbe subire cambiamenti irreversibili al paesaggio.

Questo deriva da uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, co-autore di Thomas Lovejoy, professore alla George Mason University negli Stati Uniti, e Carlos Nobre, presidente del National Institute of Science & Technology (INCT) del Brasile per il cambiamento climatico.

“Il sistema Amazzonia è vicino a un punto di svolta”, ha detto Lovejoy. Secondo i rapporti, la foresta pluviale amazzonica produce circa la metà delle precipitazioni dell’ intero pianeta Terra riciclando l’umidità mentre l’aria si sposta dall’Atlantico, attraverso il Sud America e verso ovest.

Queste precipitazioni e umidità sono di grande importanza in quanto alimentano il ciclo idrico terrestre in modo più ampio, il che a sua volta influenza il benessere umano, l’agricoltura, le stagioni secche e il comportamento della pioggia in molti paesi del Sud America.

Ma questo problema non è solo presente in Amazzonia.

La deforestazione in Indonesia

All’inizio di quest’anno, l’organizzazione di Greenpeace ha filmato una foresta pluviale in Indonesia rivelando una distruzione senza precedenti in misura inimmaginabile.

Per la produzione di olio di palma, un’importante società ha distrutto diversi ettari di terreni forestali, al fine di fornire forniture a Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever, tra gli altri.

Secondo i rapporti, solo in Indonesia sono stati distrutti 5.000 ettari di foresta pluviale. Per avere un’idea di quanto sia piccola, è una zona grande la metà di Parigi.

“Dopo aver distrutto la maggior parte delle foreste pluviali di Sumatra e Kalimantan, l’industria dell’olio di palma sta ora spingendo verso nuove aree come Papua“, dice Richard George di Greenpeace UK. In questo caso, è il “Gruppo Hayel Saeed Anam” (gruppo HSA) – una multinazionale che, secondo Greenpeace, fornisce le maggiori compagnie alimentari: Nestlé, Mars, PepsiCo e Unilever.

Greenpeace detiene la responsabilità di Nestlé, Unilever, Mars e Co..

“I marchi hanno parlato per oltre un decennio di voler” purificare “il loro olio di palma. Aziende come Unilever e Nestlé affermano di essere leader nel settore.

Da: Jeda

Articolo di Sasha

ALTRE NOTIZIE
Manovra, arriva la nuova tassa auto: una PANDA costera' piu' di una BMW
Manovra, arriva la nuova tassa auto: una PANDA costera' piu' di una BMW
(Palermo)
-

Il governo vara la linea verde. Ma spiccano alcuni paradossi sul sistema 'bonus-malus' sulle emissioni di CO2
Una Panda che paga più di una Bmw da 50mila euro, l'ibrida Toyota Rav4 non solo...

Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
Gillet gialli? Non solo il caro benzina! Ecco 41 motivi della protesta
(Palermo)
-

Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media), così come loro le hanno rese pubbliche di modo che ognuno possa farsi la propria idea.
Ecco le rivendicazioni complete dei gilet gialli, (censurate da tutti i media),...

Che fine ha fatto l'Isis?
Che fine ha fatto l'Isis?
(Palermo)
-

L’attenzione dei media, italiani e non, sull’Isis è scemata notevolmente. Qual è oggi lo scenario nella vasta zona che ha visto in questi anni il dominio del Califfato?
Per anni ha occupato le prime pagine di tutti i quotidiani nazionali ed...

Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
Il Quirinale guida il governo verso la resa all'Ue
(Palermo)
-

Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha colpito l’export e da una crisi di fiducia sull’Italia che ha ridotto gli investimenti esterni e interni quando il governo ha esplicitato una linea de-sviluppista e assistenz
Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha...

Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
(Palermo)
-

Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo pianeta sta diventando sempre più globalizzato e centralizzato, eppure la maggior parte della gente non sembra preoccuparsene soprattutto per via della grande disinformazione
Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati