La BCE ammette la TRUFFA dell'Euro con tanto di DOCUMENTO UFFICIALE!

(Torino)ore 16:41:00 del 02/04/2018 - Tipologia: , Denunce, Economia

La BCE ammette la TRUFFA dell'Euro con tanto di DOCUMENTO UFFICIALE!

LA BCE AMMETTE LA CIRCOSTANZA CHE SE IL DEBITO PUBBLICO È DENOMINATO IN PROPRIA VALUTA NAZIONALE LO STATO NON PUÒ MAI FALLIRE..

LA BCE AMMETTE LA CIRCOSTANZA CHE SE IL DEBITO PUBBLICO È DENOMINATO IN PROPRIA VALUTA NAZIONALE LO STATO NON PUÒ MAI FALLIRE.

Articolo di Giuseppe PALMA su “Il Giornale d’Italia”

La BCE – Banca Centrale Europea – in un suo dossier dal titolo “Monetary-fiscal interactions and the euro area’s vulnerability” (Interazioni monetarie e fiscali e vulnerabilità dell’area dell’euro), conclude molto chiaramente che: “In an economy with its own fiat currency, the monetary authority and the fiscal authority can ensure that public debt denominated in the national fiat currency is non-defaultable, […]”, che tradotto significa “In un’economia con la propria valuta fiat (creata dal nulla – nda), l’autorità monetaria e l’autorità fiscale possono assicurare che il debito pubblico denominato nella moneta fiat nazionale non possa fare dafault […]”!

Noi lo scriviamo da anni, ma gli euristi più agguerriti ci offendevano con denigrazioni e argomentazioni da contabili di basso livello. “Con nostra sovranità monetaria faremmo la fine dell’Argentina” dicevano paonazzi! Non avevamo certamente bisogno che qualcuno desse ragione alle nostre tesi, ma ora che anche la BCE ammette la circostanza che se il debito pubblico è denominato in propria valuta nazionale fiat lo Stato non può mai fallire, capirete che il gusto della verità ha un sapore ancor più gratificante.

A tal proposito non si può non richiamare il principio della “Lex Monetae” nel caso di un’uscita dell’Italia dall’euro, di cui si è già scritto sulle pagine di questo giornale. Ciò premesso, per evitare che qualcuno faccia finta di non capire, è bene ribadire il principio: nel caso in cui implodesse prima l’Eurozona, troverebbe applicazione l’art. 1277 del codice civile, quindi senza particolari problemi nell’attuazione pratica e nelle conseguenze.

Se invece ad uscire fosse solo l’Italia (uscita unilaterale) troverebbe applicazione l’art. 1278 del codice civile, che è una iattura, infatti il peso della svalutazione della Nuova Lira inciderebbe negativamente sulla maggior parte dei rapporti di debito e credito fin lì contratti (come ad esempio sui mutui a tasso variabile, che vedrebbero un’impennata connessa alla svalutazione della moneta).

Ma attenzione! E’ qui che entra in gioco il primo comma dell’art. 1281 del codice civile, il quale richiama il principio “lex specialis derogat generali” (“la norma speciale deroga quella generale”): cioè il Governo, con quello stesso decreto di uscita (o con decreto immediatamente successivo), dovrebbe necessariamente stabilire che i rapporti di debito e credito espressi in euro debbano essere disciplinati in nuova moneta nazionale al cambio previsto alla data di uscita (il changeover, cioè 1:1), e non a quella del termine di scadenza previsto per il pagamento (che includerebbe, appunto, la svalutazione della “Nuova Lira”).

E questo il Governo non potrebbe non farlo, altrimenti provocherebbe un disastro per milioni di cittadini e imprese! Tutto ciò rientra appunto nel principio della “Lex Monetae”, ma i soliti euristi da strapazzo non ne vogliono neppure parlare. E nemmeno i giornaloni nazionali ne scrivono, tant’è che l’iniziativa del prof. Zingales su IlSole24Ore si è ridotta in un esperimento a voce unica (o quasi): tutti a favore dell’euro! Tutti a prevedere catastrofi nel caso di un’uscita unilaterale dell’Italia dalla moneta unica.

Ma fa niente. In fin dei conti sono sempre gli stessi, cioè quelli che prevedevano scenari apocalittici e invasioni di cavallette nei casi di vittoria della Brexit in Gran Bretagna, di Trump negli Stati Uniti d’America e del No al referendum costituzionale in Italia. Tutti accadimenti puntualmente verificatisi senza alcun tipo di conseguenza nefasta!

Noi siamo invece sicuri e certi di quello che diciamo. E continueremo a dirlo. Per la verità. Per la Patria. Per la libertà. Per i nostri figli.

Da: Jeda

Articolo di Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Massoneria a Bruxelles! Il dossier segreto sull'UE
Massoneria a Bruxelles! Il dossier segreto sull'UE
(Torino)
-

Aldo A. Mola, storico e saggista, ha pubblicato opere sul Partito d’ Azione, sul Risorgimento, sull’ unificazione nazionale e i suoi protagonisti
  Aldo A. Mola, storico e saggista, ha pubblicato opere sul Partito d’ Azione,...

Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
(Torino)
-

Il cardinale da 35 mila euro al mese: in Vaticano scoppia un nuovo scandalo
L’amico e primo consigliere di Francesco, Oscar Maradiaga, predicava il...

Come sei stato COMPRATO con il MATERIALISMO
Come sei stato COMPRATO con il MATERIALISMO
(Torino)
-

Sei stato ingannato se pensi che lavorare 40 ore a settimana nella ruota del criceto umano dove stai vivendo, sia vita, mentre l’1 % possiede il 99 % dei soldi, i tuoi ovviamente.
Sei stato ingannato se pensi che lavorare 40 ore a settimana nella ruota del...

Come i media coordinano attacchi ai 5 stelle
Come i media coordinano attacchi ai 5 stelle
(Torino)
-

Se oggi date un’occhiata ai siti di Repubblica e Stampa (scuderia De Benedetti ‘lo svizzero’), al sito del Corriere (capitanato da Urbano Cairo) e a quelli de Il Giornale e Libero (Berlusconi e centrodestra), noterete che contro il Movimento 5 Stelle hann
Se oggi date un’occhiata ai siti di Repubblica e Stampa (scuderia De Benedetti...

La Chiesa deve pagare l'ICI: ecco quanto
La Chiesa deve pagare l'ICI: ecco quanto
(Torino)
-

Oltre al danno, la beffa. Lo Stato italiano deve recuperare l’Ici non pagata dalla Chiesa: lo stabilisce la Corte di giustizia dell’Unione europea.
Oltre al danno, la beffa. Lo Stato italiano deve recuperare l’Ici non pagata...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati