INTERCETTAZIONI: Lavoratori minacciati per iscriversi alla CISL

(Napoli)ore 22:34:00 del 24/01/2019 - Tipologia: , Cronaca, Denunce, Lavoro, Sociale

INTERCETTAZIONI: Lavoratori minacciati per iscriversi alla CISL

Vaccaro è stato sospeso da ogni carica come ha fatto sapere il segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota.

Tra le immagini presenti nel suo profilo Facebook ce n’è una che lo ritrae con il tradizionale fazzoletto arancione della comunità indiana dei sikh in testa mentre parla al microfono in una manifestazione contro il caporalato nelle campagne tenutasi a Latina nel novembre del 2017. 

In queste ore se si digita su Google il suo nome spunta un suo sms scritto ad un altro sindacalista durante le feste: “A Babbo Natale chiedo 4mila disoccupati e un gatto”. Le pratiche di disoccupazione, stando alle accuse, erano il pallino di Marco Vaccaro, 39 anni, di Morolo, segretario della Fai Cisl di Latina arrestato ieri, nell’ambito dell’operazione “Commodo” della polizia di Latina. Il sindacalista è accusato di estorsione in concorso e di aver fatto parte di un’associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento di braccianti agricoli stranieri, tra cui anche migranti africani provenienti dai centri di accoglienza, fatti lavorare in condizioni disumane. 

In carcere anche Luigi Battisti di Latina e Daniela Cerroni di Priverno, rappresentanti di una cooperativa agricola. la “Agri Amici” con sede a Sezze. Ai domiciliari altri due collaboratori della coop, Luca Di Pietro e Chiara Battisti di Latina, e un ispettore del lavoro Nicola Spognardi, sempre del capoluogo pontino. 
Vaccaro è difeso dall’avvocato Gianpiero Vellucci.

LA CARRIERA FULMINANTE
Vaccaro abita a Morolo. Ex dipendente della Nestlé di Ferentino, da giovanissimo ha iniziato a impegnarsi nel sindacato: per anni è stato alla guida della Fai Cisl di Frosinone, poi nel novembre del 2016 è stato eletto segretario della Fai Cisl di Latina. 

Una carriera fulminante che ora è alle prese con l’accusa più pesante per un sindacalista: aver sfruttato le condizioni di lavoratori deboli, per «ottenere vantaggi economici personali», come si legge nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Latina, Gaetano Negro. 

In cosa consistevano i presunti vantaggi? 
Il rappresentante della cooperativa “Agri Amici”, Luigi Battisti, scrive il Gip, «costringeva numerosi lavoratori a iscriversi alla Fai Cisl, conseguendo così Vaccaro l’ingiusto profitto rappresentato negli introiti connessi alle nuove iscrizioni e alle domande di disoccupazione inoltrate all’Inps per il tramite del sindacato stesso». 

LE INTERCETTAZIONI
Per iscriversi alla Fai Cisl, i lavoratori venivano minacciati di licenziamento dalla cooperativa. Circostanza di cui Vaccaro, come emerge da alcune intercettazioni, era a conoscenza. 
«Tutti quelli che lavorano con noi quando vengono a prendere la busta paga devono firmare quella cosa», dice Luigi Battisti, il capo della coop. Vaccaro risponde: «Perfetto». L’imprenditore poi aggiunge: «Se non la firmano non c’è problema, sta a posto, non ce rinnovo il contratto...». Il sindacalista ride e poi commenta: «Bene bene giusto». 
In ballo ci sono 400 lavoratori, molti dei quali erano precedentemente iscritti a un altro sindacato, la Uila, che aveva avuto l’ardire di chiedere il rispetto del contratto nazionale del lavoro. Vaccaro, in cambio delle iscrizioni al suo sindacato, accusano gli inquirenti riportando alcune intercettazioni dei rappresentanti della coop, si sarebbe messo a disposizione per chiudere un occhio sulle violazioni in danno dei lavoratori ed evitare vertenze. 

IL RAPPORTO CON L'ISPETTORE DEL LAVORO
Il sindacalista era in ottimi rapporti anche con l’ispettore del lavoro finito ai domiciliari. Sarebbe stato Vaccaro a indicare il nome dell'ispettore del lavoro alla coop per risolvere questioni riguardanti vertenze, antinfortunistica, assistenzialismo.
In una intercettazione, i due parlano dei guai della coop. Un ragioniere si è dimesso: «Non ha retto la botta perché là era un continuo di extracomunitari, si metteva paura», commenta il sindacalista, che aggiunge a proposito del consulente: «Con lui stavo tranquillo, c’era un certo rapporto(...) mi manteneva lui». Alla fine l’ispettore, che svolgeva corsi di formazione per la Fai Cisl, ricorda a Vaccaro di certe questioni riguardanti Frosinone: «Se ci volevamo vedere con quelli di Frosinone... quando vuoi».

SOSPESO DALLE CARICHE
Vaccaro è stato sospeso da ogni carica come ha fatto sapere il segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota: «Siamo sconcertati. Chiediamo si faccia luce al più presto. Siamo pronti a valutare ogni azione penale e civile per tutelare la Fai Cisl»

Da: QUI

Articolo di Luca

ALTRE NOTIZIE
La castrazione chimica? Inutile e sbagliata!
La castrazione chimica? Inutile e sbagliata!
(Napoli)
-

Dopo la notizia dell’arresto dello stupratore di una barista a Piacenza, il tweet del Ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha riaperto la discussione sulla castrazione chimica.
Dopo la notizia dell’arresto dello stupratore di una barista a Piacenza, il...

BUGIA DEF, crescita ZERO. Cominciamo a DIRE LA VERITA' agli italiani
BUGIA DEF, crescita ZERO. Cominciamo a DIRE LA VERITA' agli italiani
(Napoli)
-

Il Def era una bugia, come tutti i precedenti. Le clausole di salvaguardia ci hanno lasciato in eredità un debito Iva spaventoso
A meno che accada qualcosa di, contemporaneamente, eclatante ed imprevisto,...

DL Sicurezza con porti chiusi? Salva vite umane. Ecco i DATI DEL MINISTERO
DL Sicurezza con porti chiusi? Salva vite umane. Ecco i DATI DEL MINISTERO
(Napoli)
-

La politica dei porti chiusi salva tante vite umane
La politica dei porti chiusi salva tante vite umane – di Gianandrea Gaiani – La...

Sblocca Cantieri approvato: come funziona
Sblocca Cantieri approvato: come funziona
(Napoli)
-

Dopo quasi un mese dalla prima approvazione salvo intese, il decreto legge sblocca cantieri è stato nuovamente approvato dal Consiglio dei ministri, convocato per l'occasione a Reggio Calabria.
Dopo quasi un mese dalla prima approvazione salvo intese, il decreto legge...

Medioevo periodo buio? Solo gli IGNORANTI possono dirlo!
Medioevo periodo buio? Solo gli IGNORANTI possono dirlo!
(Napoli)
-

Quando si pensa al Medioevo vengono in mente carestie e pestilenze, soprusi e guerre, cavalieri, servi della gleba sotto lo stretto giogo di monarchi e feudatari, torture, monaci mistici, papi, inquisizione, ignoranza, superstizione, mille e non più mille
Quando si pensa al Medioevo vengono in mente carestie e pestilenze, soprusi e...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati