Integratori di vitamine e minerali? TOTALMENTE INUTILI

(Torino)ore 21:21:00 del 08/07/2018 - Tipologia: , Denunce, Salute, Scienze, Sociale

Integratori di vitamine e minerali? TOTALMENTE INUTILI

Gli integratori di minerali e vitamine più famosi sono inutili: la conferma degli scienziati.

Scienziati canadesi dell’Università di Toronto hanno dimostrato che gli integratori più comuni contenenti vitamina C, vitamina D, calcio e altri composti non offrono alcuna protezione dalle patologie cardiovascolari.

Gli unici a donare una moderata o minima protezione sono risultati essere l’acido folico e le vitamine B.

Molti tra gli integratori di sali minerali e vitamine più comuni non apportano benefici alla salute, risultando nella maggior parte dei casi totalmente inutili nel proteggerci dalle patologie cardiovascolari.

Lo ha dimostrato un team di ricerca canadese, composto da scienziati del Dipartimento di Scienze Nutrizionali presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Toronto e del St. Michael’s Hospital.

Gli scienziati, coordinati dal dottor David Jenkins, sono giunti a questa conclusione dopo aver effettuato un approfondito studio di revisione (una meta-analisi) su diverse ricerche condotte sugli integratori tra il gennaio del 2012 e l’ottobre del 2017.

Analisi statistica sugli integratori

È emerso che multivitaminici e integratori che contengono vitamina D, calcio, selenio, vitamina C e beta-carotene, trai i più comuni e venduti, non mostrano alcun vantaggio nel proteggere da infarto, ictus e altre patologie cardiovascolari, oltre che dalla morte prematura.

Gli unici supplementi ad aver offerto benefici di moderata o scarsa qualità sono risultati essere quelli contenenti acido folico (conosciuto anche come vitamina M o vitamina B9) per le malattie cardiovascolari e l’ictus.

Le vitamine B hanno invece dimostrato un fattore protettivo per l’ictus. Tuttavia Jenkins e colleghi hanno rilevato che la niacina (vitamina B3) associata a una statina e alcuni antiossidanti hanno addirittura aumentato – seppur di poco – il rischio di mortalità generale.

“Siamo rimasti sorpresi di aver trovato così pochi effetti positivi dei supplementi più comuni”, ha sottolineato l’autore principale dello studio.

“Questi risultati suggeriscono che le persone dovrebbero essere consapevoli degli integratori che stanno assumendo e assicurarsi che siano applicabili alle specifiche carenze di vitamine o minerali di cui sono stati informati dal proprio medico”, ha aggiunto il dottor Jenkins.

Per queste ragioni i ricercatori canadesi sottolineano l’importanza di una dieta sana, varia ed equilibrata per assumere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno.

Del resto, spiegano, nessun integratore ha dimostrato di offrire gli stessi benefici dei pasti a base di prodotti vegetali come frutta, verdura e frutta secca, quest’ultima ben nota nel fornire protezione dell’apparato cardiocircolatorio, naturalmente nelle giuste quantità.

I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sull’autorevole rivista scientifica Journal of the American College of Cardiology.

Da: QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE

(Torino)
-


  Di Notre-Dame è salva la struttura muraria, insieme a un terzo del tetto. Il...

Business del dimagrimento: come non abboccare ai trucchi che ti propongono!
Business del dimagrimento: come non abboccare ai trucchi che ti propongono!
(Torino)
-

Conosci la differenza tra perdere peso e dimagrire?
Conosci la differenza tra perdere peso e dimagrire?  Oggi voglio farti...

32 anni dalla fine del nucleare e ancora non sappiamo dove mettere i RIFIUTI RADIOATTIVI
32 anni dalla fine del nucleare e ancora non sappiamo dove mettere i RIFIUTI RADIOATTIVI
(Torino)
-

Si chiama Sogin e pochi la conoscono: è la società creata ad hoc per gestire la denuclearizzazione in Italia, dopo il referendum del 1987 e lo spegnimento delle centrali
Se pensavate di aver chiuso con il nucleare più di 30 anni fa, vi siete...

FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
(Torino)
-

State sereni, il suo obiettivo lo ha raggiunto: far mangiare tutti gli sciacalli che ci giravano intorno!
Mose, con le tangenti di Galan appartamenti di lusso a Dubai. Sequestrati 12,3...

Sud Italia, dove INTERNET non esiste per 1 persona su 3
Sud Italia, dove INTERNET non esiste per 1 persona su 3
(Torino)
-

Secondo gli ultimi dati sull'utilizzo di internet e dei social network, anche per gli italiani l'utilizzo dei social è in crescita, dove Facebook è in testa con 31 milioni di utenti, seguito da Instagram e Pinterest. Ma quanto a penetrazione di internet r
Gli italiani sono sempre più online, sebbene al di sotto della media...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati