Influenza Settembre 2018: sintomi anche senza febbre

(Milano)ore 23:04:00 del 07/09/2018 - Tipologia: , Salute

Influenza Settembre 2018: sintomi anche senza febbre

Tutto quello che c’è da sapere sull’influenza di fine estate che come ogni anno è pronta a colpire un gran numero di italiani..

Solitamente le ferie servono a riposarsi e ricaricare le energie in vista della ripresa del lavoro e della vita di tutti i giorni. Ma spesso in questo periodo dell’anno migliaia di italiani finiscono per restare a letto colpiti da quella che è definita come influenza di fine estate. Questo virus porta con sé disturbi di ogni tipo dal raffreddore fino alla gastroenterite virale. Come ha avuto modo già di spiegare il virologo dell’Università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco, si tratta di un classico malanno fino ad oggi ha già colpito tra le 60 e le 80mila persone.

Le cause principali sono da far risalire agli sbalzi di temperatura tipici di questo periodo transitorio in cui la mattina presto e verso sera fa fresco già mentre durante il giorno si arrivano a toccare anche i 35 gradi. Nella maggior parte dei casi però l’influenza è caratterizzata da banali raffreddori, diarrea, mal di gola, senso di debolezza ed eventualmente da virus intestinali. Questi sintomi però di solito tendono a scomparire nel giro di pochi giorni e possono essere attenuti assumendo farmaci specifici in grado di ridurli ma senza eliminarli del tutto così che possano seguire il naturale iter della malattia.

Oltre agli sbalzi di temperatura, un’altra causa che può provocare l’insorgere di influenze virali è anche l’innalzamento dei livelli di stress. Ed è proprio per questo motivo che solitamente le persone più che sono più a rischio influenza sono quelle che hanno fatto da poco ritorno a casa dalle vacanze e soffrono così della cosiddetta “sindrome da rientro” ma anche coloro che stanno affrontando un periodo particolarmente stressante. E’ opportuno quindi gestire il proprio ritorno a lavoro cercando di ridurre ogni tipo di affaticamento eccessivo e tornare a riprendere il vostro normale stile di vita gradualmente senza esagerare.

Al momento tuttavia non c’è nessun motivo per allarmarci per questa influenza di fine estate in quanto il Ministero della Salute non ha rilevato nessun rischio di emergenza e la situazione è sotto controllo. Ma vediamo adesso nel dettaglio quali sono i sintomi che colpiscono sia adulti che bambini e quanto dura questo virus influenzale.

Influenza di settembre 2018: sintomi e durata per adulti e bambini

Con l’accorciarsi delle giornate, l’abbassamento delle temperature e l’arrivo dell’autunno si inizia a pensare anche a quella che sarà la stagione influenzale 2018-2019. Il Ministero della Salute lo scorso 31 maggio ha reso pubblica la circolare sulla prevenzione ed il controllo dell’influenza in cui sono presenti tutte le raccomandazioni in vista della nuova stagione autunnale ed invernale che sta per arrivare. Come sappiamo ogni anno i virus influenzali costringono a restare a letto milioni di italiani e per questo motivo le persone devono riuscire ad imparare a riconoscerne i sintomi e capire quali sono i rimedi per una guarigione sicura. I medici avvertono che per evitare di peggiorare la situazione è opportuno prendere le dovute precauzioni.

L’influenza è una malattia che si trasmette per via aerea e quindi c’è il rischio di essere contagiati anche solo parlando con soggetti malati e le probabilità aumentano quando magari andiamo in posti al chiuso e molto affollati. Per riconoscere il virus basta osservare come detto i sintomi che sono sempre gli stessi: mal di gola o mal d’orecchio, dolori muscolari, tosse, mal di testa, sensazione di malessere generale e debolezza, congestione nasale, mancanza di appetito e raffreddore. Altro campanello d’allarme sono, in particolare per i bambini, i disturbi intestinali che causano diarrea e vomito. Sono molte le persone che spesso sottovalutano l’influenza ma è bene ricordare che in alcuni casi, soprattutto nei soggetti più a rischio, il virus più avere delle serie complicazioni.

Solitamente l’affezione dura dai 3 ai 10 giorni ma non tutti sanno che si può essere contagiosi anche 24 ore prima che i sintomi si manifestano e fino a ben sette giorni dopo, che diventano dieci per i più piccoli. Tra i sintomi dell’influenza di fine estate vi può essere anche la febbre. L’aumento della temperatura corporea non è preoccupante se resta nei limite della tollerabilità e gli antipiretici come il paracetamolo (tra cui la comune Tachipirina) ai bambini non vanno somministrati sotto i 38.5°. Secondo quanto affermano molti pediatri infatti, la febbre è il segnale che il bambino si sta difendendo, in genere da un microrganismo e non va abbassata ad ogni costo.

Ovviamente esistono casi in cui è opportuno intervenire anche prima dei 38 e mezzo quando per esempio il soggetto è un paziente che soffre di epilessia o di convulsioni febbrili. E’ opportuno poi ricordare che la febbre causa spesso l’alterazione anche dell’equilibrio della vostra pelle in quanto si è portati il più delle volte a sudare. C’è quindi il rischio, soprattutto per i bambini piccoli, di avere delle eruzioni cutanee che tuttavia sono quasi sempre innocue come la sudamina. E’ opportuno osservare bene la pelle del vostro bambino durante gli stati febbrili. In caso presenta bollicine rosse non troppo diffuse o fastidiose sul collo e nelle giunture degli arti, la cosa da fare è un semplice bagnetto dopo il quale applicherete una crema idratante specifica per i bambini. Tuttavia se le eruzioni cutanee non dovessero diminuire o se provocano molto prurito e fastidio è opportuno ricorrere al medico.

L’Agenzia Italiana del Farmaco raccomanda di non somministrare medicinali mucolitici ai bambini con un’età inferiore ai 2 anni. In caso di muchi inoltre è opportuno evitare qualsiasi tipo di auto-prescrizione ma piuttosto è bene rivolgersi al vostro medico curante che vi saprà consigliare la giusta cura da seguire. Per quanto riguarda i sintomi dell’influenza di fine estate, molti italiani che tornano dalle vacanze vengono costretti a restare a casa a causa di forti disturbi intestinali che sono tra i più frequenti principalmente nella stagione più calda dell’anno. L’estate infatti le persone tendono a cambiare anche radicalmente le proprie abitudine alimentari e questo porta il più delle volte scompensi e carenze che permettono ai virus di svilupparsi con maggiore forza. Questo porta il nostro fisico a destabilizzarsi e quindi va incontro anche a problemi che colpiscono il nostro apparato gastrointestinale.

Le cause, soprattutto negli ultimi anni, possono essere ricercate anche nella scelta della meta delle nostre ferie che sempre più spesso ci porta lontano dall’Italia magari in paesi dove le abitudini alimentari sono completamente differenti dalle nostre e a cui il nostro organismo non sempre è preparato. Tuttavia questo non è un invito ad evitare di volare fuori dai confini per trascorrere le vostre vacanze ma vuol essere semplicemente un consiglio a prendere le dovute precauzioni prima di affrontare viaggi all’estero. E’ bene magari consultarvi con il vostro medico prima di partire e portare con voi la giusta scorta di medicinali per ogni evenienza.

Per quanto riguarda invece la durata di quella che viene comunemente chiamata influenza intestinale, è decisamente più breve rispetto a quella standard e va dai 2 ai 5 giorni. Il virus si manifesta inizialmente con diversi episodi di vomito e/o diarrea molto debilitanti per l’organismo e i restanti giorni sono invece di ripresa. Insomma, prestare particolare attenzione è assolutamente doveroso per non rischiare di ritrovarsi al letto a rientro dalle ferie. Ed è per questo motivo che adesso cerchiamo di scoprire possono essere le cure ed i rimedi naturali che aiutano a combattere l’influenza e come prevenire il sorgere di questo virus di fine estate 2018.

Da: QUI

Articolo di Samuele

ALTRE NOTIZIE
Dieta delle 72 ore per sbloccare il metabolismo
Dieta delle 72 ore per sbloccare il metabolismo
(Milano)
-

DIETA DELLE 72 ORE PER ACCELERARE IL METABOLISMO - Con la dieta delle 72 oreè possibile sbloccare il metabolismo e arrivare a perdere fino a 2 kg i 3 giorni.
DIETA DELLE 72 ORE PER ACCELERARE IL METABOLISMO - Con la dieta delle 72 oreè...

Maturita' 2019, notte prima degli esami! Cibi da evitare stasera
Maturita' 2019, notte prima degli esami! Cibi da evitare stasera
(Milano)
-

MATURITA' 2019 CIBI DA EVITARE - Sta per arrivare la notte che ogni studente si ricorderà a lungo, quella prima degli esami di maturità.
MATURITA' 2019 CIBI DA EVITARE - Sta per arrivare la notte che ogni studente si...

Dieta Rosedale antigrasso
Dieta Rosedale antigrasso
(Milano)
-

E' consigliato effettuare pasti leggeri, facendo attenzione a bere molta acqua durante la giornata.
  DIETA ROSEDALE ANTI GRASSO - La dieta Rosedale, messa a punto dal dottor Ron...

Allarme Sanita': 20milioni di italiani costretti a rivolgersi al privato per accedere alle cure
Allarme Sanita': 20milioni di italiani costretti a rivolgersi al privato per accedere alle cure
(Milano)
-

CRISI SANITARIA IN ITALIA - La sanità italiana ha accumulato un debito con i propri fornitori di 22,9 miliardi di euro.
CRISI SANITARIA IN ITALIA - La sanità italiana ha accumulato un debito con i...

Dieta a basso indice glicemico ideale per dimagrire rapidamente
Dieta a basso indice glicemico ideale per dimagrire rapidamente
(Milano)
-

DIETA A BASSO INDICE GLICEMICO PER DIMAGRIRE - Diversi studi hanno dimostrato che seguire la dieta a basso indice glicemico può avere effetti positivi sulla salute, come perdita di peso, riduzione della glicemia, minor rischio di malattie cardio vascolari
DIETA A BASSO INDICE GLICEMICO PER DIMAGRIRE - Diversi studi hanno dimostrato...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati