Incendio Tmb Salario : nube nera tossica su Roma

(Roma)ore 19:49:00 del 13/12/2018 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Sociale

Incendio Tmb Salario  : nube nera tossica su Roma

Incendio all’impianto di trattamento dei rifiuti di via Salaria a Roma, il Tmb al centro di molte contestazioni da parte dei cittadini .

Un incendio è divampato all'alba nell'impianto di trattamento meccanico-biologico (Tmb) dei rifiuti di via Salaria a Roma, al civico 907. Le fiamme interessano un capannone di duemila metri quadrati: dal rogo si è alzata un'alta colonna di fumo visibile a chilometri di distanza e nella zona del Tmb si è diffuso un odore acre che ha raggiunto le abitazioni che sorgono a poche decine di metri. Migliaia di cittadini sono ostaggio della nube tossica, le finestre chiuse e preoccupati per l'aria che si respira. 

L'odore di bruciato si avverte in tutto il quadrante nord est della capitale fino al centro. Sul posto è in corso l'intervento dei vigili del fuoco: 12 le squadre che sono impegnate a domare l'incendio da ore. Solo quando il rogo sarà spento si potrà fare chiarezza sulle cause che al momento non sono note. Sul caso stanno indagando i carabineri della Compagnia di Montesacro. All'interno dell'impianto il presidente del III Municipio Giovanni Caudo e l'assessore all'Ambiente Francesco Pieroni, assieme all'assessora all'Ambiente di Roma Capitale Pinuccia Montanari. Il pm Carlo Villani, che già indagava sul Tmb Salario per il quale era titolare di un fascicolo in cui vanivano ipotizzato i reati di inquinamento ambientale e di attività di rifiuti non autorizzata, si è recato nell'impianto: un nuovo fascicolo per il reato di disastro colposo è stato aperto da piazzale Clodio sul rogo che ha devastato l'impianto.

Comune e Municipio "Tenete le finestre chiuse"

"In seguito all'incendio sviluppatosi nell'impianto Tmb Salario, per ragioni precauzionali, in attesa dei dati delle misurazioni dell'aria da parte di Asl e Arpa Lazio, le raccomandazioni sono di chiudere le finestre laddove si percepisce odore, ma soprattutto evitare attività all'aria aperta ed evitare di consumare prodotti colti nell'area circostante all'incendio", così in una nota il Campidoglio. L'amministrazione municipale già si era attivata invitando in particolare le scuole a tenere finestre chiuse e a non far uscire bambini e ragazzi

Il custode dell'impianto: "Sentito scoppio nella notte"

Secondo le informazioni apprese, il custode dell'impianto dei rifiuti di via Salaria avrebbe sentito uno scoppio durante la notte, proprio dov'è divampato l'incendio. Sarebbero queste le primissime informazioni sul rogo, ancora tutta da ricostruire la dinamica dell'accaduto e da accertare cosa lo abbia provocato.

La Regione Lazio attiva le strutture Regionali, Arpa sul posto

La Regione Lazio rende noto che ha attivato le strutture regionali preposte ad intervenire e che Arpa è al lavoro per monitorare la qualità dell'aria. L'assessore regionale ai rifiuti, Massimiliano Valeriani, si recato in via Salaria, presso l'impianto di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti gestito da Ama. È incorso un tavolo per fare il punto sull'incendio, al quale stanno partecipando il capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Albino Ruberti, l'assessore all'Ambiente del Comune di Roma, Pinuccia Montanari, i responsabili dell'Impianto Ama e i vigili del fuoco.

I residenti chiedono da tempo la chiusura del Tmb

L'impianto di trattamento dei rifiuti è da tempo al centro delle polemiche. I residenti della zona ne chiedono la chiusura, mentre la procura ha aperto recentemente un'inchiesta dopo che una relazione dell'Arpa Lazio (l'Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha documentato le molte irregolarità che avvengono all'interno del Tmb. Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro dell'Ambiente Sergio Costa: "Il Tmb là non si può lasciare nelle condizioni attuali – ha detto il ministro – Urge un intervento di ripristino della legalità e della dignità di quel luogo, che deve essere vissuto in armonia con il territorio". Il rogo odierno è una ulteriore miccia per le proteste dei residenti: "Questa è l'ulteriore prova che questo impianto di via Salaria va chiuso – ha detto all'Adnkronos il presidente del III Municipio Giovanni Caudo –  Noi lo stiamo dicendo da mesi, è obsoleto, vecchio. Non bisognava arrivare a queste situazioni".

Da: QUI

Articolo di Samuele

ALTRE NOTIZIE
Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
(Roma)
-

Entro il 2021 lo stato sarà chiamato a uscire dal capitale di Monte dei Paschi di Siena (MPS)
DEBITI MPS PAGATI DAGLI ITALIANI - Con un quota in possesso del Tesoro del...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Roma)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Chi finanzia veramente i politici italiani?
Chi finanzia veramente i politici italiani?
(Roma)
-

Integrazione europea e sostegno ai migranti: sono questi due degli obiettivi dichiarati della Open Society Foundation, la fondazione finanziata e guidata da George Soros, speculatore e personaggio controverso noto in tutto il mondo.
CHI FINANZIA I POLITICI IN ITALIA - Integrazione europea e sostegno ai migranti:...

Fisco: le grandi imprese evadono 16 volte di piu' rispetto alle piccole, ma nessuno lo dice!
Fisco: le grandi imprese evadono 16 volte di piu' rispetto alle piccole, ma nessuno lo dice!
(Roma)
-

LA GRANDE EVASIONE DELLE GRANDI AZIENDE - A seguito dell’attività di accertamento svolta lo scorso anno sulle attività economiche, emerge come la maggiore imposta media accertata dall’Agenzia delle Entrate per ogni singola grande azienda sia pari a poco p
LA GRANDE EVASIONE DELLE GRANDI AZIENDE - A seguito dell’attività di...

Fatture false, genitori Renzi condannati a 1 anno e 9 mesi
Fatture false, genitori Renzi condannati a 1 anno e 9 mesi
(Roma)
-

Il pm Christine von Borries nella sua requisitoria odierna aveva chiesto per i genitori di Renzi una condanna a un anno e nove mesi, e a due anni e tre mesi per Dagostino.
PROCESSO GENITORI RENZI - Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell'ex premier...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati