Incendio Tmb Salario : nube nera tossica su Roma

(Roma)ore 19:49:00 del 13/12/2018 - Tipologia: , Ambiente, Denunce, Sociale

Incendio Tmb Salario  : nube nera tossica su Roma

Incendio all’impianto di trattamento dei rifiuti di via Salaria a Roma, il Tmb al centro di molte contestazioni da parte dei cittadini .

Un incendio è divampato all'alba nell'impianto di trattamento meccanico-biologico (Tmb) dei rifiuti di via Salaria a Roma, al civico 907. Le fiamme interessano un capannone di duemila metri quadrati: dal rogo si è alzata un'alta colonna di fumo visibile a chilometri di distanza e nella zona del Tmb si è diffuso un odore acre che ha raggiunto le abitazioni che sorgono a poche decine di metri. Migliaia di cittadini sono ostaggio della nube tossica, le finestre chiuse e preoccupati per l'aria che si respira. 

L'odore di bruciato si avverte in tutto il quadrante nord est della capitale fino al centro. Sul posto è in corso l'intervento dei vigili del fuoco: 12 le squadre che sono impegnate a domare l'incendio da ore. Solo quando il rogo sarà spento si potrà fare chiarezza sulle cause che al momento non sono note. Sul caso stanno indagando i carabineri della Compagnia di Montesacro. All'interno dell'impianto il presidente del III Municipio Giovanni Caudo e l'assessore all'Ambiente Francesco Pieroni, assieme all'assessora all'Ambiente di Roma Capitale Pinuccia Montanari. Il pm Carlo Villani, che già indagava sul Tmb Salario per il quale era titolare di un fascicolo in cui vanivano ipotizzato i reati di inquinamento ambientale e di attività di rifiuti non autorizzata, si è recato nell'impianto: un nuovo fascicolo per il reato di disastro colposo è stato aperto da piazzale Clodio sul rogo che ha devastato l'impianto.

Comune e Municipio "Tenete le finestre chiuse"

"In seguito all'incendio sviluppatosi nell'impianto Tmb Salario, per ragioni precauzionali, in attesa dei dati delle misurazioni dell'aria da parte di Asl e Arpa Lazio, le raccomandazioni sono di chiudere le finestre laddove si percepisce odore, ma soprattutto evitare attività all'aria aperta ed evitare di consumare prodotti colti nell'area circostante all'incendio", così in una nota il Campidoglio. L'amministrazione municipale già si era attivata invitando in particolare le scuole a tenere finestre chiuse e a non far uscire bambini e ragazzi

Il custode dell'impianto: "Sentito scoppio nella notte"

Secondo le informazioni apprese, il custode dell'impianto dei rifiuti di via Salaria avrebbe sentito uno scoppio durante la notte, proprio dov'è divampato l'incendio. Sarebbero queste le primissime informazioni sul rogo, ancora tutta da ricostruire la dinamica dell'accaduto e da accertare cosa lo abbia provocato.

La Regione Lazio attiva le strutture Regionali, Arpa sul posto

La Regione Lazio rende noto che ha attivato le strutture regionali preposte ad intervenire e che Arpa è al lavoro per monitorare la qualità dell'aria. L'assessore regionale ai rifiuti, Massimiliano Valeriani, si recato in via Salaria, presso l'impianto di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti gestito da Ama. È incorso un tavolo per fare il punto sull'incendio, al quale stanno partecipando il capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Albino Ruberti, l'assessore all'Ambiente del Comune di Roma, Pinuccia Montanari, i responsabili dell'Impianto Ama e i vigili del fuoco.

I residenti chiedono da tempo la chiusura del Tmb

L'impianto di trattamento dei rifiuti è da tempo al centro delle polemiche. I residenti della zona ne chiedono la chiusura, mentre la procura ha aperto recentemente un'inchiesta dopo che una relazione dell'Arpa Lazio (l'Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha documentato le molte irregolarità che avvengono all'interno del Tmb. Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro dell'Ambiente Sergio Costa: "Il Tmb là non si può lasciare nelle condizioni attuali – ha detto il ministro – Urge un intervento di ripristino della legalità e della dignità di quel luogo, che deve essere vissuto in armonia con il territorio". Il rogo odierno è una ulteriore miccia per le proteste dei residenti: "Questa è l'ulteriore prova che questo impianto di via Salaria va chiuso – ha detto all'Adnkronos il presidente del III Municipio Giovanni Caudo –  Noi lo stiamo dicendo da mesi, è obsoleto, vecchio. Non bisognava arrivare a queste situazioni".

Da: QUI

Articolo di Samuele

ALTRE NOTIZIE

(Roma)
-


RIMBORSI TARIFFE 28 GIORNI NEWS - Altro che rimborsi rapidissimi, c'è "puzza...

Luglio, caldo record: temperature piu' alte negli ultimi 140 anni
Luglio, caldo record: temperature piu' alte negli ultimi 140 anni
(Roma)
-

CALDO RECORD LUGLIO 2019 - Dopo giugno, luglio. Prosegue il riscaldamento climatico che sta portando il  2019 ai vertici delle classifine degli anni più caldi.
CALDO RECORD LUGLIO 2019 - Dopo giugno, luglio. Prosegue il riscaldamento...

Crisi dei negozi infinita: 1 su 4 prevede chiusura entro fine anno
Crisi dei negozi infinita: 1 su 4 prevede chiusura entro fine anno
(Roma)
-

CRISI NEGOZI ITALIANI SOTTO CASA - Secondo un recente sondaggio condotto da SWG per Confesercenti è emerso che un negozio di vicinato su quattro prevede la chiusura a fine anno con bilancio negativo e due su dieci prevedono la riduzione della forza lavoro
CRISI NEGOZI ITALIANI SOTTO CASA - Secondo un recente sondaggio condotto da SWG...

Maturita' 2020: ecco il calendario e date delle prove scritte
Maturita' 2020: ecco il calendario e date delle prove scritte
(Roma)
-

Il Ministero dell’Istruzione ha fornito il calendario delle festività e degli esami di Stato 2019/2020.
CALENDARIO PROVE SCRITTE MATURITA' 2020 - Il Ministero dell'Istruzione ha reso...

Tanti italiani si sentono dei falliti: un baratro psicologico
Tanti italiani si sentono dei falliti: un baratro psicologico
(Roma)
-

PERCHE' TI SENTI UN FALLITO? Parliamo di una sensazione associata al non essere riusciti a raggiungere gli obiettivi sperati a lungo o a breve termine
PERCHE' TI SENTI UN FALLITO? Parliamo di una sensazione associata al non essere...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati