Il Po porta con sè fango e disperazione

CREMONA ore 14:26:00 del 16/11/2014 - Tipologia: Cronaca

Il Po porta con sè fango e disperazione

Gli argini non reggono più, tutta colpa della mancata manutenzione di questi anni sciagurati.

Fare manutenzione costava troppo. Ed allora i Sindaci, gli Enti, le Province, le Regioni e le Comunità non ci hanno pensato due volte. Hanno tolto la voce di spesa dai bilanci e hanno sperato che Giove Pluvio non presentasse il conto. Così, come si fa all’italiana. Sperando che il futuro ce la mandi buona. Ma la situazione oggi è disperata. Il flusso d’acqua sta sforando l’argine ed ha già invaso tutti i fiumi attorno al grande fiume, nelle Province Lombarde, emiliane e piemontesi. Un disastro totale perché bloccare l’acqua è impossibile. Non si ferma davanti a nulla, e tutto quello che sommerge lo distrugge in modo irreparabile.

Un disastro che l’Italia ha già imparato a conoscere e che la Lombardia sta vivendo sulla propria pelle. Proprio qui, dove il cemento l’ha fatta da padrone, un fiumiciattolo come il Seveso tiene in scacco tutta Milano. Il capoluogo rischia di finire sommerso. La stazione Garibaldi, punto di riferimento ferroviario e metropolitano, due giorni fa era una cascata d’acqua. Chiusa e in tilt. Oggi potrebbe ripetersi la stessa scena già vista, indegna per un Paese che aspira ad essere civile. Ma la preoccupazione maggiore riguarda il fiume grande. Quello che esondava nei film di Don Camillo e Peppone, ma il bianco e nero di allora non sembra troppo diverso dal grigio di oggi.

In Lombardia si monitora da vicino la piena del Po, che continuerà a crescere, rimanendo al di sopra della soglia di elevata criticità almeno per le prossime 24 ore. Mantova e Cremona sorvegliate speciali. Non va meglio in Emilia Romagna. Anche qui, nel regno delle Giunte rosse votate con percentuali bulgare, la manutenzione non è mai stata eseguita. Nell’hinterland di Milano si sono viste scene assurde, con parti di argini collassati e finiti all’interno del letto del fiume. In Emilia non mancano buche e voragini che si sono aperte in giro per il territorio. La verità è che viviamo su un groviera che ormai ci sta presentando il conto. In qualche modo, italiani, è giusto così!

Rimane attiva l’allerta per diversi comuni del Piacentino e alcuni centri delle province di Ferrara, Parma e Reggio Emilia. Sulla base delle valutazioni di Aipo, si prevede il superamento del livello 3 nelle sezioni comprese fra Pontelagoscuro e la foce. Il sindaco di Ferrara Luciano Tagliani ha dunque ordinato a chi abita in zona golenale a Pontelagoscuro di lasciare l’abitazione. Preallarme anche per il Crostolo nel Reggiano e il Panaro a Bondeno, nel Ferrarese. Un’evacuazione per prevenire almeno i morti. Ma a queste persone bisognerebbe anche spiegare che stanno correndo il rischio di perdere tutto perché altri non hanno fatto il loro dovere. E questi altri sono… i politici che magari lui stesso ha votato! Queste persone devono rendere conto e pagare ogni centesimo di danno di tasca loro!

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

Articolo di Albertone

ALTRE NOTIZIE
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!

-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

Roma: sindaca Raggi condannata per falso
Roma: sindaca Raggi condannata per falso

-

Una “pena minima” per un processo pesantissimo dal punto di vista politico, che alla luce del regolamento interno al M5S potrebbe mettere a rischio la permanenza stessa della sindaca di Roma alla guida del Campidoglio.
“Il senso deve essere quello di condurre tutti i processi allo stesso modo. E...

Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!

-

Il cardinale da 35 mila euro al mese: in Vaticano scoppia un nuovo scandalo
L’amico e primo consigliere di Francesco, Oscar Maradiaga, predicava il...

Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello
Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello

-

Torino, la dolce vita della “regina” rom: ville, auto di lusso e soldi dal Comune
Altro che roulotte ed elemosine, la “regina” dei rom a Torino fa la bella vita a...

Unicef: ogni 3 euro che doni, 2 vanno a una societa' privata!
Unicef: ogni 3 euro che doni, 2 vanno a una societa' privata!

-

Unicef: se doni 3 euro, 2 vanno a una società privata. Ma per il fondo per l’infanzia va bene così L’affare Play Therapy Africa – Scoperta dei pm di Firenze nell’inchiesta sui Conticini. Ma il Fondo per l’infanzia ha deciso che va bene così
Su dieci milioni di donazioni versate ad associazioni umanitarie per aiutare i...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati