I cinesi che vivono in Italia puntano sull'AGRICOLTURA e si prendono i nostri TERRENI!

(Catanzaro)ore 13:09:00 del 27/11/2018 - Tipologia: , Ambiente, Denunce

I cinesi che vivono in Italia puntano sull'AGRICOLTURA e si prendono i nostri TERRENI!

Cinesi sempre più attivi nel mercato agricolo italiano, ma tra acquisti maggiorati, coltivazioni intensive attraverso prodotti sindacabili e condizioni lavorative non regolarizzate, si sta sollevando una questione che rischia di mettere con le spalle al m.

Cinesi sempre più attivi nel mercato agricolo italiano, ma tra acquisti maggiorati, coltivazioni intensive attraverso prodotti sindacabili e condizioni lavorative non regolarizzate, si sta sollevando una questione che rischia di mettere con le spalle al muro le amministrazioni toscane

Adesso i cinesi che vivono in Italia hanno deciso d’investire pesantemente nel settore agricolo. Per l’onorevole Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia “non sono mai stati contrastati”. Stiamo parlando di quelle persone di origine asiatica che, in Toscana come in altre regioni d’Italia, hanno sì iniziato a puntare tutto sull’agricoltura, quindi sull’acquisizione dei terreni presenti nel Belpaese, ma attraverso procedure e metodi che non sembrerebbero troppo cristallini.

Il parlamentare citato, nello specifico, si riferisce agli episodi in cui non sono rispettate le normative e si arriva a trarre profitto dal lavoro nero, in tutti gli ambiti del settore primario, compreso quello agricolo. A evidenziare aspetti sindacabili di questo nuovo fenomeno è stato il quotidiano La Verità.

Alcuni, tra coloro che provengono dalla Repubblica del ‘dragone’, si legge sul giornale diretto da Maurizio Belpietro, selezionerebbero le terre più fruttuose e le pagherebbero molto più rispetto a quanto previsto di solito. Ma per quale scopo? I semi utilizzati per le coltivazioni, poi, risultano legali? La combinazione tra illegalità e lavoro non regolarizzato sembra fare da sfondo a tutta questa vicenda: i semi, per buona parte, arriverebbero in maniera clandestina, mentre i lavoratori dei campi sarebbero costretti a lavorare in “condizioni igieniche agghiacciante”. Oltre, ovviamente, a non essere contrattualizzati. Ma non è finita qua.

I prodotti ricavati sarebbero poi venduti in banchi alimentari non conformi alla legge. Questi neo – imprenditori dell’agricolo si sarebbero accorti della bontà di questo meccanismo quando hanno dovuto risolvere il problema di garantire cibo, almeno quello di questa tipologia, a tutti i connazionali presenti in Italia.

Poi, una volta sperimentato per bene il sistema, avrebbero esteso il progetto, entrando di diritto nel mercato agricolo italiano. Vengono coltivate soprattutto quelle pietanze che presentano delle caratteristiche difformi rispetto a quelle italiane: cavolo, fagiolini, cetrioli, melanzane e altri ortaggi. Il tutto “sotto serra” e attraverso l’agricoltura estensiva. La Camera di Commercio, almeno per ora, segnala l’iscrizione di sole 114 aziende agricole collegate alla Cina. Ma non è escludibile che il peso economico di questi soggetti possa crescere negli anni.

A segnalare qualche aspetto ulteriore è stato Claudio Lombardi, che coordina la Coldiretti per la zona di Prato: “Hanno in gestione il 20% dei terreni lavorabili dell’ intera pianura pratese – ha raccontato -, che corrispondono a più del 60% della superficie lavorata”. E ancora: “Decine di ettari di terreno, completamente usati a serre e posizionati strategicamente lungo il crinale Sud tra le due province, particolarmente ricco di acqua e noto per essere tra le zone più fertili e produttive”. Poi la parte riguardante i costi: “Anche dieci volte il prezzo di mercato – ha detto a La Verità, riferendosi a quanto sono disposti a sborsare per l’acquisto delle terre – , “ed è per questo che riescono ad averli facilmente”.

Bisognerebbe evidenziare, ancora, le scarse condizioni igieniche, le destinazioni degli scarichi, i roghi appiccati nei campi, i pericoli corsi dalla cosiddetta biodiversità, i prodotti utilizzati per la concimazione, che non corrisponderebbero a quelli canonici e così via. La responsabilità di tutto ciò, per le forze politiche che cercano di sollevare la questione, è ascrivibile pure alle amministrazioni che si sono succedute nella Regione Toscana nel corso degli ultimi decenni, tutte targate centrosinistra.

Da: QUI

Articolo di Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Qualita' dell'aria in Italia: le citta' PEGGIORI
Qualita' dell'aria in Italia: le citta' PEGGIORI
(Catanzaro)
-

Dal secondo rapporto di MobilitAria 2019, che ha analizzato la qualità dell’aria di 14 città metropolitane tra cui Milano, Torino, Palermo e Napoli, si è evinto che si sta registrando un miglioramento.
Dal secondo rapporto di MobilitAria 2019, che ha analizzato la qualità...

La castrazione chimica? Inutile e sbagliata!
La castrazione chimica? Inutile e sbagliata!
(Catanzaro)
-

Dopo la notizia dell’arresto dello stupratore di una barista a Piacenza, il tweet del Ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha riaperto la discussione sulla castrazione chimica.
Dopo la notizia dell’arresto dello stupratore di una barista a Piacenza, il...

BUGIA DEF, crescita ZERO. Cominciamo a DIRE LA VERITA' agli italiani
BUGIA DEF, crescita ZERO. Cominciamo a DIRE LA VERITA' agli italiani
(Catanzaro)
-

Il Def era una bugia, come tutti i precedenti. Le clausole di salvaguardia ci hanno lasciato in eredità un debito Iva spaventoso
A meno che accada qualcosa di, contemporaneamente, eclatante ed imprevisto,...

Nespole spagnole quasi a 5 EURO AL KILO...e le nostre? SPARITE, O QUASI
Nespole spagnole quasi a 5 EURO AL KILO...e le nostre? SPARITE, O QUASI
(Catanzaro)
-

Nei banchi dei supermercati le nespole spagnole all’assurdo prezzo 4,50 euro al Kilo, e le nostre, le migliori al mondo… SPARITE o quasi!
Nei supermercati le nespole spagnole a 4,5 euro al Kg. Ma non è...

Medioevo periodo buio? Solo gli IGNORANTI possono dirlo!
Medioevo periodo buio? Solo gli IGNORANTI possono dirlo!
(Catanzaro)
-

Quando si pensa al Medioevo vengono in mente carestie e pestilenze, soprusi e guerre, cavalieri, servi della gleba sotto lo stretto giogo di monarchi e feudatari, torture, monaci mistici, papi, inquisizione, ignoranza, superstizione, mille e non più mille
Quando si pensa al Medioevo vengono in mente carestie e pestilenze, soprusi e...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati