I cinesi che vivono in Italia puntano sull'AGRICOLTURA e si prendono i nostri TERRENI!

(Catanzaro)ore 13:09:00 del 27/11/2018 - Tipologia: , Ambiente, Denunce

I cinesi che vivono in Italia puntano sull'AGRICOLTURA e si prendono i nostri TERRENI!

Cinesi sempre più attivi nel mercato agricolo italiano, ma tra acquisti maggiorati, coltivazioni intensive attraverso prodotti sindacabili e condizioni lavorative non regolarizzate, si sta sollevando una questione che rischia di mettere con le spalle al m.

Cinesi sempre più attivi nel mercato agricolo italiano, ma tra acquisti maggiorati, coltivazioni intensive attraverso prodotti sindacabili e condizioni lavorative non regolarizzate, si sta sollevando una questione che rischia di mettere con le spalle al muro le amministrazioni toscane

Adesso i cinesi che vivono in Italia hanno deciso d’investire pesantemente nel settore agricolo. Per l’onorevole Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia “non sono mai stati contrastati”. Stiamo parlando di quelle persone di origine asiatica che, in Toscana come in altre regioni d’Italia, hanno sì iniziato a puntare tutto sull’agricoltura, quindi sull’acquisizione dei terreni presenti nel Belpaese, ma attraverso procedure e metodi che non sembrerebbero troppo cristallini.

Il parlamentare citato, nello specifico, si riferisce agli episodi in cui non sono rispettate le normative e si arriva a trarre profitto dal lavoro nero, in tutti gli ambiti del settore primario, compreso quello agricolo. A evidenziare aspetti sindacabili di questo nuovo fenomeno è stato il quotidiano La Verità.

Alcuni, tra coloro che provengono dalla Repubblica del ‘dragone’, si legge sul giornale diretto da Maurizio Belpietro, selezionerebbero le terre più fruttuose e le pagherebbero molto più rispetto a quanto previsto di solito. Ma per quale scopo? I semi utilizzati per le coltivazioni, poi, risultano legali? La combinazione tra illegalità e lavoro non regolarizzato sembra fare da sfondo a tutta questa vicenda: i semi, per buona parte, arriverebbero in maniera clandestina, mentre i lavoratori dei campi sarebbero costretti a lavorare in “condizioni igieniche agghiacciante”. Oltre, ovviamente, a non essere contrattualizzati. Ma non è finita qua.

I prodotti ricavati sarebbero poi venduti in banchi alimentari non conformi alla legge. Questi neo – imprenditori dell’agricolo si sarebbero accorti della bontà di questo meccanismo quando hanno dovuto risolvere il problema di garantire cibo, almeno quello di questa tipologia, a tutti i connazionali presenti in Italia.

Poi, una volta sperimentato per bene il sistema, avrebbero esteso il progetto, entrando di diritto nel mercato agricolo italiano. Vengono coltivate soprattutto quelle pietanze che presentano delle caratteristiche difformi rispetto a quelle italiane: cavolo, fagiolini, cetrioli, melanzane e altri ortaggi. Il tutto “sotto serra” e attraverso l’agricoltura estensiva. La Camera di Commercio, almeno per ora, segnala l’iscrizione di sole 114 aziende agricole collegate alla Cina. Ma non è escludibile che il peso economico di questi soggetti possa crescere negli anni.

A segnalare qualche aspetto ulteriore è stato Claudio Lombardi, che coordina la Coldiretti per la zona di Prato: “Hanno in gestione il 20% dei terreni lavorabili dell’ intera pianura pratese – ha raccontato -, che corrispondono a più del 60% della superficie lavorata”. E ancora: “Decine di ettari di terreno, completamente usati a serre e posizionati strategicamente lungo il crinale Sud tra le due province, particolarmente ricco di acqua e noto per essere tra le zone più fertili e produttive”. Poi la parte riguardante i costi: “Anche dieci volte il prezzo di mercato – ha detto a La Verità, riferendosi a quanto sono disposti a sborsare per l’acquisto delle terre – , “ed è per questo che riescono ad averli facilmente”.

Bisognerebbe evidenziare, ancora, le scarse condizioni igieniche, le destinazioni degli scarichi, i roghi appiccati nei campi, i pericoli corsi dalla cosiddetta biodiversità, i prodotti utilizzati per la concimazione, che non corrisponderebbero a quelli canonici e così via. La responsabilità di tutto ciò, per le forze politiche che cercano di sollevare la questione, è ascrivibile pure alle amministrazioni che si sono succedute nella Regione Toscana nel corso degli ultimi decenni, tutte targate centrosinistra.

Da: QUI

Articolo di Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
(Catanzaro)
-

Secondo le stime dei virologi, l'influenza colpirà 6 milioni di italiani meno degli anni scorsi ma con virus potenzialmente più pericolosi
INFLUENZA RECORD IN ITALIA - Non ci sono più le mezze stagioni, è proprio il...

Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
Il paradosso tutto italiano: meno guadagno meno paghi
(Catanzaro)
-

Lo studio del Senato: fino ai 28 mila euro gli aumenti di stipendi rischiano di finire divorati dal mix di aliquote e mancati bonus e detrazioni
MENO GUADAGNI, MENO PAGHI - Un primo spunto di riflessione viene dalle tasse...

250mila giovani via in 10 anni dall'Italia: quanto ci costa?
250mila giovani via in 10 anni dall'Italia: quanto ci costa?
(Catanzaro)
-

Presentato a Palazzo Chigi il nono Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione: quasi un quinto di queste persone viene dalla Lombardia (18,3%)
250 MILA GIOVANI EMIGRATI IN 10 ANNI - Duecentocinquantamila giovani sono andati...

Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
Come il governo Conte fara' pagare agli ITALIANI i debiti del MPS
(Catanzaro)
-

Entro il 2021 lo stato sarà chiamato a uscire dal capitale di Monte dei Paschi di Siena (MPS)
DEBITI MPS PAGATI DAGLI ITALIANI - Con un quota in possesso del Tesoro del...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Catanzaro)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati