Headliner NoviNews: provato

(Milano)ore 10:47:00 del 09/11/2018 - Tipologia: , Videogames

Headliner NoviNews: provato

È un concept estremamente affascinante, specie se si considera che le nostre decisioni daranno un impulso deciso non solo alla vita del protagonista, ma anche dell’intero mondo di gioco..

 

L’informazione, il potere, la suggestione. Headliner: NoviNews, il nuovo titolo di Unbound Creations, tratta di argomenti mica da ridere, e cerca di ingabbiarli all’interno di un sistema di gioco che ricorda da vicino Papers, Please. Dopo l’esperimento del primo Headliner, piccola avventura uscita nel 2017, lo studio con a capo Jakub Kasztalski allora prova ad ampliare l’idea di base aggiungendo feature che, come vedremo, rendono l’esperienza piuttosto piacevole.

Start spreading the (fake) news

Ci troviamo in Novistan, in un futuro prossimo in cui le tensioni politiche e razziali fanno il paio con una tecnologia sempre più invadente. Le persone, ormai, si affidano sempre di più a farmaci e modifiche genetiche, e in generale il quadro complessivo sembra essere veramente turbolento. In tutto questo il giocatore prende i panni del curatore delle notizie di NoviNews, il maggiore veicolo di informazione nazionale. Il nostro compito, ogni giorno, sarà quello di leggere le notizie scritte dai nostri collaboratori, e decidere quali dare in pasto all’opinione pubblica.

È un concept estremamente affascinante, specie se si considera che le nostre decisioni daranno un impulso deciso non solo alla vita del protagonista, ma anche dell’intero mondo di gioco. Si capisce fin troppo bene che l’intento di Headliner: NoviNews sia quello di far riflettere in qualche modo sul ruolo dell’informazione nell’era moderna. Certo, il gameplay schematizza alcune dinamiche e le rende più immediate di quanto non lo siano in realtà, ma in ogni caso il rapporto tra causa ed effetto, tra notizie pubblicate e reazioni del pubblico, ci è parso quasi sempre plausibile e, in alcuni casi, sorprendente.

Headliner: NoviNews è un’esperienza piuttosto breve, che si risolve in circa tre ore. Il titolo si presta in ogni caso a una certa rigiocabilità, visto che a seconda delle notizie che si pubblicano la storia prenderà una certa piega. Scegliere di schierarsi a favore o meno del governo, delle case farmaceutiche o delle spinte nazionaliste regalerà epiloghi diversi. La narrativa, però, si muove su due piani ben distinti: oltre agli eventi che riguardano Novistan, il nostro personaggio avrà anche una vita privata da gestire.

A questo riguardo, il gioco si atteggia ad avventura testuale, dandoci la possibilità di parlare con diversi interlocutori e di scegliere la linea di dialogo più adatta. Le conversazioni con familiari, amici e conoscenti daranno un tocco in più alla storia personale del nostro avatar, che arrivati alla fine della storia farà i conti con le conseguenze delle proprie azioni.

You are fake news!

Tanto per metterla su un piano pratico, è possibile dire che Headliner: NoviNews è una specie di Papers, Please un po’ più articolato, ma non necessariamente in un’accezione positiva. La giornata lavorativa del nostro personaggio inizia con la riunione col direttore di NoviNews, che ci informerà del numero di notizie da pubblicare e, a seconda dei casi, delle pressioni ricevute dal governo o altri soggetti. Subito dopo inizierà la fase più importante, ovvero quella relativa alla scelta delle notizie. Proprio come in Papers, Please due timbri, uno rosso e uno verde, ci permetteranno di scegliere cosa pubblicare.

Per dare un po’ di pepe a un gameplay altrimenti fin troppo essenziale, il gioco ci metterà davanti a delle piccole sfide di memoria e, se così si può definire, morale. Il direttore di NoviNews, infatti, ci ricorderà sempre di tenere un approccio coerente nella scelta delle notizie. Se un giorno abbiamo deciso di schierarci a favore del governo, sarà bene continuare a seguire quella stessa linea anche nelle occasioni successive. In caso contrario, la gente potrebbe confondersi e, di conseguenza, ciò porterebbe a una destabilizzazione del clima generale. Altre volte, avremo a che fare con due notizie che affrontano lo stesso argomento assumendo però due atteggiamenti diametralmente opposti. Del tipo: la nuova bibita che va per la maggiore fa bene o male? In questi casi, scegliere un approccio ci farà automaticamente rifiutare l’altro.

A differenza di Papers, Please, però, la giornata lavorativa non si fermerà qui. Il nostro personaggio, una volta uscito dal lavoro, dovrà camminare verso casa, ed è in questa fase che l’utente potrà attraversare alcune strade cittadine, parlare con gli NPC e rendersi conto dei cambiamenti nel mondo di gioco. È tutto piuttosto schematico e la sensazione, in alcuni casi, è che si sarebbe potuto fare qualcosa in più per rendere più varia l’esperienza.

Arrivati alla fine della partita, infatti, da una parte avevamo sicuramente voglia di capire come si sarebbe conclusa la vicenda, ma allo stesso tempo eravamo piuttosto stufi di uscire dal lavoro, parlare con qualcuno, entrare a casa, andare a dormire e ricominciare tutto da capo.

 

Fake news everywhere

Dal punto di vista estetico, Headliner: NoviNews presenta una grafica bidimensionale con alcuni elementi tridimensionali che tutto sommato svolge il suo lavoro in maniera onesta. La rappresentazione del mondo di gioco è sufficiente, e soprattutto riesce a far intuire i cambiamenti dell’opinione pubblica nel tragitto che ci porta dal lavoro verso casa ogni sera.

Dal punto di vista hardware, inoltre, il gioco è sicuramente leggero, adatto alla maggior parte delle configurazioni Windows. L’audio, invece, propone musiche di sottofondo che in molti casi seguono coerentemente le evoluzioni della storia, proponendo temi più o meno carichi di tensione.

Affrontiamo, per ultimo, le questioni localizzazione e rigiocabilità. Headliner: NoviNews è interamente in inglese: considerando che alla fine dei conti si tratta di un’avventura testuale, pensiamo possa trattarsi di una buona occasione per imparare qualche parola nuova nella lingua di Albione, visto che è possibile mantenere su schermo lo stesso testo per tutto il tempo che si desidera.

Da: QUI

 

Articolo di Luca

ALTRE NOTIZIE
Scimpazziamo: guida
Scimpazziamo: guida
(Milano)
-

Non aspettatevi il level design degli ultimi capitoli del party game di Nintendo, perché la definizione “da punto A ad un punto B” e quanto più letterale possibile in questo caso.
  La collana PlayLink per PlayStation 4 nasce, nelle intenzioni, come risposta...

Battlefield 5: guida passo passo
Battlefield 5: guida passo passo
(Milano)
-

Dice con le War Stories vuole proprio raccontare questo eroismo, nel formato delle pillole che abbiamo conosciuto in Battlefield 1.
  Battlefield V è arrivato sul mercato dopo un processo che, tramite il ritorno...

Overkills The Walking Dead: cosa sapere
Overkills The Walking Dead: cosa sapere
(Milano)
-

Avete presente il classico cliché da apocalisse zombie, quello dove vi svegliate da non si sa bene che cosa, tutto attorno a voi brucia e un tizio un po’ troppo scavato in faccia vuole cenare col vostro cervello?
  Dalle rapine a mano armata alle orde di zombie la strada da percorrere è...

Fallout 76: guida passo passo
Fallout 76: guida passo passo
(Milano)
-

Se definire il valore generale dell'offerta ludica richiede, per forza di cose, lo scioglimento di un infame nodo gordiano, che deve necessariamente tenere conto di fattori come endgame e presa a lungo termine, possiamo già dirvi che il capitolo ambientat
  Fallout 76 si è avvicinato alla data di uscita teso come un funambolo in...

Luigis Mansion 3DS: cosa sapere
Luigis Mansion 3DS: cosa sapere
(Milano)
-

Senza dimenticare il Game Boy Horror, con cui tenersi in contatto con quel genio bacato del Professor Strambic: l’intreccio è buffo e raffazzonato (in quale gioco dedicato a Mario non lo è?!?), eppure riesce a far sorridere grandi e piccini oggi come face
  Apprezzato più negli anni successivi alla sua release che non immediatamente,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati