Google Stadia: il futuro del gaming?

(Genova)ore 07:24:00 del 27/03/2019 - Tipologia: , Internet, Tecnologia

Google Stadia: il futuro del gaming?

GOOGLE STADIA ANTEPRIMA - Google Stadia è realtà, o meglio lo sarà nel corso del 2019, e finalmente abbiamo qualche dettaglio in più da sgranocchiare grazie al reveal della GDC..

GOOGLE STADIA ANTEPRIMA - Google Stadia è realtà, o meglio lo sarà nel corso del 2019, e finalmente abbiamo qualche dettaglio in più da sgranocchiare grazie al reveal della GDC. Ieri vi abbiamo parlato dei particolari arrivati da San Francisco sotto forma di recap, senza considerazioni a caldo che lasciano il tempo che trovano, mentre oggi, con un po’ di ore di riflessione alle spalle, possiamo dirvi la nostra al riguardo: sollevare, cioè, i punti interrogativi che ci sono rimasti addosso dopo la presentazione della piattaforma ed evidenziarne le potenzialità, sia al lancio che future, da un punto di vista sia tecnologico che puramente ludico – quello che ci interessa davvero, in fin dei conti.

Svisceriamo, allora, i dubbi e le sicurezze dell’annuncio di Stadia.

I punti interrogativi

GOOGLE STADIA ANTEPRIMA - Nel suo keynote gaming dalla Game Developers Conference, Google ha volutamente tenuto il focus sulla piattaforma e sulla sua offerta in termini di sviluppo della stessa. La conferenza è stata quindi rivolta principalmente agli sviluppatori, e vista la sede scelta non poteva essere altrimenti; si è trattato insomma di uno showcase delle potenzialità di Stadia, con i pochi dettagli necessari sviscerati lato consumer con un rimando alla prossima estate per saperne di più, ad esempio, su quanto dovremo spendere per poterci permettere un biglietto per la festa della compagnia di Mountain View

GOOGLE STADIA ANTEPRIMA - Il futuro immaginato e desiderato dalla casa di Android è esclusivamente in streaming, con potenti server dedicati, situati chissà dove, a preoccuparsi di macinare il linguaggio macchina utile per godersi, nello splendore del 4K a 60fps fissi, qualsiasi videogioco previsto sul catalogo, lista tuttora avvolta nel mistero non fosse per un paio di nomi piuttosto noti, tra cui spiccano fieramente l’apprezzatissimo Assassin’s Creed Odyssey e l’ormai prossimo Doom Eternal.

Il sistema sarà talmente tanto flessibile che basteranno un paio di click per iniziare la partita, interromperla in qualsiasi momento ed eventualmente riprenderla istantaneamente su un altro dispositivo. Il tutto, come anticipato, è vincolato esclusivamente da una connessione internet stabile, preferibilmente di velocità superiore ai 25 megabit al secondo, valore minimo con cui sarà garantita l’alta definizione a 1080p a 60fps.

I dubbi e le incertezze che minacciano Stadia iniziano e finiscono qui, un ostacolo certo irrisorio per chi gode già da oggi di un collegamento tramite fibra ottica e magari possiede uno smartphone predisposto al 5G. Tuttavia è doveroso evidenziare il potenziale limite, soprattutto considerando gli eventuali tempi di latenza e di attesa che potrebbero indispettire i videogiocatori più navigati e pretenziosi. D’altra parte, le potenzialità sono sconfinate, tanto più che parliamo di una piattaforma quanto mai trasversale, molto più in competizione con Steam e Twitch di quanto non lo sia con le console prodotte da Sony, Microsoft e Nintendo.

Se un ricco catalogo in continuo aggiornamento, ulteriormente impreziosito da qualche esclusiva sviluppata per l’occasione dagli studi interni appena inaugurati, sancirà la battaglia allo store di Valve, al sempreverde GOG e al neonato Epic Games Store, il controller ufficiale, presentato durante la conferenza della GDC di San Francisco, svela le reali intenzioni di Stadia, l’obiettivo che Google si è prefissata, nonché il reale avversario da battere.

Senza troppi giri di parole, quindi, toccherà soprattutto all’Assistente sbilanciare le sorti di una guerra momentaneamente dominata dal già citato Twitch, reale e più evidente bersaglio della strategia messa in piedi dall’azienda creata da Larry Page e Sergey Brin. Google ha fatto la sua mossa e nonostante le reticenze dei videogiocatori più attempati, ancorati a un’immagine sempre più superata del loro hobby preferito, il futuro dell’industria sembra quello tracciato da Stadia.

Difficilmente non ci saranno problemi di natura tecnica al suo esordio e quasi di sicuro all’inizio la piattaforma faticherà, e non poco, a contrastare la concorrenza, sia questa rappresentata dalle console tradizionali o da store digitali la cui fama è già consolidata. Eppure, se esiste un’azienda con capacità e capitali sufficienti per fungere da spericolata avanguardia al gaming del domani, quella è proprio Google

 

Articolo di Carmine

ALTRE NOTIZIE
Contenuti illegali e tra fake news: come cambia internet
Contenuti illegali e tra fake news: come cambia internet
(Genova)
-

Vediamo nel dettaglio la proposta britannica e come si muovono altri Stati
Le regole alla base di internet devono cambiare: soprattutto dopo lo scandalo...

Ho Mobile per spendere di meno all'estero?
Ho Mobile per spendere di meno all'estero?
(Genova)
-

Ho Mobile aggiorna l'applicazione e introduce il blocco di spesa per la navigazione dall'estero. Ecco come attivarlo sul proprio smartphone
Ho mobile è uno degli ultimi operatori virtuali arrivati in Italia. È stato...

Fortnite, patch 8.40: cosa sapere
Fortnite, patch 8.40: cosa sapere
(Genova)
-

È arrivata finalmente la patch 8.40 di Fortnite che, come ogni volta, introduce novità e sorprese speciali per tutti gli utenti.
È arrivata finalmente la patch 8.40 di Fortnite che, come ogni volta, introduce...

WhatsApp, ecco gli sticker animati: come funzionano
WhatsApp, ecco gli sticker animati: come funzionano
(Genova)
-

Un continuo lavoro di perfezionamento. Negli ultimi mesi gli sviluppatori di WhatsApp sono alle prese con molte novità: la modalità scura (che dovrebbe arrivare già nelle prossime settimane), un nuovo sistema per proteggere le chat su Android e un nuovo m
Un continuo lavoro di perfezionamento. Negli ultimi mesi gli sviluppatori di...

Edge e Chrome: tutte le differenze!
Edge e Chrome: tutte le differenze!
(Genova)
-

Sono in molti a temere che Edge non sarà altro che una versione di Chrome con una interfaccia rivisitata da Microsoft.
Sono in molti a temere che Edge non sarà altro che una versione di Chrome con...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati