Francia: VIETATO contattare i dipendenti al di fuori dell'ORARIO DI LAVORO

(Roma)ore 10:40:00 del 05/04/2019 - Tipologia: , Esteri, Lavoro, Nuove Leggi

Francia: VIETATO contattare i dipendenti al di fuori dell'ORARIO DI LAVORO

Sempre più lavoratori, anche grazie al progredire della tecnologia, finiscono col ricevere mail e telefonate di lavoro anche oltre il termine della giornata lavorativa. .

La Francia è stata uno dei primi Paesi ad aver mosso i primi passi verso il ripristino del confine lavoro-vita privata, a favore del dipendente. Infatti è diventato d’obbligo il diritto del lavoratore a “disconnettersi” dal lavoro.

Sempre più lavoratori, anche grazie al progredire della tecnologia, finiscono col ricevere mail e telefonate di lavoro anche oltre il termine della giornata lavorativa.

E’ vero che non vi è alcun obbligo di rispondere ma dal risultato di recenti indagini svolte sui lavoratori emerge un dato allarmante:

Il lavoratore è spesso sottoposto a forti pressioni anche solo al pensiero di poter essere raggiunto fuori dall’orario di lavoro.

Il solo fatto di essere reperibile 24h su 24h, 7 giorni su 7, comporta uno stress mentale nel lavoratore non da poco. Se si unisce poi a quello fisico del lavoro vero e proprio il guaio diventa davvero serio.

L’ultimo provvedimento, in tale ambito, preso dalla Francia è stato accolto con entusiasmo da parte di tutti.



Da oggi l’azienda che invia una mail di lavoro al dipendente fuori dal suo turno di lavoro rischia di pagarla a caro costo.
In pratica di lavoro si può parlare solo a lavoro!

Non sarà dunque più possibile inviare messaggi inopportuni ai propri sottoposti fuori dall’orario lavorativo.

A Parigi è stata emanata una legge che sancisce il diritto a “disconnettersi”. Vieterà alle aziende di contattare i propri dipendenti fuori dalle mura aziendali.

Si tratta di una conquista importante per il benessere dei lavoratori. 


Il fine è quello di combattere gli effetti negativi derivanti dal dover essere reperibili anche quando non si lavora.

I lavoratori dipendenti, il più delle volte, lasciano solo fisicamente il luogo di lavoro, ma di fatto non smettono mai di lavorare.

Continue mail, telefonate e messaggini di colleghi e clienti, documenti scaricabili anche tramite il proprio cellulare colonizzano la vita del lavoratore.

Lo sviluppo tecnologico, se mal gestito, è infatti uno delle maggiori cause di malessere e conseguenze sulla salute del lavoratore.

Il diritto a disconnettersi è dunque un’opportunità di staccarci dai dispositivi tecnologici di qualunque tipo: Pc, tablet e telefoni.

Ma c’è anche chi non la pensa così...

Nel Regno Unito si afferma che questa legge sia controproducente per i lavoratore al rientro dalle ferie. Dopo una lunga pausa dal posto di lavoro i dipendenti potrebbero sentirsi sopraffatti all’idea di ritrovarsi inondati da centinaia di mail al rientro.

Da: QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
TASER: a giugno le forze dell'ordine avranno la pistola elettrica
TASER: a giugno le forze dell'ordine avranno la pistola elettrica
(Roma)
-

La notizia annunciata in anteprima dal Ministro dell’Interno durante una convention della Lega
Dopo alcuni mesi di sperimentazione in diverse città italiane, dal Viminale è...

CROAZIA, un piccolo paradiso europeo dove vivi BENISSIMO con 1000 euro al mese
CROAZIA, un piccolo paradiso europeo dove vivi BENISSIMO con 1000 euro al mese
(Roma)
-

Piccola, eppure una star. E già perché la Croazia può considerarsi a tutti gli effetti la vera regina dell’estate 2018
Piccola, eppure una star. E già perché la Croazia può considerarsi a tutti gli...

Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
(Roma)
-

Canarie: ecco il paese dove la benzina costa 1 euro, le sigarette 2 e l’IVA è al 7%
Benvenuti nel paradiso dei pensionati dove con 1000 euro si può fare una vita da...


(Roma)
-


  Di Notre-Dame è salva la struttura muraria, insieme a un terzo del tetto. Il...

Francia: cancellato l'ITALIANO dalle Scuole
Francia: cancellato l'ITALIANO dalle Scuole
(Roma)
-

Dopo il corposo taglio di cattedre per l’insegnamento dell’italiano nella scuola francese, arriva l’appello firmato da diversi docenti francesi e molti intellettuali italiani, da Andrea Camilleri ad Ascanio Celestini, per il ripristino dell’insegnamento d
Prima la Gioconda, poi il primato sulla cucina, oggi l'insegnamento...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati