Dauntless: cosa conoscere

(Napoli)ore 07:10:00 del 06/07/2019 - Tipologia: , Videogames

Dauntless: cosa conoscere

La sua vittoria o sconfitta sul lungo termine dipende solamente da quanto il team di sviluppo sia capace di proporre una declinazione abbastanza originale da rendere Dauntless un’esperienza introvabile altrove, sia nel presente che nel futuro..

 

RECENSIONE DAUNTLESS - Dauntless è uno di quei giochi che arrivano silenziosamente nel mercato videoludico, passando per l’accesso anticipato e pubblicizzarsi nuovamente a ridosso del lancio. Non è mai stata un’esplosione inaspettata o una particolare mossa di mercato, piuttosto l’idea era quella di riuscire a creare una nicchia per un prodotto che prendeva il concept di Monster Hunter e gli applicava nuove idee ed ispirazioni.

RECENSIONE DAUNTLESS - Non si può certo biasimare la cautela di Phoenix Labs: portare un prodotto derivato dalla “caccia ai mostri” non è facile, nonostante un team di ex membri di Riot Games, BioWare, Blizzard e della stessa Capcom.

Eppure il 21 maggio Dauntless è stato orgogliosamente lanciato su PC, PlayStation 4 e Xbox One, riscuotendo un enorme successo tra i giocatori, tanto da costringere la compagnia a duplicare i server a disposizione. La permanenza delle lunghe code e l’attività della community sono un chiaro segno di una formula che funziona, soprattutto per un titolo gratuito che fa del gioco cross-platform un vanto.

Epic Games prova – e riesce – quindi a vincere una nuova fetta di utenza proponendo la sua peculiare declinazione di un genere, similmente a quanto avvenne con Fortnite e PUBG. La sua vittoria o sconfitta sul lungo termine dipende solamente da quanto il team di sviluppo sia capace di proporre una declinazione abbastanza originale da rendere Dauntless un’esperienza introvabile altrove, sia nel presente che nel futuro.

Dauntless è ambientato in un mondo fantasy dove un cataclisma chiamato upheavalha distrutto la terra per com’era conosciuta, generando diverse isole volanti. Tutte queste isole galleggiano in cielo grazie a una forma di energia elementale chiamata Aether, che viene usata dagli umani anche per utilizzare le aeronavi e muoversi da un luogo all’altro del cielo. Con la catastrofe però si sono diffusi nel mondo conosciuto anche i Behemoth, terrificanti creature che vanno ghiotte per l’Aether e che per questo motivo sono una costante minaccia per l’umanità. Per fronteggiarli sono nati gli Slayers, i provetti cacciatori con la missione di uccidere i Behemoth per evitare che questi possano diventare troppo pericolosi. Inutile dire che il vostro personaggio sarà proprio uno di questi Slayers.

RECENSIONE DAUNTLESS - La storia alla fin fine è solo un pretesto per affrontare mostri sempre più ostici, non aspettatevi dunque una qualità narrativa molto profonda. D’altronde anche Monster Hunter, prima che uscisse World, non dava troppo peso alla questione narrativa, alla fine l’importante in un gioco simile è la sfida contro le titaniche bestie.

Se avete già giocato a Monster Hunter o a qualche altro esponente di questo sottogenere, saprete dunque che il gameplay si basa sull’uccidere mostri e crearsi armi e armature sempre più potenti per uccidere mostri ancora più grossi e cattivi. Dopo un breve tutorial ci verrà chiesto di scegliere una delle sei armi a disposizione per combattere contro i primi mostri, nulla di troppo pericoloso dato che questi serviranno a introdurre il giocatore al combat system.

Nelle prime fasi potremo usare in realtà solo cinque armi, ossia quelle per il corpo a corpo, e solo dopo qualche quest principale ci sarà introdotta l’unica tipologia di armi attualmente pensata per la distanza, ossia le pistole.

Il sistema di combattimento è di base molto più abbordabile rispetto a quello di Monster Hunter, molto più immediato e semplice e con armi meno tecniche. Due tasti per l’attacco più uno per le special, schivata, salto e corsa sono le basi, che poi cambieranno molto a seconda dell’arma utilizzata.

  • La spada è l’arma consigliata per i neofiti: fa attacchi ampi e veloci e non fa consumare tanta stamina. Una volta riempita la barra speciale potrete attivarla entrando in uno stato di potenziamento in cui la vostra lama avrà un’aura d’energia e potrà anche sparare fendenti energetici a distanza fino a quando non si esaurirà l’effetto.

  • L’ascia è in pratica lo Spadone di Monster Hunter, lenta e con attacchi caricabili, in grado di accumulare una barra che garantirà un power up ai danni.

  • Le lame a catena sono la versione di Dauntless delle doppie lame del gioco Capcom, ma con alcune differenze. Possono attaccare a media distanza e il tasto per gli attacchi speciali consente di avvicinarsi o allontanarsi velocemente dal mostro. Inoltre, con  questo tipo di arma, la mobilità inoltre è aumentata e cambia anche l’animazione della schivata.

  • Il martello è un’arma molto interessante, infatti unisce alla potenza del grosso maglio la possibilità di sparare dei colpi a media distanza. Potremo sfruttare i proiettili anche per spostarci velocemente o per potenziare i già validi colpi del martello.

  • La lancia da guerra consente di attaccare con affondi e spazzate, ma la sua particolarità è quella di accumulare energia da incanalare poi in un proiettile energetico da sparare contro i mostri per danni ingenti. Se ne potranno accumulare fino a tre.

  • Infine le pistole, che sono un’arma molto diversa dalle altre. Oltre a poter colpire dalla distanza, hanno la particolarità di poter cambiare ogni parte, dal tamburo al calcio, così da avere effetti d’attacco vari, sia elementali che speciali, come ad esempio la possibilità di piazzare delle mine. Altra particolarità è la possibilità di rendere i proiettili più potenti se la ricarica avviene vicino al mostro di turno.

 

Articolo di Gregorio

ALTRE NOTIZIE
Pokemon Masters: recensione anteprima
Pokemon Masters: recensione anteprima
(Napoli)
-

Accelerando il gioco, dovrete avere un terminale di fascia alta per evitare almeno in parte lo stuttering delle animazioni e del gioco, anche abilitando la modalità grafica a qualità “bassa” nelle impostazioni.
  RECENSIONE POKEMON MASTERS - DeNA e The Pokémon Company hanno da poco...

Dying Light 2: cosa sapere
Dying Light 2: cosa sapere
(Napoli)
-

Il mondo di gioco, poi, sembra essere davvero enorme, proponendo un sandbox dinamico che cambierà in base alle scelte prese dal giocatore nel corso dell’avventura
  ANTEPRIMA DYING LIGHT 2 - Tornare a immergersi tra le maestose rovine...

Gears 5: cosa sapere
Gears 5: cosa sapere
(Napoli)
-

Tutto questo passa, tuttavia, per un ritmo narrativo un po’ altalenante – non sono mancati un paio di frangenti “morti” – e per una scrittura che, seppure brillante nella prima parte, si indebolirà nei pressi dell’epilogo.
  RECENSIONE GEARS 5 - Gli autori sono riusciti a mettere insieme vari elementi...

Gears Pop: cosa sapere
Gears Pop: cosa sapere
(Napoli)
-

Questo è vero soprattutto nel momento in cui si aprono le loot box: quando troviamo un personaggio, esso si trova inizialmente all’interno della classica confezione Funko Pop, da cui viene poi estratto con una simpatica animazione.
  RECENSIONE GEARS POP - In prima battuta Gears POP! si pone come un tower...

NBA 2k20: cosa sapere
NBA 2k20: cosa sapere
(Napoli)
-

ANTEPRIMA NBA 2K20 - Stesso discorso per la manovra difensiva, apprezzata sicuramente dagli allenatori provetti e sicuramente mal digerita da giocatori vivaci e poco riflessivi.
  ANTEPRIMA NBA 2K20 - Se la demo di NBA 2K20 scaricabile da qualche giorno si...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati