Cucina: riciclo Olio in cucina

(Bologna)ore 15:29:00 del 21/07/2019 - Tipologia: , Cucina

Cucina: riciclo Olio in cucina

RICICLARE OLIO DA CUCINA - Esso, infatti, crea uno strato superficiale sull’acqua che ne impedisce la normale ossigenazione..

 

RICICLARE OLIO DA CUCINA - Se anche voi siete abituati a gettare giù dallo scarico l’olio usato dopo una frittura, nella convinzione che sia il metodo più rapido e comodo, in questo articolo vorrei spiegarvi perché da oggi non dovreste più farlo.

L’olio esausto, quello che rimane dopo una tempura, per esempio, una volta versato nella rete fognaria, attraverso il wc o giù dal lavello della cucina, è in grado di contaminare l’acqua e il suolo.

RICICLARE OLIO DA CUCINA - Esso, infatti, crea uno strato superficiale sull’acqua che ne impedisce la normale ossigenazione. Un gesto apparentemente banale, gettare via l’olio, appunto, è quindi estremamente nocivo.

RICICLARE OLIO DA CUCINA - L’olio esausto smaltito nella maniera scorretta può raggiungere il terreno, creando anche qui uno strato idrofobico, che impedisce la normale ossigenazione e non permette nemmeno lo scambio idrico e minerale adeguato tra radici delle piante e suolo.

Naturalmente se l’olio esausto da cucina procede nel suo percorso attraverso il suolo, può raggiungere la falda acquifera e creare enormi ripercussioni sull’intero ecosistema e sulla salute umana e animale.

[foto2]

Ecco perché è importante raccogliere l’olio esausto: per avere un impatto minore sull’ambiente e non inquinare il pianeta sul quale viviamo.

  • Quando avete fritto, lasciate raffreddare l’olio nella padella e poi provvedete a filtrarlo, per eliminare tutte le impurità ed residui di cibo (magari con una garza a maglie molto strette); e poi travasatelo in un contenitore di vetro nel quale verrà congelato, per poterlo riutilizzarlo ancora.

  • L’olio esausto è un ottimo combustibile per le lanterne o le candele realizzate con altro materiale riciclato, come ad esempio contenitori di vetro o di metallo.

  • Se di solito vi radete con la lametta e vi procurate delle ferite, sappiate che l’olio usato può essere un buon metodo per mantenere la pelle idratata e far scivolare meglio la lama sull’epidermide.

Divertente è l’idea della lampada di lava, realizzata versando l’olio residuo in una bottiglia di plastica, alla quale si aggiungono alcune gocce di colorante alimentare e una compressa di anti acido (Alka Seltzer). A questo punto bisogna agitare energicamente e mettere una lucina sotto la bottiglia: l’effetto è momentaneo ma davvero spettacolare!

  • Con olio esausto, soda caustica e acqua si fa anche il sapone. Innanzitutto bisogna munirsi di guanti ed occhialini, perché la soda è corrosiva. Si comincia versando la soda nella pentola alla quale poi si aggiungono 50 cl di acqua. Dopodiché, si lascia raffreddare e poi si aggiunge l’olio esausto mescolando con un cucchiaio di legno per mezz’ora. Alla fine il composto viene versato in contenitori di plastica sui quali viene stesa una coperta. Dopo 72 ore il composto si è raffreddato e può essere tagliato a pezzetti, che devono essere lasciati raffidare, a loro volta, per circa 2 settimane, tra scorse le quali le saponette possono essere utilizzate.

  • Se possedete animali da cortile, ricordate che con l’olio potete condire il loro mangime, tipo riso, pane raffermo oppure potete regalare l’olio stesso al contadino di fiducia che saprà farne buon uso.

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Passione per la cucina? Come trasformarla in una opportunita' di lavoro
Passione per la cucina? Come trasformarla in una opportunita' di lavoro
(Bologna)
-

Come trasformare la passione culinaria in un lavoro - In tempi di crisi, c’è una cosa a cui nessuno può rinunciare. 
Come trasformare la passione culinaria in un lavoro - In tempi di crisi, c’è una...

Migliori ristoranti italiani a Londra
Migliori ristoranti italiani a Londra
(Bologna)
-

MIGLIORI RISTORANTI ITALIANI A LONDRA - La cucina italiana è ampiamente esportata fuori confine, con tutti i pro e i contro del caso, ma saremo sempre sicuri di trovare un ristorante italiano da qualche parte.
MIGLIORI RISTORANTI ITALIANI A LONDRA - La cucina italiana è ampiamente...

Paella Italiana: cosa conoscere
Paella Italiana: cosa conoscere
(Bologna)
-

Tipica della città di Valencia, ormai è arrivata anche sulle nostre tavole e ognuno la fa un po’ a modo suo, chi con il pesce e la carne, chi solo con il pesce, chi solo con le verdure e chi in modo molto veloce senza seguire tutti i passaggi.
  COME FARE LA PAELLA ITALIANA - La paella è un piatto che si presta...

Carta da cucina: alternative ecologiche e sostenibili
Carta da cucina: alternative ecologiche e sostenibili
(Bologna)
-

ALTERNATIVE ECOLOGICHE CARTA DA CUCINA - Si calcola che per produrre tutta questa carta da cucina sia necessario abbattere circa 110 milioni di alberi per anno, consumando in fase di produzione quasi 50 miliardi di litri di acqua.
ALTERNATIVE ECOLOGICHE CARTA DA CUCINA - Si calcola che per produrre tutta...

Mango: cosa sapere
Mango: cosa sapere
(Bologna)
-

Su ciascuna metà del frutto dovrete fare dei tagli obliqui (longitudinali e trasversali) nella polpa senza affondare fino alla buccia, ma tenendovi piuttosto in superficie.
  COME USARE IL MANGO IN CUCINA - Uno dei più tipici frutti esotici insieme...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati