Cucina KM 0: cosa conoscere

(Cagliari)ore 23:14:00 del 02/08/2019 - Tipologia: , Cucina

Cucina KM 0: cosa conoscere

Si definisce a chilometro zero il cibo che viene prodotto e venduto nello stesso luogo (o poco distante), in cui la compra/vendita è gestita dal produttore senza passare per uno o più intermediari..

 

COSA VUOL DIRE CUCINA KM 0 - L’area di produzione degli alimenti deve tornare a essere coincidente o quasi con i luoghi in cui gli stessi venivano consumati, per tutelare la tradizione culinaria locale e per abbattere la soglia dell’inquinamento ambientale.

Tornare a un atteggiamento di ricerca del cibo nelle aree limitrofe all’abitazione induce a un riequilibrio degli usi alimentari e a un rapporto con il territorio non esasperato dalla produzione intensiva. La vendita di cibo nei supermercati, in una realtà centralizzata e isolata, raggiungibile spesso solo con la macchina denuncia l’impossibilità del consumatore di essere educato a scegliere e a usare il cibo. Nei supermercati gli alimenti sfilano sotto gli occhi delle persone tutto l’anno, con pochissime variazioni stagionali, con una disponibilità assolutamente sovradimensionata per il singolo compratore. Ciò non avviene nei mercati in cui il consumatore instaura un contatto diretto (fisico e visivo) con il cibo, raramente confezionato e quasi mai fuori stagione.


COSA VUOL DIRE CUCINA KM 0 - La diffusione nei cosiddetti farmer’s market dei prodotti a filiera corta o a chilometro zero è una politica economica mirata alla gestione della produttività locale e alla rivalutazione di un sistema produttivo di qualità. Si definisce a chilometro zero il cibo che viene prodotto e venduto nello stesso luogo (o poco distante), in cui la compra/vendita è gestita dal produttore senza passare per uno o più intermediari. Per esempio, nella filiera agroalimentare la frutta e la verdura vengo coltivate da un agricoltore, lavate e pulite da una seconda azienda, confezionate in un altro stabilimento e da questo con un’azienda trasportatrice vengono distribuite nei vari ingrossi alimentari. Quando questa merce non arriva dall’estero, comunque non è soggetta alla vendita diretta perdendo così la freschezza e la qualità di un prodotto appena colto.

COSA VUOL DIRE CUCINA KM 0 - La cucina a km 0, essendo fondata sul consumo di cibi locali, favorisce e incentiva i piccoli produttori e le potenzialità produttive del territorio.

Acquistandone i prodotti si salvaguardano le piccole imprese, sempre più spesso sopraffatte dalla fitta rete della grande distribuzione.

Risparmio economico

L’acquisto di generi alimentari di stagione e prodotti nel territorio circostante il luogo di vendita può comportare anche un risparmio economico.

Infatti, questi prodotti, non necessitando di particolari imballaggi né di lunghi trasporti, spesso vengono commercializzati a prezzi più contenuti rispetto a quelli delle merci rese disponibili dalla GDO (Grande Distribuzione Organizzata) e, magari, provenienti addirittura da un altro continente.

Rapporto più stretto tra venditore e consumatore

Presso i mercatini agricoli e le piccole aziende a vendere sono persone che conosconoperfettamente i propri prodotti e che lavorano con passione e dedizione.

Questo significa che il consumatore avrà a che fare con venditori  in grado di chiarire i suoi dubbi e soddisfare le sue curiosità sui beni che sta per acquistare

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Paella Italiana: cosa conoscere
Paella Italiana: cosa conoscere
(Cagliari)
-

Tipica della città di Valencia, ormai è arrivata anche sulle nostre tavole e ognuno la fa un po’ a modo suo, chi con il pesce e la carne, chi solo con il pesce, chi solo con le verdure e chi in modo molto veloce senza seguire tutti i passaggi.
  COME FARE LA PAELLA ITALIANA - La paella è un piatto che si presta...

Carta da cucina: alternative ecologiche e sostenibili
Carta da cucina: alternative ecologiche e sostenibili
(Cagliari)
-

ALTERNATIVE ECOLOGICHE CARTA DA CUCINA - Si calcola che per produrre tutta questa carta da cucina sia necessario abbattere circa 110 milioni di alberi per anno, consumando in fase di produzione quasi 50 miliardi di litri di acqua.
ALTERNATIVE ECOLOGICHE CARTA DA CUCINA - Si calcola che per produrre tutta...

Mango: cosa sapere
Mango: cosa sapere
(Cagliari)
-

Su ciascuna metà del frutto dovrete fare dei tagli obliqui (longitudinali e trasversali) nella polpa senza affondare fino alla buccia, ma tenendovi piuttosto in superficie.
  COME USARE IL MANGO IN CUCINA - Uno dei più tipici frutti esotici insieme...

Cosa mangiare a Ferragosto
Cosa mangiare a Ferragosto
(Cagliari)
-

COSA MANGIARE A FERRAGOSTO - Per 8 donne napoletane su 10, il pranzo di Ferragosto, con amici e parenti, si potrebbe trasformare in una fonte di ansia e stress.
COSA MANGIARE A FERRAGOSTO - Per 8 donne napoletane su 10, il pranzo di...

Salse in cucina: guida alla preparazione
Salse in cucina: guida alla preparazione
(Cagliari)
-

È quest’ultima che viene percepita maggiormente dalla lingua a livello tattile, mentre la fase dispersa è quella che aggiunge note aromatiche forti, come il sapore acido.
  COME PREPARARE SALSE IN CUCINA - Sensuali, aromatiche, sfiziose e capaci di...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati