Cucina: Ciambelle salate saporite

(Cagliari)ore 20:49:00 del 22/02/2019 - Tipologia: , Cucina

Cucina: Ciambelle salate saporite

Se desiderate rendere le ciambelle più dorate, potete spennellare la superficie con un goccio d’olio prima di infornarle; inoltre potete aggiungere dei semi di sesamo o papavero..

 

Avete invitato i vostri amici a casa il sabato sera e avete bisogno di uno stuzzichino ricco e appetitoso che sappia tenere a bada anche gli ospiti più affamati… cosa fare? Le ciambelle pizza hanno riscosso un grande successo l’ultima volta ma non volete ripetervi e sotto sotto desiderate anche fare sfoggio delle vostre abilità… noi che amiamo prenderci cura dei vostri crucci culinari abbiamo la soluzione perfetta: le ciambelle salate saporite! L'impasto è realizzato senza uova e senza latticini, quindi adatto proprio a tutti, mentre il ripieno può variare a vostro piacimento: noi vi proponiamo una farcitura vegetariana con scamorza, piselli, pomodorini secchi e olive taggiasche. Il vero tocco di classe però sta nel modo in cui l’impasto viene intrecciato per formare le ciambelline così che il ripieno rimanga a vista, proprio come nella ricetta della famosa torta angelica. Ma ora basta perdersi in chiacchiere… gli amici stanno arrivando ed è tempo di mettere le mani in pasta per stupirli con delle favolose ciambelle salate saporite!

Ingredienti per l'impasto (per 4 ciambelline)

Farina 0 375 g Acqua a temperatura ambiente 185 g Zucchero 55 g Olio di semi 45 g Lievito di birra secco 5 g Sale fino 5 g

PER IL RIPIENO

Scamorza (provola) 75 g Pisellini 60 g Pomodori secchi sott'olio 30 g Olive taggiasche denocciolate 30 g Aglio 1 spicchio Olio extravergine d'oliva 1 cucchiaio Sale fino 1 pizzico

Come preparare le Ciambelle salate saporite

Ciambelle salate saporite

Per realizzare le ciambelle salate saporite, per prima cosa preparate l'impasto: nella tazza di una planetaria munita di gancio versate la farina, lo zucchero (1) e il lievito (2). Iniziate a mescolare gli ingredienti a bassa velocità e versate metà della dose totale di acqua (3).

Non appena vedete che il composto prende consistenza, aggiungete il sale (4) e la restante parte di acqua (5). In ultimo unite l’olio di semi (6) e lasciate lavorare la planetaria per 5 minuti.

Quando l’impasto si sarà incordato al gancio (7), staccatelo e trasferitelo sul piano di lavoro. Compattatelo velocemente con le mani e date un giro di pieghe portando le 4 estremità verso il centro: prima quella a destra, poi a sinistra, in basso e in alto (8). Infine pirlate l’impasto girandolo con le mani sul piano di lavoro fino ad ottenere una sfera liscia e regolare (9). Inserite l’impasto così formato in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare in un luogo asciutto a una temperatura di 26°-28° per circa 2 ore, o fino al raddoppiamento del volume.

Nel frattempo potete dedicarvi al ripieno: scaldate l’olio in una padellina insieme a uno spicchio di aglio in camicia che avrete precedentemente schiacciato con il palmo della mano, poi aggiungete i piselli (10) e un pizzico di sale. Cuocete per 2-3 minuti a fiamma medio-alta, dopodiché eliminate l’aglio e lasciate intiepidire. Versate su un tagliere le olive e i pomodori secchi sgocciolati (11) e tritateli finemente (12), poi riducete la scamorza a cubetti di circa mezzo centimetro (13). Trasferite il trito di olive e pomodorini in una ciotola insieme al formaggio e ai piselli (14) e mescolate bene il tutto (15).

Trascorso il tempo di lievitazione, l’impasto sarà raddoppiato di volume (16) quindi stendetelo sul piano di lavoro leggermente infarinato fino a formare un rettangolo di 60x30 cm (17). Distribuite il ripieno uniformemente su tutta la superficie (18) e arrotolate delicatamente l’impasto dal lato più lungo del rettangolo (19). Dividete il rotolo ottenuto in 4 parti uguali (20) e tirate leggermente ogni pezzo per allungarlo ulteriormente (21).

Tagliatelo a metà per il lungo con un coltello affilato (22), poi intrecciate le due parti avendo cura di girare i lati interni verso l’alto in modo che la farcitura sia visibile (23-24).

Infine congiungete le estremità come per formare una ciambella (25). Ripetete l’operazione per gli altri 3 pezzi e adagiate le ciambelline ottenute su una leccarda foderata con carta forno. Lasciate riposare a temperatura ambiente per circa 20 minuti (26), poi cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 25-30 minuti. Quando saranno belle dorate, le vostre ciambelle salate saporite sono pronte per essere servite (27)!

Conservazione

Le ciambelle salate saporite si possono conservare al riparo all’interno di un sacchetto per alimenti dall’aria e dall’umidità per massimo 2-3 giorni. E’ possibile congelarle sia da cotte che da crude.

Consiglio

Se desiderate rendere le ciambelle più dorate, potete spennellare la superficie con un goccio d’olio prima di infornarle; inoltre potete aggiungere dei semi di sesamo o papavero. Sentitevi liberi di variare il ripieno utilizzando gli ingredienti che preferite: per una versione vegana, per esempio, potete omettere la scamorza e sostituirla con delle verdure di stagione!

Giallozafferano

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Cagliari)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Cagliari)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Cagliari)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Cagliari)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...

Come fare i Conchiglioni ripieni
Come fare i Conchiglioni ripieni
(Cagliari)
-

Un'altra variante gustosa è la versione in bianco senza sugo di pomodoro: basterà insaporire con della cremosa besciamella!
  I conchiglioni sono un formato di pasta che accende la fantasia: si prestano...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati