Crema di porri e castagne: guida

(Milano)ore 19:29:00 del 17/11/2018 - Tipologia: , Cucina

Crema di porri e castagne: guida

La crema di porri e castagne si può conservare per 2-3 giorni in frigorifero..

 

Immaginate di scaldare le vostre mani cingendo una ciotola fumante di un’invitante zuppa. Questa che vi proponiamo oggi è davvero particolare, si tratta della crema di porri e castagne. Un primo piatto autunnale semplice e stuzzicante, il suo sapore dolce e armonico, la sua consistenza morbida e vellutata migliorerà sicuramente la giornata. Questa ricetta ci riporta indietro nel tempo quando piatti semplici e umili come questo, le uova alla contadina o la zuppa di fagioli e scarole, erano all’ordine del giorno. Riscoprite insieme a noi i tempi andati dedicandovi una ciotola di crema di porri e castagne per cena, vedrete che in men che non si dica dovrete riconsiderare la questione del famoso detto “mani fredde, cuore caldo”. Al calduccio, ci staranno entrambe!

Ingredienti

Porri 620 g Castagne 1 kg Acqua 1,1 l Olio extravergine d'oliva q.b. Salvia 8 foglie Rosmarino 5 rametti Sale fino q.b. Pepe nero q.b. Noce moscata q.b.

Preparazione

Per preparare la crema di porri e castagne cominciate da queste ultime. Lavatele, asciugatele e poi versatele in una pentola piena d’acqua fredda (1), portatele a bollore (2). Fatele cuocere per 10 minuti e poi scolatele (3).

Approfittate che sono ancora molto calde per sbucciarle (4) e pelarle con l’aiuto di uno spelucchino (5): sarà più facile pulirle (6).

Poi tritate le foglie di rosmarino e salvia (7) e mettete in una ciotola; pulite il porro eliminando le due estremità e le foglie più esterne, infine affettatelo sottilmente (8). Spostatevi ai fornelli. Mettete sul fuoco una pentola larga e versate un giro d’olio. Non appena si sarà riscaldato tuffate le castagne (9).

Saltate pochi istanti e aggiungete circa 2/3 del trito aromatico (10), abbassate un po’ la temperatura, mescolate e lasciate cuocere per 7–8 minuti (11). Trascorso il tempo aggiungete il porro (12),

mescolate nuovamente (13) e fate cuocere per altri 6–7 minuti, così il porro si ammorbidirà per bene. Nel frattempo versate l’acqua in una pentola e scaldatela. Quindi versatela sul composto (14), coprite con il coperchio e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 40 minuti (15).

Intanto occupatevi del pane, tagliatelo a cubetti di circa 1 cm utilizzando un coltello a seghetto (16) e poi scottate in una padella già calda con un po’ d’olio (17), insaporite con la restante parte di trito aromatico (18), una grattata di pepe (19) e di noce moscata (20). Saltate pochi istanti a fiamma viva affinché si insaporiscano e si tostino un pochino; poi metteteli da parte. Non appena il composto di castagne e porri sarà cotto (21), frullatelo mentre è ancora ben caldo (22): regolate la consistenza aggiungendo ancora un po’ d’acqua se dovesse servirvi (23). Versate la crema di porri e castagne nei piatti, guarnite con i cubetti di pane, un paio di foglioline di salvia e un giro d’olio a crudo e buon appetito (24)!

Conservazione

La crema di porri e castagne si può conservare per 2-3 giorni in frigorifero.

Al bisogno potrete anche congelarla.

Consiglio

Per ottenere un composto più gustoso provate a cuocere la crema di porri e castagne con un brodo vegetale leggero. Il pane invece tostatelo con del peperoncino insieme al mix di profumi suggerito oppure, invece dei dadini, lasciate il pane intero e tostatelo in forno con tanto formaggio.

Per un’alternativa non vegetariana potrete tostare delle fette di pancetta in padella: sentirete che bontà!

Giallozafferano

 

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Milano)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Milano)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Milano)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Milano)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...

Come fare i Conchiglioni ripieni
Come fare i Conchiglioni ripieni
(Milano)
-

Un'altra variante gustosa è la versione in bianco senza sugo di pomodoro: basterà insaporire con della cremosa besciamella!
  I conchiglioni sono un formato di pasta che accende la fantasia: si prestano...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati