Confiscato tesoro da 600mila euro a don Euro: il prete aveva anche auto e diamanti

(Genova)ore 18:33:00 del 15/10/2018 - Tipologia: , Cronaca

Confiscato tesoro da 600mila euro a don Euro: il prete aveva anche auto e diamanti

Il sacerdote aveva accumulato un vero e proprio tesoro con truffe al vescovo e ai fedeli, spendendone una gran parte in festini e beni di lusso. .

Se era stato soprannominato "Don Euro" un motivo c'è, e l'hanno potuto constatare anche i giudici del Tribunale di Genova che hanno confiscato il "tesoro" di don Luca Morini: polizze assicurative, diamanti, una Fiat 500 e il contenuto di un conto corrente pari a 600 mila euro, per un valore totale dei beni di quasi un milione di euro. I diamanti, custoditi nel caveau della Intermarket Diamond Business, avevano un valore superiore a centomila euro. La confisca, effettuata dai carabinieri, era stata richiesta dalla Direzione Distrettuale Antimafia.

I beni di Don Euro erano stati inizialmente sequestrati il primo giugno di quest'anno, in attesa che il sacerdote ne spiegasse la provenienza. Nel frattempo però Morini non solo non ha fornito motivi validi, ma non si è neppure presentato in Tribunale. Per questo i giudici hanno ritenuto il prete un soggetto pericoloso ed hanno ordinato la confisca.

Come se non bastasse Don Euro aveva minacciato il vescovo, monsignor Giovanni Santucci, circa un presunto dossier su altri prelati della diocesi: in questo modo il sacerdote si era garantito l’usufrutto dell’appartamento acquistato per lui dalla diocesi, utenze comprese, lo stipendio di 800 euro mensili per la governante e una serie di somme di denaro sul suo conto.

 

Non è però tutto. Don Morini infatti aveva organizzato una truffa anche alle suore delle Figlie di nostra Signora, facendosi dare 400 euro per dire la messa di suffragio per le religiose defunte, somma che poi spendeva in Beauty farm. A questo vanno aggiunte le truffe ai fedeli, che mettevano mano al portafoglio con la convinzione di aiutare la parrocchia e non di pagare i festini di don Luca. I soldi che passavano nelle mani di Don Morini erano una cifra esagerata e in pochi anni gli ha permesso di accumulare milioni di euro, denaro che il prete ha investito nei gioielli e in parte ha speso per pagare i suoi vizi.

QUI

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Perche' in Russia tutti stanno comprando compresse allo IODIO?
Perche' in Russia tutti stanno comprando compresse allo IODIO?
(Genova)
-

ALLERTA NUCLEARE IN RUSSIA - Sale a 7 il numero dei morti causato dall’incidente avvenuto giovedì 8 agosto nell’area militare di Nyonoksa, nella regione di Arkhangelsk durante i test di un motore jet a propellente liquido.
ALLERTA NUCLEARE IN RUSSIA - Sale a 7 il numero dei morti causato dall’incidente...

Migranti, crolla il numero degli sbarchi col governo gialloverde. 80% in meno
Migranti, crolla il numero degli sbarchi col governo gialloverde. 80% in meno
(Genova)
-

MENO SBARCHI IN ITALIA - Crolla il numero dei migranti che sbarcano sulle coste italiane.
MENO SBARCHI IN ITALIA - Crolla il numero dei migranti che sbarcano sulle coste...

Allarme Furti con Chiave Bulgara mentre siamo in vacanza: come i ladri entrano in casa in pochi secondi
Allarme Furti con Chiave Bulgara mentre siamo in vacanza: come i ladri entrano in casa in pochi secondi
(Genova)
-

ALLARME FURTI CHIAVE BULGARA IN ITALIA - L’allarme sulla sicurezza delle nostre abitazioni è un problema crescente, il numero di furti continua ad aumentare.
ALLARME FURTI CHIAVE BULGARA IN ITALIA - L’allarme sulla sicurezza delle nostre...


(Genova)
-


CROLLO PONTE MORANDI, LA SITUAZIONE 1 ANNO DOPO - "The Phantom Pain" o la...

Citta' del Messico, rapina alla Zecca in stile CASA DI CARTA!
Citta' del Messico, rapina alla Zecca in stile CASA DI CARTA!
(Genova)
-

RAPINA STILE CASA DI CARTA CITTA' DEL MESSICO - Dalla Spagna all'altra parte dell'Atlantico: in Messico, nella capitale.
RAPINA STILE CASA DI CARTA CITTA' DEL MESSICO - Dalla Spagna all'altra parte...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati