Come fare il Cuoppo di cacio e fiori

(Napoli)ore 10:13:00 del 05/08/2018 - Tipologia: , Cucina

Come fare il Cuoppo di cacio e fiori

Per preparare il cuoppo di cacio e fiori cominciate dalla pastella che servirà per i fiori di zucca. Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida presa dalla quantità indicata (1). .

Cacio e pepe, quante volte avete pronunciato questo duetto imbattibile protagonista di pasta, crocchette e persino risotti!

Ma oggi, per creare un nuovo sodalizio, abbiamo fatto stringere una solida intesa tra il formaggio e gli irresistibili fiori di zucca impastellati.

Ma il bello deve ancora venire! Eh sì, perché gli esteti del food, e non solo, apprezzeranno l’originalità del modo in cui abbiamo deciso di servire il tutto: un ricco e croccantissimo cuoppo di cacio e fiori!

Ispirati dalla ricetta tradizionale napoletana, il cuoppo di mare, abbiamo optato per una versione vegetariana che sicuramente prenderà per la gola anche gli esperti friggitori partenopei!

Infatti i fiori di zucca fritti, risulteranno ben croccanti, mentre i cubi di formaggio mostreranno il loro cuore extra filante non appena li aprirete.

 A noi vien fame solo a parlarne, a voi no? Perciò mettiamoci subito all’opera e prepariamo insieme un goloso cuoppo di cacio e fiori!

Ingredienti per 4 cuoppi

Fiori di zucca 16 Acqua tiepida 220 g Farina 00 150 g Lievito di birra fresco 15 g Sale fino 6 g Zucchero 6 g Olio di semi di arachide q.b.

PER IL CACIOCAVALLO

Caciocavallo 360 g Farina 00 100 g Pangrattato 150 g Uova 3

Come preparare il Cuoppo di cacio e fiori

Per preparare il cuoppo di cacio e fiori cominciate dalla pastella che servirà per i fiori di zucca. Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida presa dalla quantità indicata (1). Quindi, in una ciotola con la farina, versate prima l’acqua mescolando con una frusta (2) e successivamente, sale, zucchero e il lievito diluito. Ottenete una pastella liscia e senza grumi (3).

Coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare a temperatura ambiente per una mezzoretta (4). Nel frattempo dedicatevi alla pulizia dei fiori. Staccate il gambo (5), i peduncoli (6)

e per finire il bocciolo interno (7). Tenete un attimo da parte e occupatevi del caciocavallo. Affettatelo a 3 cm di spessore e private della scorza (8). Infine tagliate a cubi di 3 cm (9).

Mettete a scaldare l’olio fino a 170°-180° in un pentolino capiente, meglio se riuscite a misurare la temperatura con il termometro. Quindi procedete con l’impanatura del formaggio. Passate i cubi prima nelle uova sbattute (10), poi nella farina (11) e di nuovo nelle uova (12).

Per finire nel pangrattato (13). Man mano disponete i cubi su un vassoietto e tienili un attimo da parte. (14). Quindi passate a friggere prima i fiori. Togliete la pellicola dalla pastella che risulterà bollosa (15).

Immergete completamente un paio di fiori (16) aiutandovi con delle pinze o una forchetta e poi tuffate nell’olio (17). Dopo qualche minuto, in cui risulteranno anche più gonfi, i primi fiori saranno dorati. Scolateli su carta assorbente e procedete con la cottura di tutti gli altri e salate leggermente (18).

Quando saranno tutti pronti procedete a friggere il formaggio, anche questo andrà fritto pochi pezzi alla volta (19). Non appena i cubi saranno dorati scolate su carta assorbente e cuocete tutti gli altri (20). Assemblate il vostro cuoppo di cacio e fiori inserendo dei pezzi misti e servite ancora caldissimi (21)!

Conservazione

Si consiglia di consumare il cuoppo di cacio e fiori appena pronto.

Si sconsiglia la congelazione o qualsiasi conservazione per evitare di perdere la fragranza.

Consiglio

Arrichite la vostra pastella con erbe aromatiche o spezie per rendere più goloso il vostro cuoppo di cacio e fiori!

Giallozafferano

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
Crostata con ricotta e marmellata: guida passo passo
(Napoli)
-

Se preferite è possibile conservare la frolla in frigorifero per 2-3 giorni, oppure congelarla per circa 1 mese.
  Di crostate ne abbiamo preparate tante. Dalla più semplice con la confettura...

Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Napoli)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Napoli)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Napoli)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Napoli)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati