COLLASSO GLOBALE entro il 2025

(Macerata)ore 07:26:00 del 14/06/2018 - Tipologia: , Denunce, Economia

COLLASSO GLOBALE entro il 2025

Avremo una dinamica globale sincronizzata, ma non sarà di “crescita” e stabilità, bensì di decrescita ed instabilità..

Per comprendere il tracollo globale sincronizzato che è in vista per il periodo 2021-2025, dobbiamo prima stabilire la relazione che intercorre tra “denaro” ed energia: il “denaro” non è altro che una rivendicazione sulla futura energia. Se non c’è energia disponibile per alimentare l’economia globale, il “denaro” avrà scarso valore.

Gli economisti convenzionali ci assicurano che l’energia è ora una piccola parte dell’economia globale, quindi le fluttuazioni dei suoi prezzi avranno un effetto limitato sulla prosperità globale. Cosa rimane però della prosperità globale quando l’energia non riesce ad incontrare la domanda attuale al prezzo che i consumatori possono permettersi?

L’attuale “comprensione economica” dell’energia e del “denaro” è un reperto di un periodo unico, in cui i combustibili fossili erano economici ed abbondanti. In economia, è quasi un atto di fede credere che l’energia diverrà sempre più abbondante ed a prezzo sempre meno caro, sol perché la polverina della tecnologia è irreversibile. Quando tra molti decenni i combustibili fossili scarseggerianno, avremo tutti generatori di fusione a freddo, o micro-centrali nucleari, o elettricità quasi gratuita dai pannelli solari, e così via.

Sono ovviamente un mucchio di balle. Sostituire i combustibili fossili richiede decenni e decine di migliaia di miliardi di dollari d’investimento. In altre parole, lo sviluppo energetico è una dinamica finanziaria. La tecnologia è solo il primo piccolo pezzo di un puzzle ben più grande.

La cosa diventa molto più chiara quando pensiamo che il miracoloso fracking ha provocato perdite per 250 miliardi di dollari.

Quel che intendo dire è che i profitti non sono garantiti in alcun settore dove si richiedano trilioni di nuovi investimenti per ottenere un rendimento positivo. Il cimitero finanziario è pieno di carcasse di costose tecnologie energetiche che avrebbero dovuto “salvare la civiltà industriale” con qualche nuova fonte pulita essenzialmente illimitata.

Gli economisti convenzionali tendono anche a trascurare l’impatto dell’aumento del consumo interno delle nazioni esportatrici di petrolio. Quando la domanda interna aumenta assieme a popolazione e prosperità, accade una cosa divertente; la nazione esportatrice potrebbe sì pompare la stessa quantità di petrolio, ma esportandone molto meno.

Poi c’è la balla che i governi non possono fallire perché possono sempre stampare tutti i soldi di cui hanno bisogno. Il Venezuela ne è una dimostrazione, giusto? Oops, scusate.

Non si può stampare più petrolio. Si possono stampare più rivendicazioni future sul petrolio (cioè “denaro”), ma l’unico risultato che si ottiene è svalutare l’esistente stock di “denaro”. Più “denaro” stampi più questo perde il proprio potere d’acquisto.

L’inflazione ha una caratteristica peculiare: stampare più “soldi” non risolve il calo del potere d’acquisto dovuto all’inflazione, bensì lo accelera. Il mainstream si è abituato alla fantasia che tutte le difficoltà finanziarie possano essere risolte dalle banche centrali creando più credito/”denaro”. Quando però entra in gioco l’inflazione negli elementi essenziali del mondo reale, come l’energia, l’espansione del “denaro” e del credito non risolve lo squilibrio tra domanda ed offerta – si svaluta solo il potere d’acquisto di tutto il “denaro” esistente, impoverendo chiunque lo possegga.

La terza crisi è la governance: in tutto il mondo, indipendentemente dall’ideologia, la qualità e la legittimità dei governi si stanno sgretolando. Le élite dominanti stanno facendo tutto il possibile per mantenere lo status quo intatto, ma le loro politiche stanno svuotando le varie economie ed indebolendo i paletti che sostenevano le società civili, ora sempre più fragili.

I tamponi finanziari, energetici e di governance cominceranno tutti a collassare, in un crollo globale sincronizzato nel periodo 2021-2025. Perché sincronizzato? Perché i mercati finanziari ed energetici globali sono un sistema unico. Una volta che i freni del sistema crollano, chiunque dipenda dal commercio, dalla finanza globale e dall’energia collasserà, in un effetto domino che inizierà con le nazioni periferiche più deboli. Nessun paese od impero sarà immune, dato che tutte le maggiori potenze si basano su “denaro” con valore fantasma ed energia che non può essere stampata dalle banche centrali.

Il “denaro” del Venezuela esemplifica il futuro di tutte le “monete”, tra cui l’euro, lo yen, lo yuan/renminbi ed il dollaro americano. Non c’è nulla di intrinsecamente permanente o prezioso nel “denaro” stampato dalle banche centrali o dai governi; non è altro che rivendicazioni su una diminuzione dell’offerta di futura energia.

Avremo una dinamica globale sincronizzata, ma non sarà di “crescita” e stabilità, bensì di decrescita ed instabilità. Le dure realtà dell’energia, del “denaro” e del malgoverno si ripresenteranno, e la tecnologia e le banche centrali stampa-soldi non ci salveranno.

Da: QUI

Articolo di Sasha

ALTRE NOTIZIE
Anche fondi stranieri fra i 'proprietari' di Autostrade per l'Italia
Anche fondi stranieri fra i 'proprietari' di Autostrade per l'Italia
(Macerata)
-

Dopo la strage di Genova e le minacce del Governo di ritirare le concessioni, uno sguardo a chi sono tutti i 'proprietari' di Autostrade per l'Italia.
Dopo la tragedia del crollo parziale del Ponte Morandi di Genova, sono stati in...

Regno Unito: fuori dalla UE tasso disoccupazione piu' basso da 40 anni a questa parte!
Regno Unito: fuori dalla UE tasso disoccupazione piu' basso da 40 anni a questa parte!
(Macerata)
-

Regno unito, mai così pochi disoccupati: effetto Brexit?
1,36milioni di persone senza lavoro: è il dato più basso da 40 anni Erano...

Ponte Morandi: le INTERROGAZIONI PARLAMENTARI durante il Governo Renzi
Ponte Morandi: le INTERROGAZIONI PARLAMENTARI durante il Governo Renzi
(Macerata)
-

Genova, ponte Morandi. Lo sciacallaggio del PD nei confronti del M5S
Genova, ponte Morandi. Lo sciacallaggio del PD nei confronti del M5S  In queste...

Frutta e verdura hanno l’80% in meno di vitamine e minerali rispetto a 30 anni fa!!
Frutta e verdura hanno l’80% in meno di vitamine e minerali rispetto a 30 anni fa!!
(Macerata)
-

Gli scienziati confermano: la frutta e verdura che mangiamo ha perso quasi tutti i suoi nutrienti a causa delle ibridizzazioni delle specie, l’impoverimento
Gli scienziati confermano: la frutta e verdura che mangiamo ha perso quasi tutti...

Gli ingegneri sanno misurare il rischio di crollo: NIENTE ACCADE PER FATALITA'!
Gli ingegneri sanno misurare il rischio di crollo: NIENTE ACCADE PER FATALITA'!
(Macerata)
-

In ingegneria i rischi non sono fatti di parole o chiacchiere. Il rischio è un fattore che viene concretamente misurato.
Vi presentiamo questo articolo di Davide Gioco, Ingegnere, da Attivismo.info,...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati