Clamoroso a Cremona: furti sacrilegi in chiesa

CREMONA ore 21:20:00 del 15/01/2015 - Tipologia: Cronaca

Clamoroso a Cremona: furti sacrilegi in chiesa

Clamoroso a Cremona: furti sacrilegi in chiesa | L’analisi di Italiano Sveglia.

Non possiamo parlare di crisi in questi casi. I casi di furti e di danneggiamenti all’altrui proprietà rientrano in reati non giustificabili. Se esiste un Dio, queste persone andranno dritte all’inferno. Denunciati due ambulanti esperti nella vendita di antiquariato, che nella notte tra il 4 e il 5 gennaio avevano messo a segno un colpo nella chiesa di San Pietro Apostolo di Soncino, scassinando una porta laterale. Il parroco, don Mario Marinoni, la mattina dopo aveva denunciato subito l’accaduto ai carabinieri di Soncino, che si sono messi subito sulle tracce dei ladri, forti del fatto che fortunatamente gli oggetti sacri erano stati fotografati e catalogati con le apposite schede predisposte dal Comando Tutela Patrimonio Culturale di Roma, unico organo nazionale che gestisce un catalogo delle opere d’arte trafugate, e quindi tale ha permesso di avviare subito le indagini atte ad identificare i responsabili e recuperare la refurtiva, interessando altresì anche il Nucleo TPC di Monza.

I militari, in collaborazione con personale del nucleo operativo di Crema, hanno portato avanti le indagini in questi giorni, soprattutto in ambito locale, in quanto “l’evento appariva consumato da parte di persone del posto che conoscevano bene il fatto circa la presenza di quegli oggetti sacri dentro la citata chiesa” fanno sapere i carabinieri, che nelle ore immediatamente successive al fatto hanno interrogato diverse persone del posto, riuscendo a raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti di una coppia di commercianti ambulanti del posto, dediti alla vendita di oggetti di antiquariato nei mercatini della Lombardia.Messi alle strette, i due hanno infine confessato, restituendo però solo parte della refurtiva, costituita da due pissidi ed un calice, in quanto il resto, secondo i due accusati, era già stato venduto a dei ricettatori stranieri. Il valore di quanto rinvenuto si aggira sui 15.000 euro.

I due malfattori sono stati denunciati per furto aggravato in concorso, mentre proseguono le ricerche della refurtiva mancante. Nella giornata di martedì quanto rinvenuto è stato restituito a Don Mario che ha reagito con grande commozione, ringraziando i carabinieri per l’impegno.“Il brillante risultato ottenuto è frutto sicuramente anche della presenza delle schede cataloganti gli oggetti asportati, che contengono le foto e la descrizione degli stessi – dichiarano dal Comando -. Si invitano, pertanto, tutte le persone che posseggono opere d’arte a rivolgersi presso le locali stazioni carabinieri per ottenere le schede da compilare e conservare, indispensabili per poter ricercare gli oggetti, qualora eventualmente trafugati”.

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!

-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

Roma: sindaca Raggi condannata per falso
Roma: sindaca Raggi condannata per falso

-

Una “pena minima” per un processo pesantissimo dal punto di vista politico, che alla luce del regolamento interno al M5S potrebbe mettere a rischio la permanenza stessa della sindaca di Roma alla guida del Campidoglio.
“Il senso deve essere quello di condurre tutti i processi allo stesso modo. E...

Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!

-

Il cardinale da 35 mila euro al mese: in Vaticano scoppia un nuovo scandalo
L’amico e primo consigliere di Francesco, Oscar Maradiaga, predicava il...

Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello
Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello

-

Torino, la dolce vita della “regina” rom: ville, auto di lusso e soldi dal Comune
Altro che roulotte ed elemosine, la “regina” dei rom a Torino fa la bella vita a...

Unicef: ogni 3 euro che doni, 2 vanno a una societa' privata!
Unicef: ogni 3 euro che doni, 2 vanno a una societa' privata!

-

Unicef: se doni 3 euro, 2 vanno a una società privata. Ma per il fondo per l’infanzia va bene così L’affare Play Therapy Africa – Scoperta dei pm di Firenze nell’inchiesta sui Conticini. Ma il Fondo per l’infanzia ha deciso che va bene così
Su dieci milioni di donazioni versate ad associazioni umanitarie per aiutare i...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati