Capesante gratinate: guida passo passo

(Cagliari)ore 18:37:00 del 27/12/2018 - Tipologia: , Cucina

Capesante gratinate: guida passo passo

E' preferibile consumare le capesante gratinate poco dopo averle preparate, ancora calde. Possono essere conservate per 1 giorno in frigo in un contenitore ermetico. .

Elegante e sfizioso allo stesso tempo: un antipasto perfetto per le feste. Sono le capesante gratinate! Una delicata e profumata panatura aromatizzata con timo, maggiorana e prezzemolo impreziosisce questi raffinati frutti di mare. In vista del cenone della vigilia o del pranzo di Natale, saranno una pietanza perfetta da presentare ai vostri invitati. Le capesante gratinate sono semplici da realizzare anche all'ultimo; voi pensate a rendere la panatura umida al punto giusto e a scegliere le capesante più carnose... al resto ci penserà la cottura in forno mentre voi potete sistemare gli ultimi dettagli della tavola da imbandire! E che la festa abbia inizio!

Ingredienti 

Capesante 8 Pane mollica 100 g Pepe nero q.b. Sale fino q.b. Olio extravergine d'oliva 40 g Scorza di limone 1 Prezzemolo q.b. Timo q.b.

COME PREPARARE: CAPESANTE GRATINATE 

Iniziate a preparare questa ricetta pulendo con cura le capesante. Togliete il mollusco dalla conchiglia, eliminate la frangia color nocciola, lavate sotto l’acqua corrente la “noce” (il muscolo bianco) e il “corallo” (la parte arancione). Lavate anche le conchiglie e tenetele da parte. Tritate il prezzemolo e mischiatelo con il pangrattato in una ciotolina. Disponete le capesante all’interno della loro conchiglia su una teglia da forno distanziandole di poco l’una dall’altra e distribuite sui molluschi il pangrattato al prezzemolo. 

Versate su ciascuna un po’ di vino bianco secco – potete usare anche il prosecco – e salate a piacere. Ponete su ognuna un fiocchetto di burro e infornate a 180° per 10-15 minuti, o fino a quando si saranno dorate. 

Sfornate le capesante gratinate e servitele subito.

Conservazione
E' preferibile consumare le capesante gratinate poco dopo averle preparate, ancora calde. Possono essere conservate per 1 giorno in frigo in un contenitore ermetico.
Si sconsiglia la congelazione.
Consiglio
Limone ed erbe aromatiche sono perfette per la panatura, ma potete anche variare: ad esempio un'abbinata vincente, togliendo la scorza di limone, è pistacchio e pomodorini!

Articolo di Carla

ALTRE NOTIZIE
Pizza di carne: guida
Pizza di carne: guida
(Cagliari)
-

Innanzitutto potete arricchire l’impasto della vostra pizza di carne con delle erbe aromatiche o spezie a piacere: prezzemolo, aglio e paprika affumicata.
  Qualcuno potrebbe infastidirsi nel sentirla chiamare pizza, ma la pizza di...

Uova alla monachina: guida
Uova alla monachina: guida
(Cagliari)
-

E' importante che la besciamella sia più densa del normale perché fungerà da collante quando dovrete ricomporre le uova.
  Le uova ripiene sono un classico fra gli antipasti di Pasqua, ma quelle che...

Simnel cake: guida
Simnel cake: guida
(Cagliari)
-

Se desiderate portarvi avanti con le preparazioni potete realizzare la base della torta il giorno prima oppure potete congelarla.
  SIMNEL CAKE RICETTA - Dalla colomba alla pastiera, passando per tutte le...

Sardenaira: guida passo passo
Sardenaira: guida passo passo
(Cagliari)
-

L’impasto si può realizzare anche con la planetaria munita di gancio per impasti. Se preferite potete utilizzare i pomodori freschi al posto della polpa di pomodoro.
  Intorno al 1450 nasce a Nizza la pissaladière, una gustosa focaccia condita...

Come fare i Conchiglioni ripieni
Come fare i Conchiglioni ripieni
(Cagliari)
-

Un'altra variante gustosa è la versione in bianco senza sugo di pomodoro: basterà insaporire con della cremosa besciamella!
  I conchiglioni sono un formato di pasta che accende la fantasia: si prestano...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati