Cannabis libera, arriva disegno di legge del M5S

(Firenze)ore 07:32:00 del 15/01/2019 - Tipologia: , Nuove Leggi, Politica

Cannabis libera, arriva disegno di legge del M5S

Il senatore del M5S Matteo Mantero ha depositato un disegno di legge in Senato per consentire la coltivazione di 3 piante e la detenzione di 15 grammi in casa e 5 fuori, oltre a dare un nuovo inquadramento alla cannabis light. .

Un disegno di legge per consentire la coltivazione domestica di cannabis in forma individuale fino a 3 piante, o associata, la detenzione di determinate quantità di cannabis, disciplinare gli illeciti stabilendo una differenza tra droghe leggere e pesanti e dare un nuovo inquadramento alla cannabis light, prevedendo la possibilità che sia venduta ad uso alimentare o erboristico.

È la nuova proposta del Movimento 5 Stelle che dopo un lungo silenzio torna a discutere della cannabis, un tema su cui in passato aveva puntato molto. Non è un argomento compreso nel contratto di governo, tanto che le posizioni dei due partiti di maggioranza sono antitetiche: se da un lato la Lega con il ministro Fontana, che ha la delega per le politiche antidroga, invoca la tolleranza zero anche nei confronti della cannabis light, il Movimento 5 Stelle torna a discutere di legalizzazione.

Cosa dice il disegno di legge
In particolare il disegno di legge prevede la coltivazione individuale fino a 3 piante e anche quella in forma associata, come avviene per i cannabis social club in Spagna, con un massimo di 30 persone previa comunicazione alla Prefettura, e la detenzione di 15 grammi di cannabis in casa e 5 fuori. Sulla cannabis light invece, oltre all'inquadramento per l'utilizzo alimentare o erboristico, l'obiettivo è quello di alzare il limite massimo di THC fino all'1%.
"Oggi ci troviamo di fronte ad una situazione nella quale le organizzazioni criminali controllano la produzione la trasformazione e la vendita di ogni tipo di sostanza proibita, i trasformatori e gli intermediari" spiega Matteo Mantero, il senatore del Movimento che ha depositato il disegno di legge in Senato, ricordando che anche la Direzione Nazionale Antimafia aveva decretato il fallimento delle politiche proibizioniste nelle relazioni del 2016 e del 2017.

Profitti per lo Stato non per le mafie

Il punto di partenza è che la legalizzazione della cannabis nel nostro paese potrebbe portare ingenti risorse nelle casse dello Stato, togliendole dalle tasche di mafie e criminalità organizzata, con un ulteriore risparmio dei costi legati alla repressione penale, come le operazioni delle forze dell’ordine e processi.  “In Italia il business del narcotraffico è stimato in circa 30 miliardi di euro, pari a circa il 2% del Pil nazionale, più della metà del mercato è costituito dalla marijuana e suoi derivati”, puntualizza Mantero a questo proposito, sottolineando che: “Consentire l'autoproduzione di cannabis come pure la regolamentare la produzione e la vendita di infiorescenze della cosiddetta "light" e consentirne l'utilizzo a scopo ricreativo costituirebbe un'importante tutela della salute pubblica, in quanto si sposterebbe il consumo di cannabis, dal mercato illegale di prodotti potenzialmente nocivi per la salute, a prodotti invece coltivati con rispetto per la salute dell'utilizzatore". Non solo, perché: "In Italia circa 5 milioni di persone fanno uso di hashish o marijuana ed essendo illegale coltivarla in casa, queste persone sono costrette a rivolgersi al mercato nero".

La cannabis è meno dannosa di alcool e tabacco
Secondo il senatore, "in molti sono d'accordo che sia insensato perseguire chi fuma uno spinello, visto che la marijuana non fa male come alcool e tabacco", e per supportare le sue parole cita uno studio scientifico pubblicato su Scientific Report nel 2015, in cui gli studiosi hanno calcolato che la marijuana è ben 114 volte meno letale dell’alcool. Per arrivare a questo risultato i ricercatori hanno analizzato il rischio di mortalità di diverse sostanze di uso comune per scoprire che, a livello di utilizzo individuale, l’alcool è al primo posto seguito da eroina, cocaina e tabacco. Il deputato ricorda inoltre che: "Oltre il 70% degli italiani sarebbe concorde a legalizzare l'utilizzo di questa sostanza, come storicamente hanno fatto o stanno facendo molti stati".

Le legalizzazioni nel mondo
Il riferimento è al numero crescente di paesi che scelgono la legalizzazione. Dopo l’Uruguay nel 2013, abbiamo assistito a 10 stati Usa che l’hanno resa legale anche per l’uso ricreativo, e oltre 30 per quello medico, il Canada ha legalizzato completamente la cannabis nell’ottobre scorso con un fatturato di 43 milioni di dollari canadesi nelle prime due settimane, in Messico, dopo il quinto pronunciamento della Corte suprema che ha dichiarato incostituzionale la legge che proibisce la produzione e il consumo di cannabis, stanno discutendo una legge ad hoc. In Europa il Portogallo ha depenalizzato il consumo di tutti gli stupefacenti dal 2001, l’Olanda da tempo tollera la vendita e il consumo di cannabis sta ragionando su una legge per regolare la produzione, la Spagna, dopo l’esperimento dei Cannabis Social Club, nati per un vuoto legislativo che non prevede come reato il consumo di cannabis nei luoghi privati, vuole diventare il primo paese europeo a legalizzare ma rischia di essere battuta sul tempo dal Lussemburgo.

“D'altra parte – conclude Mantero – proprio l'esperienza degli stati che hanno regolamentato in forma legale il mercato della marijuana dimostra che il numero dei consumatori non è affatto cresciuto, né è aumentato l'impatto sociale e sanitario direttamente o indirettamente connesso al consumo. A crescere sono stati solo il reddito legale e il gettito fiscale del mercato legalizzato".

Da: QUI

Articolo di Luca

ALTRE NOTIZIE
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
(Firenze)
-

State sereni, il suo obiettivo lo ha raggiunto: far mangiare tutti gli sciacalli che ci giravano intorno!
Mose, con le tangenti di Galan appartamenti di lusso a Dubai. Sequestrati 12,3...

Francia: cancellato l'ITALIANO dalle Scuole
Francia: cancellato l'ITALIANO dalle Scuole
(Firenze)
-

Dopo il corposo taglio di cattedre per l’insegnamento dell’italiano nella scuola francese, arriva l’appello firmato da diversi docenti francesi e molti intellettuali italiani, da Andrea Camilleri ad Ascanio Celestini, per il ripristino dell’insegnamento d
Prima la Gioconda, poi il primato sulla cucina, oggi l'insegnamento...

Salvini, Di Maio e Conte: governo italiano indagato per SEA WATCH 3
Salvini, Di Maio e Conte: governo italiano indagato per SEA WATCH 3
(Firenze)
-

Sea Watch 3, indagati anche Conte, Di Maio e Toninelli insieme a Salvini
Dopo la notizia dell'indagine a carico del ministro degli Interni Matteo...

I 12 miliardi di Debito di Roma? LI PAGHERANNO GLI ITALIANI.
I 12 miliardi di Debito di Roma? LI PAGHERANNO GLI ITALIANI.
(Firenze)
-

L’annuncite acuta del M5S non è una novità nel panorama politico, basti pensare al contratto con gli italiani di Berlusconi, alle promesse di Renzi o al retaggio della Prima Repubblica
L’annuncite acuta del M5S non è una novità nel panorama politico, basti pensare...

L'UE vuole PIGNORARE le PRIME CASE ai greci: e' questa la SOLIDARIETA' EUROPEA?
L'UE vuole PIGNORARE le PRIME CASE ai greci: e' questa la SOLIDARIETA' EUROPEA?
(Firenze)
-

Formalmente Atene è uscita dal programma di assistenza finanziaria dell’Unione europea il 20 agosto dello scorso anno, ma i 4,8 miliardi che la Grecia dovrebbe ricevere da qui al 2022 sono ancora fermi a Bruxelles.
Formalmente Atene è uscita dal programma di assistenza finanziaria dell’Unione...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati