Black Paradox: cosa sapere

(Perugia)ore 09:50:00 del 09/05/2019 - Tipologia: , Videogames

Black Paradox: cosa sapere

Il nostro obiettivo sarà quindi quello di farci strada attraverso livelli sempre diversi, fronteggiando miriadi di nemici, cinture di asteroidi, mine pazzesche e un reticolo di proiettili dalle forme geometriche precise e colorate che delizieranno i nostr.

RECENSIONE BLACK PARADOX - Un tuffo dove il gioco è retrò, perché no? La nostalgia dal sapore amarcord non smette di permeare il panorama videoludico, soprattutto per quanto riguarda la produzione indipendente italiana, sempre più costellata da titoli dai pixel sempre più evidenti e da richiami per nulla velati alla cultura Anni Ottanta nella grafica e nella colonna sonora.

Non è da meno il titolo di Fantastico Studio, ossia il suo Black Paradox in arrivo su PS4 l’1 maggio, e Xbox One e Nintendo Switch il 3 maggio. Uscito da poco dall’Early Access, questo rogue-lite shoot ’em upa scorrimento orizzontale e a ritmo parecchio serrato è tanto colorato, quanto dalla narrazione piuttosto povera, ma non del tutto assente. Vi raccontiamo quindi in breve cosa accade nello spazio inventato da Fantastico Studio, che ci permette di calarci nei panni di un navigatore spaziale, nonché cacciatore di taglie, chiamato appunto Black Paradox. Ci troveremo alla guida della Star Phoenix per dare la caccia a nemici di varia natura e dimensione, tutti sotto forma di navicelle, prima di poter finalmente scontrarsi con uno dei sette comandanti degli Hellraisers.

RECENSIONE BLACK PARADOX -Facile a dirsi, difficile a farsi, poco ma sicuro: non sarà affatto facile sterminare gli scagnozzi lanciati nello spazio da questi criminali, pronti a scaricarci un intero arsenale bellico per ostacolarci. Il nostro obiettivo sarà quindi quello di farci strada attraverso livelli sempre diversi, fronteggiando miriadi di nemici, cinture di asteroidi, mine pazzesche e un reticolo di proiettili dalle forme geometriche precise e colorate che delizieranno i nostri occhi (e purtroppo ci distrarranno anche, rischiando il game over), prima di imbatterci nello scontro con il boss di turno. Il premio, immancabile, è la taglia corrispettiva, che potremo poi spendere per migliorare ulteriormente la nostra astronave.

RECENSIONE BLACK PARADOX -Uno degli elementi fondamentali di questo gioco infatti è la concentrazione su di noi, sul potenziamento della nostra astronave, una sorta di level up del nostro eroe che qui dipende non da punti accumulati, ma dal denaro raccolto in proporzione a quantità e difficoltà dei nemici sconfitti. Mixando tranquillamente elementi di sparatutto spaziale e simulatore di guida, Black Paradox si sposta dagli scontri galattici all’Officina, dove la nostra compare sistemerà la nave prima di partire per il primo livello di gioco. Anche in seguito però potremo occuparci della nostra macchina, accettando i premi che vengono di volta in volta offerti in negozio e che possiamo acquistare o pagare per visionare un’alternativa a quelli offerti dall’IA.

I primi vengono presentati come pacchetti collezionabili che incontreremo durante le varie missioni. Essi contengono per lo più armi e dureranno fino a quando non li cambieremo per qualcos’altro o incapperemo in una morte prematura. C’è una buona varietà di strumenti da usare per sconfiggere i nostri nemici, anche se dover fare affidamento su drop casuali piuttosto che su un vero e proprio negozio dà ad ogni partita una dipendenza dal caso più alta di quanto mi sarei aspettato.

Fantastico Studio, poi, ha donato ad ogni arma la possibilità di influenzare la partita al di fuori della propria forza distruttiva. Raccogliere ed imbracciare un raggio della morte gigante, per esempio, finirà per rallentare la nostra nave; mentre altri equipaggiamenti potrebbero invertire i controlli di gioco o comportarsi in modo imprevedibile. Sebbene alcuni giocatori abbiano espresso le loro preoccupazioni su quanto complicato possa risultare questo sistema, personalmente credo che un simile approccio aggiunga nuove sfide alla partita; in definitiva rendendo ogni tentativo davvero unico.

Gli aggiornamenti permanenti, in contrasto, sono effettivamente in vendita nel negozio di gioco. Saremo in grado di aggiungere alla la nostra nave  un massimo di quattro chip, ciascuno dei quali potrà modificare le statistiche di base del veicolo o conferirgli abilità speciali. Gli aggiornamenti sono comprabili con dei crediti che i giocatori ricevono ad ogni uccisione ed appariranno casualmente sugli scaffali ogni volta che visiteremo il negozio stesso.

Mi trovo sinceramente un po’ in conflitto con me stesso per quanto riguarda l’efficacia di questi chip. Mentre alcuni di essi influiscono in modo sostanziale sull’esperienza – con effetti come la rigenerazione degli HP o una maggiore tolleranza al danno – la maggior parte di essi sembra troppo costosa per quello che offre. Questo è qualcosa che il team di sviluppo potrebbe voler tenere d’occhio, specialmente in quelle situazioni in cui il gioco diventa più impegnativo.

Guardati Intorno …

Memorizza Ogni Dettaglio!

Infine, sento che farei a Black Paradox un torto se non parlassi dei molti avversari e delle ambientazioni che ho incontrato nel mio tempo passato con il gioco. I nemici che ho affrontato erano indubbiamente difficili ma mai impossibili come i loro fratelli che ho trovato in altri titoli. Anche nelle sezioni più complesse di un livello, non mi sono mai sentito come se non avessi altra scelta al di fuori del farmi colpire.

La caratteristica più importante dei banditi che abbatteramo, tuttavia, risiede nella loro unicità. I modelli sono abbastanza distinguibili da permetterci di ricordare esattamente come si comportano i nostri avversari. Questa è una caratteristica importante in un gioco che si basa su perma-death e nessun checkpoint, dato che anche fallire potrà insegnarci alcune preziose lezioni.

Oltre a una solida varietà per quanto riguarda i normali nemici, Black Paradox ci presenta anche 7 boss; ognuno con le proprie tattiche d’ attacco ed intelligenze artificiali specifiche. Inizieremo con un paio di tenenti di basso grado e potremo raggiungere la cima della catena alimentare a suon di proiettili. Ogni uccisione ci porterà sempre più vicini al Big Boss e ci consentirà anche di guadagnare un bel po’ di grana per la nostra lista della spesa.

Tutte le battaglie si svolgono su alcuni degli sfondi più belli che io abbia mai visto in un gioco di questo genere. I designer si sono chiaramente preoccupati dell’aspetto finale del loro progetto e hanno modellato il mondo al massimo delle loro capacità, facendo un ottimo uso della pixel art. I risultati sono accattivanti, molto dettagliati e sinceramente affascinanti! Una memorabile colonna sonora synth-wave fa il resto, permettendo ai giocatori di immergersi in un ambiente difficile da dimenticare.

Articolo di Gerardo

ALTRE NOTIZIE
Transport Fever 2: cosa conoscere
Transport Fever 2: cosa conoscere
(Perugia)
-

Abbiamo affrontato la prima missione della Campagna, ambientata in America nel 1855: ci si deve occupare di costruire i primi sistemi di trasporto in una terra selvaggia dove mancano totalmente i collegamenti tra un insediamento e l’altro.
  ANTEPRIMA TRANSPORT FEVER 2 - Transport Fever 2 è il sequel del primo...

Dragon Quest Builders 2: guida
Dragon Quest Builders 2: guida
(Perugia)
-

Questo verme, uno dei mostri classici di Dragon Quest, arerà per noi il terreno per la coltivazione, aiutandoci a risparmiare tempo.
  DRAGON QUEST BUILDERS 2 ANTEPRIMA - Lo scopo di Builders, generalmente, è...

The Surge 2: cosa conoscere
The Surge 2: cosa conoscere
(Perugia)
-

Ci sono nuove tipologie di armi, e c’è una differenza nella velocità delle animazioni d’attacco a seconda di quella scelta.
  ANTEPRIMA THE SURGE 2 - Dopo aver realizzato il primo the Surge, il team Deck...

Field Of Glory Empires: cosa conoscere
Field Of Glory Empires: cosa conoscere
(Perugia)
-

Siamo così arrivati all’annuncio di quello che probabilmente è uno dei progetti più ambiziosi del publisher britannico, Field of Glory Empires.
  FIELD OF GLORY EMPIRES RECENSIONE - Si può dire tutto, ma non Slitherine non...

Samurai Shodown: cosa conoscere
Samurai Shodown: cosa conoscere
(Perugia)
-

Certo, è palese che si tratta di un gioco realizzato con un budget limitato (purtroppo SNK non versa nella stessa, rosea situazione economica di Capcom), ma è altrettanto vero che la volontà riposta nel creare un titolo rispettoso della saga principale –
  RECENSIONE SAMURAI SHODOWN - Samurai Shodown non era un titolo basato su...



Leggendo | Richiesta informazioni | Sitemap articoli

2013 Leggendo - Tutti i diritti riservati